Pubblicità

Borderline, sintomi e trattamento

Instabilità pervasiva, aggressività, autolesionismo, scarsa consapevolezza del senso di Sè, oscillare per sopravvivere: Il disturbo borderline di personalità.

borerline sintomi trattamentoIl disturbo borderline della personalità, è una grave malattia mentale caratterizzata da instabilità pervasiva negli stati d'animo, nelle relazioni interpersonali, nella propria immagine e nel comportamento.

Questa instabilità spesso interferisce con la vita familiare e lavorativa, la pianificazione a lungo termine ed il senso dell'identità di un individuo.

Le persone con disturbo borderline di personalità, originariamente considerato “al confine” della psicosi e della nevrosi, soffrono di difficoltà con la regolazione delle emozioni.

Nonostante sia meno noto della schizofrenia o del disturbo bipolare, il disturbo borderline colpisce circa il 2% della popolazione adulta.

Le persone affette da tale disturbo presentano elevati tassi di comportamenti autolesionisti, come il procurarsi dei tagli e, in casi gravi, tassi significativamente alti di tentato suicidio e suicidio commesso.

Rispetto al genere, la letteratura ha osservato che il disturbo borderline di personalità è più comune nelle donne rispetto agli uomini, con un tasso del 75% di casi diagnosticati tra le donne.

Le persone con un disturbo di personalità di tipo borderline rappresentano circa il 20% delle ospedalizzazioni psichiatriche.

Tuttavia, attraverso un percorso di terapia, molti migliorano nel tempo divenendo in grado di condurre una vita produttiva.

Dal punto di vista sintomatologico, i soggetti con disturbo borderline di personalità possono sperimentare intensi attacchi di rabbia, depressione o ansia che possono durare solo poche ore o, al massimo, pochi giorni.

Questi possono essere associati a episodi di aggressività impulsiva, autolesionismo, abuso di droghe o alcool.

Le distorsioni nel pensiero e nel senso del Sè possono determinare frequenti cambiamenti negli obiettivi a lungo termine, pianificazione della carriera, ambiente di lavoro, amicizie, identità e sistema di valori.

A volte le persone con disturbo borderline di personalità si considerano come fondamentalmente cattive o indegne; possono sentirsi annoiate, vuote o ingiustamente fraintese o maltrattate, e hanno una scarsa consapevolezza di chi siano realmente.

Tali sintomi sono più acuti quando le persone si sentono isolate o prive di sostegno sociale, e possono investire una notevole quantità di energia fisica e psichica per evitare di avvertire il senso di solitudine.

Le persone con disturbo borderline di personalità hanno spesso modelli relazionali e sociali altamente instabili; da una parte possono sviluppare attaccamenti intensi ma tempestosi, ed i loro atteggiamenti verso la famiglia, gli amici e i cari possono improvvisamente passare dall'idealizzazione, in cui prevale una grande ammirazione e amorevolezza, alla svalutazione, ossia un'intensa rabbia e disgusto.

Rispetto al concetto di attaccamento, tendono ad aggrapparsi immediatamente all'altro, idealizzandolo, ma quando si verifica una leggera separazione o conflitto, si passa inaspettatamente all'altro estremo, reagendo con rabbia e manifestando continui disappunti sui comportamenti dell'altro.

Generalmente, gran parte delle persone riesce a tollerare l'ambivalenza legata ad una sperimentazione contemporanea di stati contraddittori.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Le persone con disturbo borderline di personalità devono tuttavia oscillare continuamente avanti e indietro, tra stati buoni e cattivi; se si trovano in un cattivo stato, non riescono ad avere consapevolezza della controparte, ossia quella buona.

Tali individui sono inoltre altamente sensibili al rifiuto, e reagiscono con rabbia e angoscia alle separazioni; anche una vacanza, un viaggio d'affari o un cambiamento improvviso rispetto all'iter prestabilito, possono determinare l'insorgenza di pensieri negativi.

Questa “angoscia abbandonica” sembra essere legata a difficoltà di separazione emotiva da persone importanti quando sono fisicamente assenti, determinando nel soggetto l'insorgenza di sentimenti legati alla perdita ed inutilità.

Possono verificarsi minacce e tentativi di suicidio, insieme alla rabbia per l'abbandono percepito.

