Pubblicità

Area pubblica

Vuoi conoscere di più la Professione di Psicologo?

In questo spazio trovi le informazioni, le notizie, i consigli, le Leggi, tutte le informazioni sugli Ordini Professionali Regionali, il Codice Deontologico, il Tariffario Nazionale, il Decalogo dello Psicologo, le informazioni su PARLANE CON NOI (numero verde gratuito), CONTATTA IL PROFESSIONISTA e tanto altro ancora con un costante aggiornamento!

Psicoanalisi e identificazione proiettiva

Con l'introduzione del concetto di identificazione proiettiva la Klein delineava un nuovo modo di intendere la vita psichica e il suo funzionamento.

psicoanalisi identificazione proeittivaIl concetto di identificazione proiettiva è stato introdotto per la prima volta da Melanie Klein (1946) in “Notes on some schizoid mechanisms”, per intendere la proiezione di parti del Sè nel corpo materno per poterlo possedere, controllare ed eventualmente danneggiare, attuando così il processo identificativo con l’oggetto, non più sentito come separato.

La dipendenza sessuale nelle New Addiction

La dipendenza sessuale comporta spesso gravi conseguenze di natura relazionale, lavorativa, economica e legale con un grado variabile di disabilità.

dipendenza sessuale new addiction“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno è una cosa molto difficile, perché c’è la possibilità di essere feriti e a causa del suo passato Brandon non permette a nessuno di entrare. Abbiamo una persona che usa il corpo per lenire il dolore”, tratto dal film Shame.

Controtransfert e mentalizzazione con i “pazienti difficili”

Le teorie basate sulla mentalizzazione e quelle fondate sull’intersoggettività hanno implicazioni dirette per la pratica clinica, e si rendono particolarmente utili per comprendere cosa succede all’interno del rapporto tra medico e paziente.

controtransfert mentalizzazione pazienti difficiliAll’interno del presente articolo, ci si focalizzerà sul rapporto tra le teorie psicodinamiche attuali e la psicofarmacoterapia, nel contesto di due categorie psicopatologiche specifiche quali i disturbi di personalità e i disturbi del comportamento alimentare.

Il titolo del presente articolo richiama il concetto di “paziente difficile” , ossia un termine ben conosciuto all’interno della pratica psichiatrica.

Nella mente dello Stalker

Secondo l'esperto australiano Paul Mullen esistono cinque sottotipi di stalker: lo stalker rifiutato, lo stalker che ricerca l'intimità, lo stalker incompetente, lo staker risentito e lo stalker predatore!

mente stalkerNel 1989, all’età di 21 anni, Rebecca Schaeffer era un’attrice televisiva di successo fino a quando, un suo fan deluso, prese una pistola e la uccise, strappandola alla terra in un colpo solo.

A seguito di questo omicidio molto pubblicizzato dai media, la California, nel 1990, divenne il primo statuto anti-stalking della nazione; in seguito a questo molti altri stati degli Usa ne presero esempio, applicando lo stesso statuto.

Adolescenza e sviluppo psico-sessuale

L’influenza dei sistemi operativi interni consentono, durante l'adolescenza, di costruire schemi di riferimento per la definizione dell’intimità e valutare la misura in cui saranno coinvolti in relazioni sentimentali.

sviluppo psic sessuale adolescenzaAll’interno del presente articolo si cercherà di esplorare il processo di crescente coinvolgimento dell’adolescente in una relazione affettiva e sessuale con un partner.

Dal punto di vista fisiologico, la pubertà è considerata come un breve evento da parte del sistema nervoso centrale, che attiva l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene promuovendo così la maturazione sessuale.

Aspetti psicosociali e biologici della pedofilia

Nel presente articolo pubblicato sulla rivista "Biological Psychiatry" i ricercatori hanno cercato di delineare i fattori psicosociali e neurali della pedofilia, esaminando le alterazioni funzionali e strutturali del cervello di soggetti pedofili.

aspetti psicosociali biologici pedofiliaIl termine “pedofilia” è una parola derivante dal greco παις, παιδός (paîs, paidós “fanciullo”) e φιλία (filia, “amicizia, affetto”) e si riferisce ad un’attrazione sessuale da parte di un soggetto adulto verso un bambino pre-pubere, cioè non avente ancora sviluppato i caratteri sessuali secondari.

