Pubblicità

Io

IOCon il termine o concetto di “Io”, in linea generale, si fa riferimento primariamente ad un’esperienza. L'Io rappresenta infatti il più immediato contenuto di coscienza, ma ciò non ha impedito che esso venisse eliminato dall'ambito della psicologia sperimentale, soprattutto nell'indirizzo behavioristico.

Gia Friederich Nietzsche l'aveva definito una illusione grammaticale; difficilmente se ne può dare una precisa definizione in termini di esperienza, essendo esso contenuto in quasi tutte le esperienze.

Gli si attribuiscono le qualità di elemento centrale od onnicomprensivo; Wilhelm Wundt indica con questo concetto il "sentimento della connessione di tutte le esperienze psichiche".

Nell'ambito dell'esperienza dell'Io, William James ha invece effettuato un'importante distinzione, per la quale è del tutto evidente che il concetto, anche considerato dal solo punto di vista dell'esperienza, nasconde una varietà di aspetti.

Secondo lui esistono due aspetti dell'Io: l'Io che conosce, ossia l'esperienza connessa alle più disparate attività, in cui l'individuo si percepisce come soggetto, ed il "me"l'Io empirico; questo abbraccia tutti quei contenuti che il soggetto in una particolare maniera percepisce come appartenenti a lui.

Il concetto di Io ha invece un significato del tutto diverso nella teoria di Sigmund Freud; esso non è qui ancorato all'autopercezione, ma alla dinamica del fatto psichico, soprattutto a i suoi disturbi e conflitti.

Nell'ambito della psicologia psicoanalitica, il termine Io designa le parti organizzate dell'apparato psichico, in contrato con l'Es non organizzato.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

La nozione di Io si specifica, tuttavia, in Freud, a partire dalla svolta rappresentata dall'apparato concettuale espresso nella seconda topica.

Da questo punto di vista, l'Io è un'istanza in parte conscia, in parte inconscia, in una relazione di dipendenza dall'Es, in quanto serbatorio energetico-pulsionale, dagli imperativi del Super-Io e dalle esigenze della realtà.

All'Io vengono attribuire le funzioni più varie: il controllo della motilità e della percezione, l'esame della realtà, il pensiero razionale e via dicendo, così come tutte le operazioni difensive che arginano le rivendicazioni pulsionali.

Tutte queste operazioni possono essere raggruppate in coppie antinomiche ( ad esempio, soddisfacimento delle pulsioni - opposizione alla pulsione, insight - razionalizzazione) che caratterizzano la situazione di "mediatore" assegnata all'Io rispetto alle altre due istanze di Es e Super-Io.

Da un punto di vista dinamico, l'Io rappresenta prevalentemente il polo difensivo della personalità: a partire dalla percezione di segnali di angoscia, interni o esterni, esso si esprime attraverso meccanismi di difesa che gli consentono dapprima una reazione di fuga e, in un secondo tempo, lo sviluppo di investimenti protettivi (fobie).

Da un punto di vista economico, l'Io è descritto da Freud come un'organizzazione di rappresentazioni caratterizzata da vari tratti: facilita le vie associative interne, assumendo la funzione di legame dei processi psichici e consente il continuo investimento dell'energia psichica di origine endogena, cioè pulsionale.

Dal punto di vista genetico, in una prima ipotesi Freud considera l'Io una differenziazione dall'Es dovuta al contatto con la realtà esterna; secondariamente, lo definisce come il prodotto di identificazioni che portano alla formazione, in seno alla persona, di un oggetto d'amore investito dall'Es.

In questa seconda accezione, esso si offre come oggetto di amore allo stesso titolo di un oggetto esterno.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

Da tale contesto nascono i concetti di narcisismo come tappa dello sviluppo delle relazioni oggettuali, di Ideale dell'Io e di Io ideale.

Lacan, con lo stadio dello specchio ( "lo stadio dello specchio come formatore della funzione dell'Io") mostra che nel bambino, l'impianto del primo abbozzo dell'Io, si determina tramite un'identificazione con cui si anticipa immaginariamente la forma totale del proprio corpo.

Tuttavia, se il bambino riconosce la propria immagine nello specchio, è dapprima come un altro che si vede, che si apprende: emerge la dimensione immaginaria dell'Io, proprio nel senso dell'immagine, l'Io della relazione duale, della confusione tra sè e l'altro.

Secondo Lacan, l'Io sarebbe costituito da una serie di identificazioni che rappresentano per l'individuo un punto di riferimento essenziale in ogni momento storico della sua vita.

Questi insisterà sull'aspetto di inganno, di sembiante, di illusione che l'Io riveste in un eccentricità radicale in rapporto al soggetto.

Jung considera invece l'Io come uno dei tanti complessi che compongono la vita psichica: il complesso dell'Io è tanto un contenuto quanto una condizione della coscienza.

E' un contenuto in quanto insieme di rappresentazioni che costituisce il campo della coscienza ma, nello stesso tempo, un elemento psichico che diviene soggettivamente cosciente in quanto riferito al complesso dell'Io.

La psichiatria fenomenologica ritiene, tuttavia, che le nozioni di Io, Es e Super-Io scindano l'uomo che non può che essere considerato nella sua unitarietà: a tal proposito, essi introducono la nozione di "presenza", dove non vi è una soggettività (Io) che si relazione con un'oggettività (mondo), ma una relazione tra l'essere unitario dell'uomo e il suo essere-nel-mondo.

Successivamente a Freud, altri autori hanno considerato l'Io come un'stanza psichica originale e non riducibile, sino ad ammettere che essa abbia, sin dall'inizio della vita, una certa autonomia.

Questo, in campo psicoanalitico, ha condotto allo sviluppo di teorie incentrate sulle funzioni dell'Io e, nell'ambito della psicologia generale, a studi sulla personalità, particolarmente sviluppati dai comportamentisti.

Secondo questi ultimi, l'Io, nell'ambito della personalità, assume un posto centrale sia come fonte delle motivazioni che guidano i comportamenti, sia come istanza organizzativa dell'esperienza e, quindi, dell'adattamento all'ambiente e, infine, come luogo dell'autopercezione (immagine di sè, delle proprie capacità, dei propri limiti).

Per approfondimenti:

  • Dizionario di scienze psicologiche - Edizione Simone
  • Dizionario di psicologia - Edizioni Paoline

(A cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1247 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.