Pubblicità

Cotard (Sindrome di)

cotard-sindromeJules Cotard, un neurologo francese dell’Ottocento, fu il primo che descrisse con il nome "Le délire de négation" (il delirio di negazione) una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni.

Tipicamente chi soffre di questa patologia arriva a negare totalmente di esistere, riscontrando conseguentemente molta difficoltà a trovare un senso alla realtà.

Si suppone che il delirio derivi da un’interruzione patologica delle fibre nervose che connettono il centro delle emozioni alle aree sensoriali. Questa alterazione neurologica spiega perché nulla riesce più ad avere una qualche rilevanza emotiva per il paziente, al punto che l'unico modo per spiegare razionalmente questa totale assenza di emozioni rimane quello di credere di essere morto. Se queste sono le condizioni, il soggetto affetto reagisce ritirandosi dalla vita sociale e non prendendosi più cura di se stesso.

La sindrome di Cotard è detta "Sindrome dell'uomo morto”, in quanto il paziente ha la forte convinzione di soffrire di una profonda trasformazione corporea, come il progressivo raggrinzimento, fino a sentirsi morto appunto. Oltretutto è nota anche come “Sindrome del cadavere ambulante" perché, tra le altre caratteristiche della malattia, c'è la convinzione da parte dei pazienti di non avere più gli organi, anzi di avere la sensazione che stanno per scomparire.
A partire proprio dalla convinzione di essere morti si manifesta, conseguentemente come sintomo, l’assenza di reazione a stimoli esterni (come ad esempio il rifiuto del cibo) perché si ritiene di non averne la necessità.

Sicuramente la caratteristica fondamentale della Sindrome di Cotard è il delirio nichilista che consiste nella negazione totale del corpo o dell’esistenza di alcune parti di esso (“non ho lo stomaco”,“ non ho la testa”), oppure nella trasformazione degli organi vitali (“il mio cuore è diventato di pietra”).
Il disturbo però, oltre il corpo, può coinvolgere anche lo spirito (“sono senza anima”), i beni materiali (“non ho abiti”, “non ho casa”, “non ho cibo”) e relazionali (“non ho famiglia”) oppure, addirittura, l’intera persona (“non ho nome”, “non ho passato”, “non ho età”). La sensazione di vuoto assoluto può essere tale da arrivare alla negazione delirante della propria persona (“non esisto”, “non sono mai nato”).
Il sentimento di attribuzione causale interno, cioè la tendenza ad attribuire a se stessi la responsabilità di eventi esterni, può far assumere al nichilismo connotazioni di tipo cosmico per cui la persona è convinta che il destino del mondo intero è inscindibile dal suo. Bisogna precisare che tali tematiche nichiliste sono successive ad una iniziale fase in cui prevalgono ansia e depersonalizzazione.

Spesso a tale sindrome nichilista si associano idee deliranti di enormità fisica (in quanto la persona sente ed afferma che il proprio corpo è immenso, non ha più limiti, si è espanso a tutto l’universo), di immortalità e di onnipotenza. In quest’ultimo caso il nichilismo di Cotard può assumere la connotazione di una megalomania al rovescio: il paziente sperimenta una negativa accezione di pena, condanna e dannazione a vivere in eterno per poter soffrire ed espiare così, in parte, le proprie colpe. L’immortalità rappresenta la paura più terribile esperita dalla persona affetta, pertanto non è rara in questa fase la messa in atto di condotte autolesive e automutilanti accompagnate dall’affiorare di idee suicide.

La sindrome di Cotard è relativamente rara (ad oggi sono stati descritti circa un centinaio di casi) e coinvolge più frequentemente le donne anziane con compromissione cerebrale organica e con precedenti episodi maniaco-depressivi. In questi pazienti, partendo da un’estremizzazione delle tematiche depressive, i sentimenti di autoaccusa e di colpa evolvono nella dannazione eterna.
Pur rappresentando una modalità evolutiva della depressione, più frequente in presenza di malattie o danni cerebrali, questo quadro sindromico è stato descritto anche nell’ambito di altri disturbi come la schizofrenia, l’alcolismo cronico, le encefaliti, la paralisi progressiva e l’epilessia.

Al momento attuale, la disponibilità di misure terapeutiche efficaci nella cura della depressione ha ridotto notevolmente l’insorgenza di questa sindrome.
Inoltre, l’uso della terapia elettroconvulsivante ha dato generalmente dei buoni risultati consentendo di raggiungere la completa remissione della sintomatologia e le fasi finali della malattia, dove il paziente sembra distaccarsi progressivamente dai propri deliri.


per approfondimenti

  • Wikipedia.org
  • HuffingtonPost.it
  • Clicmedicina.it

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

 

 

 

  |   Letto: 5341 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.