Pubblicità

Parafilia

parafiliaCon il termine “parafilia” si fa riferimento ad una condizione in cui l’eccitazione sessuale e la gratificazione di un soggetto dipendono dal fantasticare o intraprendere un comportamento sessuale atipico ed estremo.

Una parafilia può ruotare intorno ad un particolare oggetto (i bambini, gli animali, la biancheria intima) o intorno ad un particolare atto come infliggere dolore o divenire oggetto di dolore.

La maggior parte delle parafilie sono di gran lunga più comuni negli uomini che nelle donne; il focus di una parafilia è molto spesso specifico ed immutabile.

Questa si distingue in quanto caratterizzata da una preoccupazione verso l’oggetto o comportamento tale rendere l’individuo dipendente da tale oggetto o comportamento di gratificazione sessuale.

I comportamenti sessuali parafilici spesso vengono etichettati dalla società come di cattivo gusto, insoliti o anormali.

I più comuni sono il disturbo pedofilico, in cui il desiderio sessuale è rivolto ai bambini, il disturbo esibizionistico, in cui si assiste ad un’esposizione dei genitali a degli estranei, il disturbo voyeuristico, in cui si spiano delle vittime durante il rapporto intimo, il disturbo froutteristico, ossia lo sfregamento o il toccare una persona non consenziente, il disturbo feticistico, in cui si utilizzano oggetti inanimati, il disturbo da masochismo sessuale, in cui il desiderio sessuale è legato all’essere umiliati o subire delle sofferenze, il disturbo da sadismo sessuale, in cui, al contrario, si infligge dolore o sofferenze, e il disturbo da travestitismo, in cui l’eccitazione sarebbe legata all’indossare vestiti appartenenti al genere sessuale opposto.

Alcuni di questi comportamenti sono illegali e coloro che sono in trattamento per la presenza di un disturbo parafilico hanno spesso anche delle situazioni legali in corso.

Vi è inoltre una categoria denominata Disturbo Parafilico altrimenti Specificato in cui rientrano quelle parafilie che non soddisfano i criteri delle categorie diagnostiche sopra esposte e che riguardano ad esempio quelle che coinvolgono persone morte, urina, feci, clisteri, telefonate oscene e così via.

Anche se molte parafilie appaiono come estreme sono più facili da comprendere se si pensa a quei comportamenti che, nelle versioni più soft, sono piuttosto comuni.

Ad esempio, avere un partner che adotta un linguaggio “sporco” durante il rapporto, può essere eccitante per alcune persone, ma quando l’utilizzo di tale linguaggio si pone come l’unico modo per favorire la soddisfazione e l’eccitazione sessuale, dovrebbe essere considerata una parafilia.

Altri soggetti possono prediligere attività come morsi o sculacciate, o eccitarsi sessualmente nell’umiliare l’altro; quando questi comportamento divengono l’unica modalità attraverso cui subentra l’eccitazione e l’orgasmo, siamo dinnanzi ad una vera e propria dipendenza psicologica, nonché un comportamento sessuale atipico.

Psicologi in evidenza
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Non è ancora chiaro ciò che provoca un disturbo parafilico al processo di sviluppo; gli psicoanalisti sottolineano che un individuo con una parafilia ripete o ripristina l’abitudine sessuale sorta durante i primi anni di vita.

I comportamentisti suggeriscono che la parafilia si inneschi attraverso un processo di condizionamento; gli oggetti non sessuali possono divenire sessualmente eccitanti se sono ripetutamente associati ad un’attività sessuale piacevole.

Oppure, particolare atti sessuali che forniscono un intenso piacere erotico, come l’esibire i genitali, o l’essere sadici, possono portare la persona a preferire quel comportamento. In alcuni casi, sembra che ci sia un fattore predisponente, come ad esempio un’incapacità o difficoltà a relazionarsi all’altro di persona.

I modelli di apprendimento comportamentale suggeriscono che un bambino che è vittima o osservatore di comportamenti sessuali inappropriati impara ad imitare e tende così a rinforzare quel tipo di comportamento.

I modelli di compensazione suggeriscono che questi individui non possiedano delle competenze sociali adattive tali da ricercare così la gratificazione attraverso “mezzi” che sono meno accettati socialmente.

I modelli fisiologici si concentrano sulla relazione tra ormoni, comportamenti e sistema nervoso centrale, analizzando più nel dettaglio la connessione tra aggressività e testosterone.

Per quanto concerne i trattamenti, tra i diversi approcci è bene elencare la psicoanalisi, l’ipnosi e la terapia comportamentale.

Più di recente, una classe di farmaci denominata “antiandrogeni” consente di abbassare drasticamente i livelli di testosterone; questo aspetto potrebbe quindi combinarsi con il percorso terapeutico.

Il farmaco riduce il desiderio sessuale negli uomini e riduce la frequenza delle immagini mentali di scene sessualmente eccitanti; questo consente così di concentrarsi maggiormente durante la consulenza, senza essere distratti da pulsioni parafiliche.

Sempre più spesso, l’evidenza suggerisce che la combinazione di una terapia farmacologica con una di tipo cognitivo-comportamentale può essere efficace.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

È bene comunque specificare che la presenza di alti livelli di testosterone non predispone un uomo a sviluppare la/le parafilie.

La ricerca suggerisce che il modello cognitivo-comportamentale è efficace nel trattamento delle parafilie; il condizionamento avversivo, per esempio, comporta l’uso di stimoli negativi per ridurre o limitare un comportamento.

La sensibilizzazione nascosta (covert) con avversione olfattiva, viene utilizzata per indurre fantasie parafiliche alle quali seguono, nell’immaginazione, tutte le conseguenze negative che potrebbero subentrare se la parafilia fosse scoperta, e contemporaneamente dall’inspirazione di vapori dall’odore sgradevole.

L’obiettivo per il paziente è quello di associare il comportamento deviante con il cattivo odore e prendere delle misure per evitare l’odore evitando il comportamento.

Vi sono anche approcci di condizionamento positivo che mirano alla formazione di competenze sociali e comportamentali alternative e più adattive per il paziente.

Le terapie descritte includono la ristrutturazione cognitiva delle distorsioni e la formazione dell’empatia; in tal senso si cerca quindi di correggere le credenze erronee del paziente che predispongono ai comportamenti disfunzionali.

Infine, aiutare questi soggetti a empatizzare con la vittima, favorisce un’identificazione con quest’ultima comprendendo così il danno che è stato fatto.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1529 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.