Pubblicità

Isteria

isteriaL'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isterica, i cui tratti più tipici sono:

  • Labilità ed immaturità affettiva;
  • Intensa partecipazione affettiva;
  • Suggestionabilità;
  • Dipendenza,
  • Teatralità ed esibizionismo;
  • Tendenza alla drammatizzazione ed all'esagerazione.

Deve il suo nome alla parola greca hystera, “utero”, in quanto nell’antichità si credeva che la disfunzione di tale organo giocasse un ruolo particolare nello sviluppo di quest’affezione.

Ippocrate, infatti, considerava l’isteria tipica della donna e Platone tentava di spiegare il fenomeno in relazione allo spostamento dell’utero nel suo corpo.

Charcot, per primo, trattò l’isteria in termini sistematici e scientifici, dimostrando che alla base del disturbo erano presenti problemi emotivi e che, grazie alla suggestione ipnotica, era possibile eliminarli.
Successivamente, negli “Studi sull’isteria”, Freud e Breuer spiegarono il disturbo come il risultato di un’esperienza traumatica, di solito di natura sessuale, che veniva rimossa: i sintomi consisterebbero, quindi, in un tentativo di scaricare la tensione emotiva, creata dal conflitto intrapsichico, in termini simbolici, evitando così che si arrivi ad una percezione cosciente del problema di base.

Riprendendo gli insegnamenti di Freud, Lacan dà grande risalto alla posizione isterica, inserendola nel quadro strutturale delle nevrosi. Secondo questo autore, l’isterica si confronta con il desiderio di essere desiderata dall’Altro e, in difficoltà con il significante dell’essere donna, ella può accedere al desiderio solo attraverso l’identificazione immaginaria ad un’altra donna.

La caratteristica principale dell’isteria è la presenza di sintomi di varia natura, che non hanno, però, un riscontro organico. È bene precisare, comunque, che essa non va assolutamente confusa con la simulazione di malattia, in cui una persona, pur sapendo di non essere ammalata, riferisce la presenza di sintomi, in quanto il paziente isterico ha sintomi spesso obiettivabili e che gli causano disagi reali (alcuni autori parlano, infatti, di “simulazione inconscia”).

Dall’osservazione di tali condizioni, gli autori concordano nell’individuare due forme di questa patologia:

  1. I. di conversione: il sintomo principale consiste in un disturbo psicogeno della funzione di qualche parte dell’organismo, per esempio paralisi, tremore, cecità, sordità, attacchi convulsivi, debolezza, contratture, etc. Il meccanismo di conversione alla base del problema è caratterizzato dalla mancanza di controllo su atti ed emozioni e dall’esagerazione dell’effetto delle stimolazioni sensoriali. I sintomi motori spesso sono accompagnati da alterazioni della sensibilità tattile, termica, dolorifica e cenestesica. Il fenomeno considerato emblematico dell’isterismo è rappresentato dalla grande crisi isterica, oggi piuttosto raro, caratterizzato da un accesso convulsivo simil-epilettico: la durata può essere superiore ai 10 minuti, di solito in presenza di persone che fungono da spettatori, la caduta a terra è plateale, ma non vi è mai il rischio di procurarsi lesioni gravi.
  2. I. dissociativa: si esprime con una sintomatologia psichica più elaborata. Si possono osservare mutamenti spettacolari, ma essenzialmente superficiali, della personalità. La condotta, in generale, può simulare la psicosi o, piuttosto, l’idea che il soggetto ha della psicosi. Dai processi dissociativi, inoltre, possono derivare alcune alterazioni del campo di coscienza: si possono verificare, infatti, stati crepuscolari con episodi di sonnambulismo, fughe isteriche, personalità multiple, stati stuporosi deliranti ed allucinatori. Particolarmente rilevanti sono i disturbi della funzione mnesica, definiti amnesie psicogene, rappresentati da forme generalizzate, lacunari, oscillanti.

L’isteria colpisce prevalentemente le donne ed insorge più frequentemente nell’età adolescenziale, anche se ci sono casi di esordio più tardivo. L’esperienza clinica suggerisce, inoltre, che essa sia una malattia ad andamento cronico: a volte i pazienti sostituiscono un sintomo con altri, in particolare in concomitanza di momenti di tensione emotiva e stress, come risultato di una propensione alla dissociazione. La sua evoluzione ed il parziale mutamento delle sue manifestazioni sono influenzati anche dal cambiamento dei costumi sociali e culturali collettivi, mentre sembrerebbero costanti gli elementi di suggestionabilità, manipolazione e mimetizzazione e l’adozione di atteggiamenti teatrali, fino ad una sorta d’inautenticità, utilizzata come difesa verso il timore di entrare in relazione significativa con il mondo delle emozioni, sia intrapsichico sia interpersonale.

Il trattamento di questo disturbo prevede:

  • Terapia farmacologica: si usano ansiolitici o antidepressivi, che attenuano, ma non eliminano, la sintomatologia. Va affiancata alla psicoterapia.
  • Psicoterapia: il trattamento psicoanalitico non è sempre indicato in questo tipo di pazienti, poiché sono privi di insight. In alcuni casi, si rende necessario l’utilizzo di terapie familiari, modificazioni ambientali, tecniche suggestive, quali l’ipnosi e la narcoanalisi, oppure il ricorso a psicoterapie brevi.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 8763 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.