Pubblicità

Lapsus

lapsus1Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione di due o più parole in una sola, nell’omissione di una parola, nel pronunciare o scrivere un nome invece di un altro ecc. Sono esempi di lapsus errori linguistici e vuoti di memoria.

Un'espressione idiomatica della lingua italiana, utilizzata in caso di vuoto di memoria, è "ho questa parola sulla punta della lingua", detta quando si vuole utilizzare una certa parola in un discorso.

Nel 1901 Sigmund Freud pubblicò su di una rivista berlinese l’opera "Psicopatologia della Vita Quotidiana" nella quale descrisse l’origine degli atti mancati ossia dimenticanze di nomi, di oggetti, lapsus verbali, di lettura e di scrittura. Freud ritiene che gli atti mancati siano l’espressione dell’esistenza dell’inconscio che si insinua nella vita quotidiana, verbale, ma non la si ricorda.

Il lapsus Freud li chiamava ‘atti mancati’ essi non sono casuali. Se accade, esso rappresenta, infatti, un compromesso tra un’intenzione cosciente (fare o dire qualcosa) e un pensiero inconscio, ostile (verso questo qualcosa).

Soltanto a posteriori possiamo renderci conto che in noi c’erano pensieri sui quali non avevamo il controllo.

In altre parole nel lapsus si evidenzia un conflitto tra ciò che vorremmo fare e le tendenze inconsce spesso contrarie al volere cosciente.

Suddivisione

I lapsus possono riguardare la produzione linguistica e la ricezione e possono ulteriormente essere distinti in lapsus relativi al parlato e lapsus relativi allo scritto.

Si distinguono:

nella produzione:

  • lapsus linguae (di produzione parlata);
  • lapsus calami (di produzione scritta).
  • Nella ricezione
  • lapsus auris (dell’ascolto);
  • lapsus oculi (della lettura).

I lapsus sono solitamente classificati a seconda delle caratteristiche e la posizione che assumono nel contesto dell’enunciato in cui si collocano.

Alcuni esempi sono:

  • le anticipazioni “Lasciateci fare i compleanni* gli auguri di compleanno”;
  • le perseverazioni “Paola mangia giapponese e cucina* borse” (colleziona);
  • le inversioni “Che gioco ruolate?” (ruolo giocate);
  • le interferenze semantiche “La bellezza è una cartolina* è un biglietto da visita”;
  • le sostituzioni “Esistono infatti linguaggi animali in cui si possono individuare ad esempio unità foniche, come per i crostacei”(cetacei).

Spiegazione psicobiologica

Tra le componenti psicobiologiche, le più rappresentative, sono l’attenzione e i fattori percettivi, la prima già ammessa come fattore concomitante da Freud. Nel caso dei lapsus oculi (lapsus nella lettura), per esempio, tra gli elementi più facilmente omessi vi sono le lettere percettivamente più deboli, sia graficamente che in relazione alla posizione nella parola. Al contrario nei lapsus linguae sono i segmenti più prominenti dal punto di vista percettivo (sillabe toniche, per esempio) a essere colpiti.

Questa prima differenza rilevante relativa ai fattori attentivi è uno dei motivi che spingono a ipotizzare meccanismi radicalmente diversi per i lapsus di produzione e i lapsus di ricezione.

Il fattore attentivo è inoltre correlato, come si è già detto, con la pianificazione e con il tempo necessario per l’accesso alle parole in produzione e ricezione e con il funzionamento della memoria a breve termine. L’attenzione viene distribuita nel tempo, è soggetta a cali che influiscono sulla capacità del soggetto di ritenere le porzioni pianificate nella memoria a breve termine nel caso della produzione scritta e parlata.

Vi sono dunque approcci molto diversi allo studio dei lapsus che pongono l’attenzione di volta in volta su aspetti e motivi diversi e che sottendono diverse teorie del linguaggio e diversi ruoli attribuiti ai locutori nella produzione e ricezione linguistica.

 

Per approfondimento

  • Il lapsus abbonda sulla bocca degli sciolti. A cura della prof.ssa Isabella Chiari
  • Il lapsus freudiano: per la serie “la verità viene sempre a galla”. A cura della dott.ssa Assunta Maria Amoroso
  • Lapsus da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)

 

 

  |   Letto: 6153 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.