Pubblicità

Tic

ticI tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma possono essere repressi per periodi variabili di tempo, anche se, così, si scatena una manifestazione più grave degli stessi. 

I tic, in genere, sono preceduti da un sentimento di tensione, che è momentaneamente sospeso attraverso la scarica rappresentata dall’esecuzione dello stesso. Spesso segue un sentimento di vergogna e di colpa, non di rado rinforzato dall’ambiente circostante. 

Si ritiene che la prevalenza dei tic, nell’ambito della popolazione generale, vari dal 4% al 19%, nel periodo delle scuole elementari, e che siano più diffusi tra i maschi.

Si possono avere tic:

  1. Motori semplici, quali ammiccamenti, smorfie del viso, colpi di tosse, alzate di spalle, torsioni del collo;
  2. Motori complessi, che includono movimenti mimici, il riassettarsi, saltare, toccare, pestare i piedi, odorare un oggetto;
  3. Vocali semplici, come raschiarsi la gola, tirare su col naso, sbuffare, abbaiare, grugnire;
  4. Vocali complessi, come ripetizione di parole o frasi fuori dal contesto, coprolalia, palilalia, ecolalia ed ecocinesi.

Può essere presente una sola forma di tic, oppure vi può essere una combinazione di tic che compaiono simultaneamente, in alternanza o consecutivamente.

Occorre, però, distinguere i tic da altri movimenti anormali, che non possiedono le loro caratteristiche, quali, ad esempio:

  • Movimenti coreici;
  • Movimenti distonici; 
  • Movimenti atetosici; 
  • Movimenti mioclonici;
  • Emiballismo; 
  • Sincinesie;
  • Gesti di scongiuro di alcune forme ossessive gravi (strisciare i piedi sul terreno, toccare ripetutamente un oggetto); 
  • Stereotipie psicotiche (gesti spesso caratterizzati da bizzarria).

In altri casi, invece, un tic potrebbe essere il sintomo di una condizione patologica più grande, quali:

  • La sindrome di Gilles de la Tourette; 
  • Una paralisi cerebrale;
  • La malattia di Huntington;
  • Una qualsiasi malattia che colpisce le arterie dentro il cervello o che, in qualche modo, influenza l’approvvigionamento di sangue al cervello;
  • Una ferita alla testa (sebbene si tratti di casi molto rari).

Da sempre i tic sono stati considerati un processo che si pone tra mente e corpo e, come tale, è oggetto di studio sia di neurologi, che di psichiatri e psicologi. Infatti, nel cercare di individuare le cause di tale fenomeno, sono state postulate le seguenti ipotesi:

  1. Ereditarietà genetica: alcuni soggetti sembrano essere maggiormente predisposti, rispetto ad altri, per via di una alterazione del gene SLTRK1 nel cromosoma 13. Tuttavia non è matematico che a predisposizione genetica segua sempre la manifestazione di un tic nervoso. Altri studi stanno verificando, invece, il ruolo di altri geni, collegati, tra l’altro, ad alcune forme di DDAI, che avrebbero una dominanza cromosomica a penetrazione variabile.
  2. Substrato neuroanatomico: alcuni studi chiamano in causa delle disfunzioni del cervello, in particolare del SNC, le quali andrebbero a danneggiare la funzionalità dei sistemi neurotrasmettitoriali dopaminergico e serotoninergico. Altri ricercatori, invece, sottolineano il ruolo di fattori extrapiramidali, confermando, comunque, un coinvolgimento della risposta dopaminergica.
  3. Assunzione o astinenza da droghe, quali cocaina o amfetamine.
  4. Causa psicologica: i tic potrebbero essere la manifestazione di un disagio interiore, di difficoltà a livello scolastico, lavorativo, sociale, relazionale, ecc., oppure potrebbero delineare una condizione estrema di ansia e/o stress. Infatti, non solo questi comportamenti aumentano in presenza di forti emozioni e/o stress, ma possono presentarsi, in maniera marcata, nelle sindromi ossessivo-compulsive.

Per quel che riguarda la cura dei tic, non esiste un protocollo unico da seguire, ma essa va valutata ed adattata insieme e sul soggetto, caso per caso. Infatti, se per le forme più lievi si adotta prevalentemente un approccio di tipo psicologico, man mano che la manifestazione si presenta più grave e complessa si aggiungono la terapia farmacologica ed altre forme di psicoterapia, anch’esse calibrate in base al destinatario degli interventi.

In linea di massima, comunque, si può scegliere tra:

  1. Terapia farmacologica con: Aloperidolo e Pimozide, Antagonisti selettivi del recettore D2, Benzodiazepine, medicinali omeopatici. Si ricorda, comunque, che questi farmaci potrebbero avere effetti collaterali anche gravi, quindi la loro somministrazione dev’essere valutata con cura, mentre, nel caso dell’omeopatia, si ritiene che la sua efficace sia quasi nulla.
  2. Terapia psicomotoria.
  3. Psicoterapia, soprattutto quando il tic è un sintomo inserito in un quadro nevrotico o psicotico;
  4. Psicoterapia comportamentale: è l’intervento più usato e si può scegliere, essenzialmente, tra due tecniche specifiche: la HRT- Habit Reversal Therapy, la quale aiuta il soggetto ad essere consapevole del suo tic, a conoscerlo, gestirlo e a trovare una risposta diversa che possa allentare la tensione e l’ansia che lo scatenano; la ERP – Exposure and Response Prevention, la quale guida il soggetto a sopprimere il bisogno crescente di cadere nel tic, fino alla sua scomparsa.
  5. Interventi educativi e di supporto, sia per i bambini (in questo caso), che per genitori ed insegnanti, al fine di essere preparati a gestire la manifestazione del tic (è importante, infatti, non porvi troppa attenzione, né punire o sgridare il bambino quando ha il tic);
  6. Adozione di nuove abitudini più salutari, che allentino la causa di stress ed ansia e favoriscano il rilassamento ed il benessere del soggetto.

 

Bibliografia

  • Andreoli V, Cassano GB, Rossi R (a cura di). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM – IV. Masson, Milano, 2002. 
  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.
  • WHO, Lessico dei termini psichiatrici e di salute mentale, Centro Scientifico Editore.
  • Wilhelm A., Eysenck H. J., Meili R., Dizionario di Psicologia, Edizioni Paoline.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 3977 volte
Pin it


Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.