Pubblicità

Melatonina

OrMONE SECRETO DAI PINEALOCITI DELLA GHIANDOLA PINEALE (O EPIFISI), DERIVATO DALLA SEROTONINA, REGOLATORE DEI RITMI CIRCADIANI.

melatonina ormone

Il ruolo più noto della melatonina consiste nell'aggregare i granuli di melanina al fine di modificare la pigmentazione cutanea. L'epifisi dei mammiferi ha funzione di trasduttore neuroendocrino ed è la struttura che partecipa alla regolazione ormonale legata alla regolazione luce - buio.

Le informazioni luminose giungono, infatti alla retina e vengono trasnesse all'epifisi attraverso il nucleo sopraottico ipotalamico: il neurotrasmettitore deputato all'attivazione del sistema che connette la retina allaghiandola  pineale è la noradrenalina, prodotta dai fotorecettori retinici in fase di depolarizzazione. Durante il giorno, il sistema retina - ipotalamo - epifisi è quiescente, essendo i fotorecettori iperpolarizzati e quindi non in grado di rilasciare noradrenalina. Ciò comporta una scarsa produzione di melatonina.

Viceversa al buoi vi è un aumento sia di recettori a1 e b1 adrenergici all'nterno della ghiandola, sia della secrezione di noradrenalina. Viene inoltre incrementata la sintesi di arilkilamina, sostanza che partecipa alla sintesi dell'ormone. Non appena la quota di melatonina aumenta, questa passa tramite diffusione passiva nel torrente circolatorio. L'inibizione della secrezione mediata dalla luce segue un rapporto dose - dipendente.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

E' verosimile che esista un duplice sistema fotorecettivo: uno che media la stimolazione di melatonina, l'altro adetto alla stimolazione cosciente della luce. La modalità e la quantità di melatonina secreta è diversa nelle varie fasi di vita dell'uomo.

Nei soggetti adulti sani vi è un picco plasmatico tra le 2 e le 4 del mattino. Numerose sono le funzioni attribuite alla melatonina: regolatore delle risposte immuni; regolatore del ritmo sonno - veglia; coadiuvante terapeutico nelle neoplasie; modulatore dell'attività riproduttiva e sessuale; scavenger (spazzino) dei radicali liberi. Sono stati ipotizzati vari recettori, ad alta e bassa affinità, quelli nucleari, oltre ad i siti di azione contenuti nel citoplasma.

Con gli esami autoradiografici è stata dimostrata la presenza di recettori deputati alla regolazione del ritmo circadiano per la melatonina e disposti in varie regioni del cervello. Per quanto concerne i possibili impieghi terapeutici nell'uono, è stato dimostrato che l'assunzione di melatonina a dosi variabili tra o,1 e 5 mg causa un significativo aumento della propensione al sonno e della durata del sonno REM, in assenza di sonnolenza diurna.

Non è stato, tuttavia, ancora chiarito se il meccanismo che porta all'attivazione del sonno sia legato a modificazione dei livelli di monoamine neurotrasmettritici a livello cerebrale o a modificazioni della termoregolazione.  Una modificazione della secrezione endogena di melatonina si nota in passegggeri che compiono voli attraverso vari fusi orari e nei lavoratori nei turni di notte.

Pubblicità

In uno studio condotto su viaggiatori di linee aeree diretti verso Est a lunga distanza, la somministrazione di 5 mg di melatonina, sia la sera prima della partenza sia dopo l'arrivo ha alleviato i sintomi del Jet - lag. Analoghi risultati sono stati ottenuti in membri di equipaggi transoceanici. Le dosi ottimali e gli esatti tempi di somministrazione, tuttavia, non stati ancora stabiliti, così come non è chiaro se attribuire i vantaggi della melatonina al suo effetto ipnotico o alla sua promozione di una resincronizzazione del ritmo circadiano.

Per quanto riguarda il suo effetto anti - invecchiamento, basato sul fatto che diminuisce nel siero con l'età e sulla sua funzione neuroprotettiva come scavenger di radicali liberi, i dati in letteratura non sono convinecenti. Lo stesso si può dire per il suo ipotetico effetto antineoplastico.

 

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

  • A cura di Mauro Maldonato. Dizionario di scienze psicologiche (2008). Edizioni Simone.

 

A cura della Dottoressa Giulia Inglese

  |   Letto: 14 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.