Pubblicità

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.

anorgasmia sessuologia psicologiaIl termine anorgasmia viene spesso confuso e sovrapposto erroneamente con quello di “frigidità” che, nella forma totale, presuppone anche l'assenza di desiderio sessuale.

Attualmente, il termine anorgasmia, seguendo la classificazione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5, 2013) rientra nella categoria delle disfunzioni sessuali e prende il nome di Disturbo dell'orgasmo femminile.

È una disfunzione sessuale che influenza circa il 42% delle donne ad un certo punto della loro vita.

In accordo al DSM-5, il disturbo dell'orgasmo femminile o anorgasmia è caratterizzato da un significativo cambiamento nell'orgasmo che può riguardare un ritardo di esso, una riduzione della sua intensità o la cessazione definitiva.

Sebbene non sia stata identificata nessuna causa, il disturbo dell'orgasmo femminile è stato associato a problemi relazionali, stress, depressione, ansia, assunzione di farmaci e condizioni mediche croniche.

Il DSM-5 specifica che i cambiamenti inerenti la riduzione dell'intensità, il ritardo o l'assenza di orgasmo devono durare da almeno sei mesi e non essere correlati ad altri problemi fisici, mentali o relazionali.

Per alcune donne, il cambiamento problematico nell'orgasmo si verifica infatti dopo un periodo normale di attività sessuale; per altre donne, la condizione è invece permanente, ossia presenta sin dal primo rapporto sessuale.

In alcuni casi, il disturbo può verificarsi solo in determinate situazioni o specifici partner sessuali ma non persistere in altre; per altre donne, invece, la condizioni persiste in tutti gli incontri sessuali.

Ogni donna risponde a questa condizione in modo diverso; alcune sperimentano alti livelli di sofferenza, mentre altre sono solo leggermente infastidite.

La presenza di sofferenza e stress è necessaria per una corretta diagnosi del disturbo dell'orgasmo femminile.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879

Uno studio ha rilevato che più della metà delle donne sposate riporta problemi di orgasmo o eccitazione.

Di queste, più di tre quarti hanno riferito di essere soddisfatte delle loro relazioni sessuali.

Cause del disturbo dell'orgasmo femminile

Il disturbo dell'orgasmo femminile è complesso e non è stata identificata una singola causa; tuttavia, il DSM-5 asserisce che diversi fattori possono contribuire al disturbo.

In primo luogo, i problemi dei partner possono essere correlati a tale disfunzione sessuale. Una donna il cui partner ha problemi sessuali o di salute può subire un'interruzione dell'orgasmo. Allo stesso modo, i problemi relazionali possono contribuire.

Le circostanze che si presentano all'interno di una relazione di coppia come ad esempio litigi continui, abuso, scarsa comunicazione e incomprensioni o differenze riguardanti l'intimità e la soddisfazione sessuale possono portare a problemi sessuali di questo tipo.

Lo stress può anche influenzare il desiderio sessuale nonché l'orgasmo. Le donne che soffrono di stress estremo per una varietà di circostanze presenti nella loro vita possono sviluppare anorgasmia.

Le vulnerabilità personali possono anche contribuire al disturbo dell'orgasmo femminile. Questi includono una storia personale di abuso sessuali, un'immagine corporea negativa, ansia o depressione.

Contribuiscono anche fattori psicosociali come l'attitudine al sesso, le opinioni religiose, l'esperienza sessuale ed il livello di istruzione.

Il disturbo dell'orgasmo femminile può anche essere causato da condizioni fisiche, malattia o farmaci.

Malattie croniche come una cardiopatia, problemi alla tiroide, asma, diabete, sclerosi multipla e condizioni pelviche sono correlate positivamente con il disturbo dell'orgasmo femminile.

Inoltre diversi farmaci sono associati a disfunzione sessuale; in particolare quelli che inibiscono l'orgasmo sono antidepressivi, antipsicotici, stabilizzatori dell'umore, trattamenti per il cancro e farmaci cardiovascolari.

Si sospetta inoltre una componente genetica, poiché l'ereditabilità varia dal 34% per le difficoltà nel raggiungere l'orgasmo durante il rapporto sessuale, al 45% per raggiungere l'orgasmo attraverso la masturbazione.

