Pubblicità

Odio

significato psicologico di odioSentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o la vita medesima.

L'odio si differenzia dalla semplice inimicizia e antipatia per il fatto che questi stati emotivi non comportano violenza, né implicano necessariamente il male dell'altro.

L'odio, che trova radice nella frustrazione, nell'invidia, nella gelosia, nella competizione, nell'ira esacerbata, nelle differenze sociali e nel desiderio di possesso e vendetta, a sua volta alimenta questi stati emotivi che, in tale modo, s'impregnano di violenza.

Secondo la «teoria della struttura triangolare dell’odio» di Sternberg, l’odio contiene tre caratteristiche (le stesse che compongono anche l’amore): intimità (negata), passione, impegno.

A seconda di quali di queste caratteristiche si attiva e da come si incrociano fra loro si avranno diversi tipi e modi di odiare.

Esistono tre componenti fondamentali dell’odio.

La prima è la "negazione dell’intimità", vede l’odio come il tenere le distanze da un oggetto ritenuto negativo. È “l’odio freddo”, che ha disgusto per gli altri e li tiene a distanza in quanto diversi se non anche repellenti. Rientrano qui i pregiudizi razziali, o le espressioni come «tu non sei italiano come me e certe cose non le puoi capire», in virtù di questo elemento, persone o gruppi possono venire visti come "subumani" o addirittura "inumani", scarafaggi, parassiti.

La passione, la seconda componente, vede l’odio come rabbia e/o paura. È “l’odio caldo” che pieno di rabbia, aggredisce l’oggetto odiato, o che pieno di paura fugge dagli altri, percepiti come dannosi.

Ad esempio, un improvviso scatto d’ira verso chi ci ha spaventato comparendoci improvvisamente da dietro le spalle, oppure il meccanismo della "collera della strada" cioè quando un automobilista si comporta all’improvviso in modo altamente aggressivo nei confronti di un altro, rimettere l’altro al suo posto «dirgliene quattro», aizzare alla rissa.

C’è poi la terza componente, ossia l’impegno che vede l’odio come svalutazione attraverso il disprezzo.
È “l’odio gelido” che percepisce gli altri come esseri inferiori: guardare con disprezzo e superiorità, dipingere un gruppo nemico come il regno del male, dire «tu non cambierai proprio mai!», «nonostante sia un negro, si è fatto un sacco di soldi»

Ognuna di queste tre componenti dell’odio combinandosi in vario modo tra loro, danno origine ad altri quattro tipi di odio:

  • «odio bollente» che è disgusto (A) ma che anche aggredisce (B): «via i terroni dal Nord!», «siete tutti un branco di cretini, statemi alla larga», «io con certa gente non mi vado ad immischiare».
  • «odio sobbollente» che è disgusto (A) ma che anche disprezza (C). È l’odio che cova sotto la cenere e non lascia trasparire nessuna passione. Gli omicidi spietati e premeditati assumono spesso questa forma: «un tipo normale, riservato e ben educato» dicono i vicini del ragazzo che ha strangolato sua madre.
  • «odio infuocato»: è rabbia (B) unita al viscerale disprezzo (C): diffamare gli altri, sottoporli ad un linciaggio, portarli all’estremo dell’esasperazione...
  • «odio bruciante»: è disgusto (A), rabbia (B) e disprezzo (C). È la forma estrema di odio, quella che spinge ad annientare il nemico e a non darsi pace finché non lo si è schiacciato definitivamente.


Cosa avviene, cioè, nel nostro cervello, quando odiamo?

Semir Zeki e John Romaya, neurologi del Wellcome Laboratory of Neurobiology presso la University College of London hanno recentemente effettuato la mappatura dei circuiti dell’odio. Per il loro studio, pubblicato sulla rivista PLoS One hanno chiesto ad alcuni soggetti di osservare le foto di persone odiate, monitorando l’attività del cervello di questi volontari attraverso la risonanza magnetica.

I neurologi hanno potuto rilevare che, mentre gli occhi dei partecipanti allo studio erano fissi sulle foto di persone nemiche, nel loro cervello si accendevano parti della subcorteccia, area nella quale si concentrano i sentimenti primitivi, ma anche della corteccia, sede della componente razionale dell’uomo, della ragione e del pensiero.

Secondo i ricercatori, quindi, le strutture della corteccia e della subcorteccia possiedono elementi che favoriscono i comportamenti aggressivi, traducendoli successivamente in azioni attraverso la pianificazione motoria. Si potrebbe descrivere questo fenomeno come se il cervello venisse "mobilitato" affinché agisca. Anche la corteccia frontale viene coinvolta nella fase di predizione delle azioni altrui. Questo potrebbe essere d'aiuto nel momento in cui le persone si trovano faccia a faccia con qualcuno che detestano.

E’ stato osservato che ad attivarsi in maniera particolare, quando si è pervasi da un sentimento fortemente negativo, sono le aree “putamen” ed “insula”, e che la loro attività è tanto più intensa quanto più profondi e radicati sono l’astio e l’avversione che si provano.

Secondo i ricercatori questa scoperta può avere un’utile applicazione nell’attività investigativa e giudiziaria: monitorando l’attività cerebrale di persone sottoposte ad interrogatorio, attraverso la risonanza magnetica, sarebbe possibile giungere più velocemente ad accertare la loro colpevolezza.

Il Professor Zeki ha osservato "L'odio è spesso considerato una passione negativa che andrebbe, idealmente, domato, controllato ed eliminato"


Per Approfondimento

  • Francesca Di Giorgio. I circuiti dell’odio, ovvero cosa avviene nel cervello quando odiamo
  • Odio. Enciclopedia treccani
  • R.R. Sternberg (a cura di), Psicologia dell’odio. Conoscerlo per superarlo, Erikson, Gardolo (TN) 2007, pp.276
  • Zeki S. e Romaya J.P. (2008) Neural correlates of hate. PLoS ONE 3: e3556; pubblicato online il 29 ottobre.

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino )

 

 

  |   Letto: 3495 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.