Pubblicità

Disturbo dell'orgasmo femminile

Disturbo orgasmo femminileLa dicitura disturbo dell'orgasmo si riferisce alla difficoltà ad esperire l'orgasmo e/o ad una ridotta intensità delle sensazioni orgamische nelle donne.
 
Il disturbo dell'orgasmo ora denominato come disturbo dell'orgasmo femminile, fa riferimento ad una difficoltà o impossibilità per una donna di raggiungere l'orgasmo durante la stimolazione sessuale.
 
Questo disturbo deve causare notevole disagio o difficoltà interpersonale al fine di poter essere diagnosticato; la diagnosi per gli uomini riguarda invece altre disfunzioni che riguardano aspetti quali quello erettile, eiaculazione precoce o eiaculazione ritardata.
 
Per le donne affette da disturbo dell'orgasmo, questo è assente o significativamente ridotto nell'intensità in tutte o quasi tutte le occasioni in cui si pratica un'attività sessuale.
 
Questa condizione può essere infatti permanente o acquisita; nel secondo caso, il disturbo è cioè iniziato dopo un periodo in cui il funzionamento sessuale era relativamente normale.
 
La condizione può anche essere generalizzata, il che significa che non è limitata a certi tipi di stimolazioni, situazioni o partner, oppure può essere situazionale, nel senso che la difficoltà di raggiungere l'orgasmo si verifica solo con alcuni tipi di stimolazioni, situazioni o partner.
 
Le donne riportano un'ampia variabilità nel tipo o intensità della stimolazione che determina l'orgasmo, e gli orgasmi stessi sono estremamente variabili tra le donne e nelle diverse situazioni intime della stessa donna.
 
Per coloro che ricevono una diagnosi di disturbo dell'orgasmo femminile, il disagio significativo deve accompagnare i sintomi e deve essere presente per un minimo di sei mesi. E' anche importante considerare se la difficoltà a raggiungere l'orgasmo sia il risultato di una stimolazione sessuale inadeguata.
 
I tassi di prevalenza riportati per problematiche di questo tipo variano dal 10% al 42%, a seconda dell'età, cultura, durata e gravità dei sintomi. Solo una percentuale di donne che presenta un disturbo dell'orgasmo esperisce anche un'angoscia associata.
 
Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
 
Più in generale, circa il 10% delle donne non sperimenta l'orgasmo durante la propria vita. Da un punto di vista sintomatologico, solitamente le donne riportano un ritardo significativo, una poca frequenza, o totale assenza dell'orgasmo in quasi tutte le attività sessuali.
 
Il disturbo deve avere una durata minima di circa sei mesi e determinare disagio clinicamente significativo nell'individuo. Inoltre, questo disturbo non è meglio giustificato da un'altra condizione psicologica, un grave disagio relazionale, effetti fisiologici diretti di una sostanza o di un'altra condizione medica generale.
 
La prima esperienza di una donna nel raggiungere un orgasmo può avvenire in qualsiasi momento del periodo prepuberale, o più tardi in età adulta. Molte donne imparano a sperimentare l'orgasmo attraverso stimolazioni differenti, apprendendo qualcosa in più del proprio corpo.
 
E' comune per una donna ottenere l'orgasmo durante la masturbazione rispetto all'attività sessuale con un partner. Una vasta gamma di fattori che possono influenzare tale capacità riguardano l'ansia, le preoccupazioni inerenti un'eventuale gravidanza, problemi relazionali, la salute fisica e la salute mentale.
 
I fattori socio-culturali, quali aspettative di ruolo di genere e le norme religiose, influenzano altresì l'esperienza dell'orgasmo. L'assunzione di sostanze quali droga e alcool possono inoltre ridurre la reattività orgasmica.
 
Meno comunemente, le condizioni mediche che influenzano l'innervazione al bacino, come lesioni al midollo spinale, la sclerosi multipla e la neuropatia diabetica, così come disturbi ormonali e malattie croniche sono tutti potenziali fattori che possono inficiare il ciclo di funzionamento sessuale.
 
Gli atteggiamenti negativi verso il sesso durante l'infanzia possono inoltre influenzare la risposta di una persona, così come esperienze di abuso sessuale o stupro.
 
Il problema può essere altresì correlato a difficoltà matrimoniali o alla presenza di un basso desiderio sessuale. La noia e la monotonia si pongono come fattori che contribuiscono ad esacerbare il disturbo orgasmico.
 
Altri fattori possono invece riguardare la timidezza o l'imbarazzo nel chiedere al partner quale stimolazione si preferisce, determinando così l'insorgenza di conflitti o distanze emotive all'interno della relazione.
 
E' necessario valutare la presenza di problemi medici o psicopatologici in modo da stabilire il miglior trattamento per la disfunzione orgasmica. Il ruolo dei farmaci come supplementi ormonali nella gestione di tale disfunzione è controversa e i rischi a lungo termine restano ancora poco chiari.
 
Se sono presenti altre disfunzioni sessuali, queste devono essere affrontate e integrate nel trattamento. In tal senso si rende necessaria una consulenza specialistica da parte di un sessuologo qualificato al fine di ottenere informazioni utili sulla situazione; le difficoltà  coniugali giocano spesso un ruuolo importante, per cui nel trattamento a volte può essere necessario includere una formazione sulla comunicazione e sulla valorizzazione di essa.
 
Si possono pertanto prescrivere alcuni esercizi pratici inerenti la comunicazione, la stimolazione sessuale, senza trascurare l'aspetto giocoso insito al suo interno.
 
Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Lavorare con il partner per diminuire l'ansia da prestazione e massimizzare la comunicazione intima può favorire il raggiungimento dell'orgasmo nella donna.
 
E' inoltre importante accertarsi che la problematica riguardi esclusivamente la sfera dell'orgasmo e che non sia un problema coesistente con un basso desiderio sessuale.
 
A volte l'ipnosi e le terapie di gruppo possono aiutare le donne ad aumentare la concentrazione, esplorare e superare i conflitti inconsci, diminuendo così l'ansia da prestazione.
 
Le percentuali di sucesso di una terapia sessuale variano tra il 65-85%; nei casi di distunzione orgasmica primaria, il trattamento ha un successo del 75-90%.
 
Una prognosi positiva è di solito associata con l'essere più giovani, emotivamente sani e avere una relazione affettiva con un partner.
 
Quando il sesso non è piacevole può quasi prefigurarsi come una routine monotona piuttosto che un'esperienza reciprocamente soddisfacente, giocosa ed intima.
 
Quando il disturbo dell'orgasmo persiste, il desiderio sessuale di solito diminuisce e la frequenza dei rapporti sessuali cala, causando spesso risentimento e conflitti nel rapporto.
 
Da un punto di vista preventivo, atteggiamenti sani verso il sesso e un'educazione circa la stimolazione e la risposta sessuale tendono a minimizzare i problemi.
 
Il principio di assumersi la responsabilità per il proprio piacere sessuale è anche di vitale importanza. Le coppie che capiscono che devono guidare verbalmente e non verbalmente la loro esperienza fa sì che tali problemi siano meno frequenti.
 
E' anche importante rendersi conto che non si può forzare una risposta sessuale, e più una donna si concentra sul tentativo di avere un orgasmo, più diviene difficile raggiungerlo realmente.
 
 
Tratto da "Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali, 5° edizione"
 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)
  |   Letto: 3554 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.