Attraverso una revisione della letteratura, si analizzeranno più nello specifico le anomalie cerebrali rintracciate tramite strumenti quali il Neuromaging funzionale e la risonanza magnetica funzionale.

Antidepressivi ed effetti collaterali

Tra gli effetti collaterali legati alla sospensione da antidepressivi possono presentarsi ansia, depressione, sbalzi d’umore, vertigini, difficoltà di equilibrio, insieme a stanchezza, sintomi simil-influenzali e mal di testa. A questi sintomi si aggiungono spasmi muscolare, nausea, vomito, tremori, insonnia e incubi.

effetti collaterali antidepressiviChiunque guardi abbastanza la televisione ha sicuramente una certa familiarità con la pubblicità dei farmaci: le immagini rappresentano persone sane e felici, la cui gioia di vivere è stata ripristinata dal farmaco, ma niente di ciò che riguarda gli effetti collaterali viene citato o raffigurato in qualche modo.

Fortunatamente, non tutti i farmaci lasciano una scia di sintomi sgradevoli quando vengono sospesi, ma alcuni lo fanno, e gli effetti collaterali annessi alla sospensione possono imitare o addirittura superare quegli effetti che si manifestano durante il trattamento.

Wilfred Bion e la Rêverie

Aspetti teorici della teoria Bioniana: rêverie, gruppo di lavoro, assunti di base, sistema proto-mentale, elementi-beta, funzione alfa, schermo beta, trasformazioni.

reverie BionPer comprendere il concetto di Rêverie è bene effettuare un excursus rispetto alla teoria e al pensiero di Wilfred Bion.

Nella primissima infanzia le strutture basilari della mente iniziano a prendere forma e sono ovviamente indispensabili per ogni successiva evoluzione.

La competenza trasformativa delle esperienze vissute in pensieri non è innata, ma necessita dell’interazione sociale e del processo di autoriconoscimento.

L'ossessione sessuale nel Disturbo ossessivo-compulsivo

La ricerca ha evidenziato che oltre il10% dei pazienti che cercano un trattamento per Disturbo ossessivo-compulsivo presentano un qualche tipo di ossessione sessuale come loro principale preoccupazione.

ossessioni sessuali DOCIl disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è una condizione grave che affligge circa il 2% della popolazione. Quando si parla di ossessioni, seguendo la classificazione fornita dal Manuale Statistico e Diagnostico dei Disturbi Mentali (DSM-5, APA 2013), si fa riferimento alla presenza di pensieri intrusivi, impulsi o immagini che causano stress e ansia.

Le compulsioni sono invece dei comportamenti destinati a diminuire il senso di disagio e l’ansia causata dalle ossessioni, anche se il sollievo che se ne ricava è solo temporaneo.

Psicosi e proiezione

L’individuo psicotico costruisce i suoi deliri sulle allucinazioni e le sue allucinazioni sui deliri in termini di rievocazione dinamica delle relazioni oggettuali indistinte e indefinibili.

psicosi proiezioneQuando si parla di psicosi, da un punto di vista teorico, molti autori degni di nota hanno cercato di offrire il proprio contributo rispetto all’analisi di tale psicopatologia.

Storicamente, Jung si è interessato alla psicosi accostandola alla sua teoria della mente; questa proposta di comprensione ha trovato spazio, nella teoria junghiana, all’interno dei concetti di inconscio collettivo e di archetipi che abitano la mente umana.

L’ipnosi: una tecnica sottostimata

Nonostante non sia ancora una tecnica la cui efficacia è supportata da prove scientifiche, essa si rivela utile nel trattamento e gestione di diverse problematiche psicologiche.

ipnosi tecnicaIl Dottor Robert Landon, psichiatra e psicologo da oltre trent’anni ritiene che l’ipnosi sia una tecnica ad oggi sottostimata; egli considera l’ipnosi come una tecnica aggiuntiva che può essere integrata a diverse terapie comportamentali nella gestione di diverse psicopatologie.

Afferma che “sono passati 30 anni da quando ho iniziato ad usare l’ipnosi, e per me è stato un ottimo strumento terapeutico”.



Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.