Pubblicità

Disturbo esplosivo intermittente

disturbo esplosivo intermittenteIl disturbo esplosivo intermittente rientra nella categoria dei Disturbi del controllo degli impulsi; la condizione è caratterizzata dal fallimento a resistere agli impulsi aggressivi, con conseguenti aggressioni gravi, distruzione di proprietà, o frequenti aggressioni verbali sotto forma di scatti d’ira.

Esempi tipici di tali comportamenti includono minacciare o provocare realmente un danno ad un’altra persona e rompere o danneggiare volutamente un oggetto di valore.

Il grado di aggressività espressa durante un episodio di questo tipo è grossolanamente sproporzionata a qualsiasi provocazione o stress situazionale.

L’individuo potrebbe descrivere tali episodi in termini di “magie” o “attacchi” in cui il comportamento esplosivo è preceduto da un senso di tensione o eccitazione e immediatamente seguito da un senso di sollievo.

Successivamente all’episodio esplosivo il soggetto può esprimere rimpianto, ma anche sentirsi turbato, avere rimorsi, o imbarazzo per il proprio comportamento.

In genere, tale disturbo si manifesta a partire dall’infanzia o dall’adolescenza, e può precedere o predisporre all’insorgenza di altre psicopatologie quali disturbi depressivi, ansia e abuso di sostanze.

Alcune ricerche hanno sottolineato come tale disturbo sia presente nel 2,7% della popolazione generale.

La maggior parte dei pazienti sono giovani e nella loro storia si riscontrano spesso frequenti incidenti stradali, e possibile impulsività sessuali. Questi pazienti possono inoltre presentare un’estrema sensibilità all’alcool.

Da un punto di vista sintomatologico, il disturbo esplosivo intermittente è caratterizzato da diversi episodi di fallimento nel resistere agli impulsi aggressivi che si traducono in gravi atti di aggressione o distruzione di proprietà.

Per effettuare una diagnosi di tale disturbo, l’individuo deve presentare aggressioni verbali o fisiche nei confronti di proprietà, animali o altre persone, per almeno due volte a settimana e per un periodo di tre mesi.

Questo tipo di aggressione non deve necessariamente causare danni a cose o lesioni ad animali o altre persone.

Una persona può anche ricevere una diagnosi di disturbo esplosivo intermittente se presenta tre esplosioni aggressive che provocano danni a cose, o aggressioni fisiche determinanti lesioni all’interno di un periodo di 12 mesi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

In generale, le esplosioni durano meno di trenta minuti e sono impulsive, ossia non premeditate. Inoltre, gli episodi aggressivi non sono meglio giustificati da un altro disturbo mentale come il disturbo antisociale di personalità, disturbo borderline di personalità, disturbo psicotico, episodio maniacale, disturbo della condotta e disturbo da deficit d’attenzione ed iperattività, così come non è dovuto agli effetti diretti fisiologici di una sostanza o da una condizione medica generale.

Gli individui con disturbo esplosivo intermittente a volte descrivono impulsi intensi di aggressività prima di metterli in atto.

Gli episodi esplosivi possono essere associati a sintomi affettivi come irritabilità o rabbia, aumento dell’energia e pensieri che si rincorrono durante gli agiti aggressivi; successivamente compare una depressione del tono dell’umore e una forte stanchezza fisica.

Alcuni individui possono inoltre segnalare che i loro episodi aggressivi spesso sono preceduti o accompagnati da sintomi come formicolio, tremori, palpitazioni, senso di costrizione toracica, pressione alla testa o sentire l’eco.

Questo disturbo può causare la perdita diretta del posto di lavoro, sospensione dalla scuola, divorzio, difficoltà nei rapporti interpersonali o altri danni nelle aree sociali o professionali, incidenti, ricovero in ospedale, problemi finanziari, problemi penali e legali.

Le cause alla base di tale disturbo sembrano essere una combinazione di fattori biologici ed ambientali; da un punto di vista terapeutico, i farmaci possono aiutare a controllare gli impulsi aggressivi.

La maggior parte delle persone con disturbo esplosivo intermittente sono cresciute all’interno di famiglie in cui comportamento esplosivo, accompagnato da abuso fisico e verbale erano abbastanza comuni.

Essere esposti a questo tipo di violenza in tenera età rende più probabile che tali bambini manifestino questi stessi tratti man mano che crescono.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589

Ci può essere anche una componente genetica che fa sì che tale disturbo venga tramandato dai genitori ai figli.

La maggior parte dei casi si verifica quando l’individuo è più giovane di 35 anni; vi è una qualche evidenza che il neurotrasmettitore della serotonina può svolgere un ruolo chiave in questa malattia.

Alcuni studi hanno inoltre evidenziato che tale disturbo è maggiormente comune negli uomini. Per quanto concerne il trattamento questo potrebbe comportare sia un aspetto farmacologico che terapeutico, atti a promuovere una modifica del comportamento.

La combinazione di entrambi, secondo recenti ricerche, offre una prognosi migliore; sessioni di consulenza di gruppo e di gestione della rabbia possono infatti rivelarsi molto utili. Le tecniche di rilassamento sono state infatti evidenziate come molto utili nel neutralizzare le condotte aggressive e rabbiose.

Infine, gli studi suggeriscono che i pazienti con disturbo esplosivo intermittente rispondono bene al trattamento con antidepressivi, benzodiazepine, anticonvulsivanti e stabilizzatori dell’umore.

Tratto da “Manuale statistico e diagnostico dei disturbi mentali, 5° edizione”

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

  |   Letto: 3068 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.