Pubblicità

Aprassia

L'aprassia (dal greco "A" prefisso di negazione e "Praxia", cioè fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell'attività motoria, che compare specificatamente durante l'esecuzione intenzionale di un movimento finalizzato.

aprassiaIl disturbo che riguarda l’esecuzione dei gesti si dice aprassico se non è attribuibile a un deficit di input (sensoriale: sordità o disturbi di comprensione, cecità o agnosia visiva, anestesia tattile e stato- cinestesica, agnosia tattile), né a un deficit di output (motorio primario: paresi, tremore, atassia, ipocinesia o ipercinesia).

L’aprassia, inoltre, non è secondaria a deficit di orientamento spaziale o della rappresentazione del corpo, né a inerzia motoria di tipo frontale.

Il disturbo colpisce i livelli superiori dell’organizzazione del gesto, quelli in cui è ideato e selezionato lo schema motorio congruente con le intenzioni dell’individuo e adeguato al contesto. Di regola i pazienti aprassici eseguono senza difficoltà i movimenti richiesti da una determinata situazione, ma sono incapaci di produrre quegli stessi movimenti su richiesta verbale o su semplice imitazione dell’esaminatore (dissociazione automatico/volontaria).

Le aprassie si possono distinguere:

1) In base al distretto corporeo interessato e, quindi, ai sistemi effettori colpiti:

Aprassia bucco- facciale (ABF): interessa i muscoli dell’apparato oro- glosso – faringo – laringeo e si manifesta nella difficoltà del paziente a protrudere la lingua, fischiare, dare un bacio, raschiarsi la gola e, talvolta, deglutire. L’ ABF non è dovuta a un deficit di comprensione dell’ordine verbale, poiché si manifesta anche su imitazione e consegue a lesioni della corteccia premotoria e della parte anteriore dell’insula dell’emisfero sinistro.

Aprassia del tronco: interessa i movimenti eseguiti con la muscolatura assiale ed è associata a lesioni frontali bilaterali, includendo delle volte anche l’aprassia della stazione eretta e della marcia. Pertanto la difficoltà ad eseguire movimenti con la muscolatura assiale si accompagna di frequente all’incapacità di organizzare adeguatamente il programma motorio della deambulazione.
Aprassia degli arti: il disordine del movimento riguarda gli arti, superiori e/o inferiori; nei pazienti destrimani, una lesione dell’emisfero sinistro può compromettere l’organizzazione del gesto finalizzato di ambedue gli arti superiori.

Aprassia della marcia: nei casi più gravi questi pazienti mostrano notevole impaccio e incertezza nel camminare, ma generalmente hanno la tendenza ad inciampare in se stessi.
Aprassia dell’abbigliamento: alla capacità di abbigliarsi concorrono almeno tre tipi di diversi di conoscenze. Innanzitutto è necessario conoscere a cosa servono i diversi indumenti e come si usano in relazione al contesto; in secondo luogo, bisogna possedere le conoscenze motorie necessarie per l’uso dei diversi capi di abbigliamento e, in ultimo, quando vogliamo infilarci un indumento dobbiamo far corrispondere le diverse parti di cui è composto alle corrispondenti parti del corpo.
Solitamente, i pazienti affetti da aprassia dell'abbigliamento hanno difficoltà specifiche nell’uso degli indumenti, nel senso che non sono in grado di vestirsi da soli; molto spesso questo deficit è associato alla negligenza spaziale unilaterale.

2) In base al livello del processo di elaborazione colpito:

Aprassia ideativa (AI): comporta l’incapacità di utilizzare oggetti di uso comune, sia presi singolarmente (es. usare un martello), che utilizzati in una sequenza complessa (es. accendere una candela utilizzando un fiammifero). In questo tipo di compiti i pazienti compiono soprattutto errori di omissione, di localizzazione e di uso errato dell’oggetto. E’ come se non sapessero più cosa è necessario fare e incontrassero difficoltà anche nel mimare l’uso degli oggetti su presentazione visiva o richiesta verbale (pantomima). Alla base del deficit ideativo c’è un’amnesia d’uso, che impedisce di accedere adeguatamente al repertorio semantico delle caratteristiche funzionali degli oggetti.
Le lesioni per un deficit di questo tipo si mostrano prevalentemente nelle regioni posteriori dell’emisfero sinistro (cortecce temporale, parietale e occipitale).

Aprassia ideomotoria (AIM): i pazienti che presentano questo disturbo riconoscono i gesti, quindi sanno cosa andrebbe fatto, ma non sono in grado di tradurre il programma motorio nei movimenti che l’uso di un oggetto o l’esecuzione di una determinata azione richiedono.
I pazienti non sono dunque in grado di eseguire l’azione né su richiesta verbale, né su imitazione e mostrano difficoltà di imitazione dei gesti, soprattutto quelli senza senso. Essi compiono soprattutto errori di perseverazione, sostituzione, goffaggini, conduite d’approche ( cioè ripetuti tentativi di avvicinarsi alla forma corretta del gesto).
Il deficit ideomotorio consegue a lesioni della corteccia parietale inferiore, di quella premotoria laterale dell’emisfero sinistro e del corpo calloso.

Lo studio sistematico di diversi pazienti aprassici ha permesso di stabilire che l’emisfero sinistro svolge un ruolo privilegiato, sebbene non esclusivo, nell’organizzazione del gesto; solitamente tale deficit si osserva in associazione con l’afasia, perché le lesioni che causano i due deficit sono anatomicamente contigue.

L’aprassia costituisce un grave impedimento all’autonomia del paziente, nonostante la presenza della dissociazione automatico- volontaria, che può permettere al paziente di eseguire azioni che gli sono molto familiari, ma che non è più in grado di produrre su comando.

 

PER APPROFONDIMENTI:

  • Neuropsicologia.it
  • Manuale di Neuropsicologia, Ed. Il Mulino
  • Dizionario di Psicologia, Ed. Paoline

 

( a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

 

  |   Letto: 3206 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.