Tuttavia, poiché molte donne non sono a conoscenza delle storie sessuali dei loro familiari, questa posizione è controversa.

Uno studio australiano del 2011 ha esaminato l'eccitazione sessuale, l'attività sessuale e l'orgasmo in un campione di 2.914 gemelle adulte per misurare i tassi di orgasmo durante una varietà di attività sessuale.

Pubblicità

Lo studio ha rilevato che la genetica, oltre a diversi fattori tra cui lo stato sociale, l'occupazione, la malattia infantile, il numero di partner della vita e l'età della prima esperienza sessuale non hanno avuto un impatto significativo sul disturbo dell'orgasmo femminile.

Prevalenza del disturbo dell'orgasmo femminile

Dopo il disturbo da desiderio sessuale ipoattivo, il disturbo orgasmico femminile è il disturbo sessuale più comune tra le donne. Circa il 28% delle donne negli Stati Uniti, in Sud America ed in Europa soddisfano i criteri per il disturbo dell'orgasmo femminile.

In Asia, la prevalenza raggiunge il 46%; in altri paesi, la prevalenza è sconosciuta a causa dei limiti culturali inerenti la discussione di questioni sessuali nella popolazione femminile.

Comorbidità

Esiste un alto livello di comorbidità tra il disturbo dell'orgasmo femminile e altre disfunzioni sessuali. Il 31% delle donne con diagnosi di anorgasmia ha anche difficoltà nella fase di eccitazione sessuale.

Un'altra metà delle donne ha anche problemi di lubrificazione, desiderio, dolore o vaginismo.

L'ansia è un altro disturbo diagnosticato in più di un quarto delle donne che soddisfano i criteri per l'anorgasmia.

Una propensione generale all'ansia può portare ad un'ansia sessuale, che si ripercuote sull'esperienza sessuale inibendo così l'orgasmo.

La depressione è anche comunemente associata a disfunzione sessuale; più della metà delle donne con disturbo dell'orgasmo femminile soddisfano anche i criteri per la depressione.

Trattamento

Sebbene l'anorgasmia sia un disturbo complesso, sono disponibili diverse opzioni di trattamento efficaci.

Poiché i problemi relazionali sono spesso presenti nelle donne con diagnosi di disturbo dell'orgasmo femminile, la terapia di coppia è un intervento efficace.

Durante la terapia, il paziente ed il partner hanno la possibilità di rafforzare le abilità comunicative, l'ascolto, la riflessione, l'espressione emotiva e la risoluzione dei conflitti.

Nei casi in cui la donna viene trattata individualmente, si raccomanda la collaborazione del partner.

Quando i pensieri e le emozioni dolorose sono presenti in una donna con diagnosi di anorgasmia, la terapia cognitiva-comportamentale può affrontare efficacemente queste preoccupazioni per ridurre i sintomi.

Nei casi in cui sia presente inesperienza o disagio sessuale, si raccomanda un training focalizzato sulla masturbazione.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061

Questo approccio dura in genere da 4 a 16 settimane; durante il training di masturbazione diretta, i pazienti vengono gradualmente esposti alla stimolazione genitale e possono incorporare giochi di ruolo, fantasie sessuali e vibratori per facilitare l'orgasmo.

Questa tecnica è estremamente efficace, con il risultato che il 90% apprende modalità attraverso cui raggiungere l'orgasmo durante il trattamento.

Per le donne la cui disfunzione sessuale deriva dall'incapacità di concentrarsi o rimanere “nel momento” durante l'attività sessuale, la pratica dello yoga e la mindfulness sono interventi efficaci.

Per le donne la cui disfunzione sessuale si è sviluppata durante o dopo la menopausa, il trattamento ormonale è spesso utile in combinazione ai trattamenti comportamentali.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

American Psychiatric Association. (2013). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (5th ed.). Arlington, VA: American Psychiatric Publishing.

Laan, E., Rellini, A.H.& Barnes, T. (2013). Standard operating procedures for female orgasmic disorder: Consensus of the International Society for Sexual Medicine. The Journal of Sexual Medicine. 10(1):74-82

  |   Letto: 1100 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.