Tali soggetti presentano altri comportamenti impulsivi, come fare spese eccessive, il binge eating e i comportamenti sessuali a rischio.

Il disturbo borderline di personalità spesso si manifesta in comorbidità con altri disturbi psichiatrici, quali disturbo bipolare, depressione, disturbi d'ansia, abuso di sostanze e altri disturbi di personalità.

Per quanto concerne l'eziopatogenesi, anche se la causa specifica del disturbo borderline di personalità è sconosciuta, la ricerca sottolinea che sia i fattori ambientali che genetici svolgono un ruolo nella predisposizione ai sintomi ed alle caratteristiche di tale disturbo di personalità.

L'incidenza del disturbo è infatti circa cinque volte più comune tra le persone con parenti biologici avente lo stesso disturbo.

Gli studi dimostrano che molti individui con disturbo borderline riportano un storia di abusi, trascuratezza ed abbandono durante l'infanzia.

Pubblicità

In un range che oscilla tra il 40 ed il 71%, i pazienti con disturbo borderline della personalità segnalano di essere stati abusati sessualmente, e di solito non da parte di un genitore.

I ricercatori ritengono che tale disturbo derivi da una combinazione di vulnerabilità individuale a stress ambientali, negligenza o abuso durante l'infanzia, ed una serie di eventi che innescano poi l'insorgenza del disturbo durante la giovane età.

Anche tra gli adulti aventi tale psicopatologia si riscontrano storie di abusi, violenza, stupro o esposizione ad altri eventi stressanti.

Dal punto di vista neuroscientifico, i ricercatori stanno analizzando l'insieme dei meccanismi cerebrali che sottendono l'impulsività, l'instabilità dell'umore, l'aggressività, la rabbia e le emozioni negative osservate nei soggetti con disturbo borderline della personalità.

Gli studi suggeriscono che le persone predisposte all'aggressività impulsiva presentano compromissione della regolazione dei circuiti neuronali che modulano l'emozione.

L'amigdala del cervello, una piccola struttura a mandorla, è una componente importante del circuito che regola le emozioni negative.

La risposta ai segnali provenienti da altri centri cerebrali che indicano una minaccia percepita, come la paura e l'eccitazione, può risultare più pronunciata sotto l'influenza dello stress, di droghe o alcool.

Le aree nella parte anteriore del cervello, ossia l'area prefrontale, agiscono per attenuare l'attività di questo circuito.

Recenti studi di imaging cerebrale mostrano che le differenze individuali nella capacità di attivare regioni della corteccia prefrontale che sono considerate come influenzanti l'attività inibitoria, prevedono la capacità di sopprimere l'emozione negativa.

La serotonina, la norepinefrina e l'acetilcolina sono tra i messaggeri chimici che svolgono un ruolo nella regolazione delle emozioni, tra cui tristezza, rabbia, ansia e irritabilità.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

I farmaci che aumentano la funzionalità serotoninergica possono migliorare i sintomi emotivi del disturbo borderline di personalità.

Allo stesso modo, i farmaci che stabilizzano l'umore che sono noti per migliorare l'attività del GABA, il principale neurotrasmettitore inibitore del cervello, possono aiutare le persone con tale disturbo di personalità.

Tali vulnerabilità possono essere gestite con l'aiuto di interventi comportamentali e di farmaci, allo stesso modo di come altre persone gestiscono la sensibilità al diabete o all'alta pressione sanguigna.

La letteratura sottolinea che il trattamento raccomandato per il disturbo borderline di personalità comprende la psicoterapia, prescrizioni farmacologici, di gruppo e supporto familiare.

Il gruppo e la psicoterapia individuale si sono dimostrate come forme di trattamento efficace per molti pazienti.

Rispetto al quadro farmacologico, questi vengono prescritti in base a sintomi target specifici indicati dal singolo paziente.

I farmaci antidepressivi e gli stabilizzanti dell'umore possono essere utili per l'umore labile/depresso; anche i farmaci antipsicotici possono essere usati quando subentrano distorsioni nel pensiero.

Per un approfondimento della psicoterapia psicodinamica per il disturbo borderline di personalità, ideata da Otto Kernberg, Frank Yeomans e John Clarkin, e denominata “Transference-Focused Psychotherapy” (Terapia basata sul transfert), basta cliccare nel link sottostante.

 

Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 4665 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.