Pubblicità

Afefobia

afefobiaL'afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e essere toccati da altre persone.

La parola afefobia, data dall’unione di due parole greche “ἄπτω” (toccare) e “φόβος” (paura) è la paura inconscia di una possibile violazione della sfera intima.

Nella maggior parte dei casi questa fobia, se specifica, ha risvolti di tipo sessuale in quanto la paura del contatto fisico è legata solo alle persone del sesso opposto. Nei casi di afefobia generalizzata, invece, la fobia del contatto fisico è estesa a tutte le persone, sia conosciute sia estranee.

Nelle prime fasi della vita, il bambino percepisce l’affetto e la presenza dei genitori proprio attraverso il contatto fisico e, se questo viene a mancare, il piccolo da adulto potrebbe sviluppare l’afefobia. Non a caso alla base di tale paura c’è, spesso, un trauma non superato o la mancanza di affetto e di vicinanza da parte dei genitori durante l’infanzia.
Quindi la paura del contatto fisico molto frequentemente è associata ad una violenza sessuale subita durante l’infanzia; è stato accertato, infatti, che molti adulti, abusati in età infantile, hanno poi somatizzato il trauma subito, con la paura di essere toccati.

Il contatto fisico riveste un ruolo primario nella vita sociale; alla nascita è il senso più sviluppato e contribuisce in maniera determinante all’evoluzione del pensiero, del cervello e allo sviluppo dei legami interpersonali.
Nel primo anno di vita, poi, la sua presenza o la sua assenza giocano un ruolo chiave per imparare a comunicare; inoltre, la frequenza con cui si è tenuti in braccio, coccolati, accarezzati dopo la nascita consente al neonato di sviluppare il senso dello spazio e del tempo, proprio in conseguenza delle ripetute separazioni e contatti con chi si prende cura di lui.

I sintomi della paura del contatto fisico
La paura del contatto fisico non è immediatamente riconoscibile. Spesso la ritrosia dimostrata da alcune persone al contatto fisico viene scambiata con la timidezza. L’afefobia risulta evidente solo quando i sintomi cominciano a diventare più gravi e la paura del contatto fisico comincia ad influenzare pesantemente la vita e le scelte del soggetto.

La paura del contatto fisico si esprime essenzialmente con il disagio e la repulsione ingiustificata e incontrollata del contatto con le persone. Le persone affette da questa fobia cercano di proteggere disperatamente i propri spazi, per timore di possibili invasioni della loro sfera personale o per timore di eventuali contaminazioni. Spesso, le persone affette da afefobia, temono il contatto fisico per la paura di essere contagiate con germi e batteri.

Quando si trovano in una situazione considerata a rischio cominciano ad avvertire un forte disagio, a tremare e a sudare. Nervosismo, angoscia, senso di soffocamento sono le sensazioni che solitamente assalgono chi sfugge il contatto fisico.
Sentire che l’altro ha superato la distanza di sicurezza e magari ci sta abbracciando spontaneamente anche solo per dimostrare riconoscenza, ci crea disagio, imbarazzo, fastidio, malessere: è come sentirsi nudi, senza protezione. Possono verificarsi episodi di tachicardia, problemi di respirazione ed attacchi di panico in circostanze che non rispettano, per la persona che soffre di afefobia, tale distanza di sicurezza.
L’istinto porta ad attuare un meccanismo di conservazione detto di "evitamento", ovvero, allontanarsi da tutte le situazioni in cui potrebbero entrare in contatto fisico con altre persone.

Sono evidenti le notevoli limitazioni determinate nella sfera privata, lavorativa e sessuale dalla paura del contatto fisico. Limitazioni che a lungo andare portano al completo isolamento del soggetto e allo sviluppo di disturbi psichici molto gravi di conseguenza.

Curare la paura del contatto fisico
La paura del contatto fisico è una fobia specifica, ovvero, un disturbo d'ansia causato da una paura irrazionale legata ad un oggetto o ad una situazione specifica. In questi casi si consiglia di intervenire con una terapia cognitivo - comportamentale che aiuti il soggetto a razionalizzare la propria fobia, a gestire le proprie paure e a realizzare che non c’è nulla da temere, in tal caso, nel contatto fisico con le altre persone. Lo psicoterapeuta, solitamente, ritiene opportuno esporre in maniera graduale e controllata il soggetto alla sua paura in modo da aiutarlo a comprendere l’irrazionalità della suddetta.

Le cause di questo disagio vanno ricercate attraverso il supporto di una figura professionale e, prima di tutto, nella relazione con i genitori. Per esempio sarebbe utile chiedersi che tipo di rapporto abbiamo avuto con il tatto quando eravamo bambini, dato che il corpo ha una memoria storica e porta su di sé segni anche invisibili.
Non a caso nei primi mesi di vita, i pediatri consigliano alla madre e al padre di far sentire al figlio la loro presenza fisica proprio attraverso il contatto, le carezze e l’abbraccio. Questo fa si che il bambino possa vivere un’esperienza positiva del proprio corpo, crescere sentendosi amato e protetto e allo stesso tempo possa sviluppare sicurezza di sè e fiducia negli altri.

Naturalmente però, un eccesso di amore, così come di troppo contatto fisico, prolungato nel tempo, può avere delle conseguenze opposte che si possono riscontrare nel futuro adulto: fuga dal contatto fisico e quindi dalle relazioni umane.

 

PER APPROFONDIMENTI:

  • Fobiasociale.org
  • La Stampa

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

 

  |   Letto: 10414 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.