Pubblicità

Come aiutare i pazienti a raccontare la loro storia?

I dettagli che spesso i pazienti omettono, o per vergogna, senso di colpa e protezione della reputazione, delineano una storia che in realtà è incompleta! Vediamo alcune tecniche da utilizzare per favorire una maggiore apertura nel narrare la propria storia.

pazienti raccontare storiaOgni volta che sentiamo una storia rispetto ai problemi familiari di una persona, sia che ci venga raccontata o che la leggiamo su un notiziario, internet, e così via, questa risulterà spesso incompleta.

La storia raccontata può essere vera fino ad un certo punto, in quanto spesso lascia fuori i dettagli e le informazioni sul contesto in cui gli eventi si sono verificati.

Questi dettagli possono modificare drasticamente qualsiasi impressione su ciò che è accaduto, tanto da portare chi legge o ascolta a crearsi un’immagine di quella storia completamente diversa da quella iniziale.

Lo stesso si può dire per le storie raccontate dai nuovi pazienti che approdano nello studio dello psicoterapeuta.

L’obiettivo del presente articolo è quindi quello di descrivere alcune tecniche terapeutiche utili per ottenere una descrizione più completa di quanto sta realmente accadendo.

Ogni volta che il Dottor David Allen, Docente presso l’Università del Tennessee, sottolinea ai suoi pazienti il fatto di non essere completamente onesti sui modelli familiari disfunzionali, “per non parlare di sé stessi”, lo accusano di supporre che stanno mentendo.

In realtà, in questo modo, si cercano solo di esaminare tutte le possibilità; pensare che i pazienti non nascondino alcune cose come causa della vergogna, senso di colpa, negazione o protezione dei propri familiari è, secondo il Dottor Allen, come “vivere in un universo alternativo”.

Per esempio, riporta il caso di un suo paziente il quale dichiarò, il giorno della sua prima consulenza, che il padre fosse un alcolista, per poi negare con decisione tale affermazione durante le sedute successive.

Si è così scoperto che in realtà non era un alcolista, ma un dipendente da eroina. Nel percorso terapeutico, il terapeuta si rapporta al paziente, lo ascolta con attenzione, e impiega alcune tecniche per aiutare a superare le sue difese.

In tal modo, ovviamente la trama, quasi invariabilmente, si addenserà e l’intera storia emergerà gradualmente.

Le informazioni aggiunte non fanno altro che presentare il paziente in una luce completamente nuova.

Una tecnica di psicoterapia comunemente utilizzate per favorire un’apertura nei pazienti è chiamata “L’interrogatorio in stile Colombo”, un famoso detective televisivo interpretato dall’attore Peter Falk.

Spesso i sospetti potrebbero auto-incriminarsi, e il detective non fa altro che mettere in evidenza le discrepanze nella storia del sospettato: non gli avrebbe certo mai detto che pensasse che il sospettato lo volesse intenzionalmente ingannare, anche se evidentemente questo era proprio il caso.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

A questo punto, il sospettato cercherà poi di “aiutarsi” nel cercare di chiarire l’apparente discrepanza, ma spesso fallendo nell’intento.

Nella terapia, l’oggetto di questa strategia non è naturalmente quello di portare l’altra persona ad incriminare sé stessa, quanto piuttosto favorire un’apertura sincera e reale sulla propria condizione.

Quando i pazienti si contraddicono o si impegnano in processi logici complessi, il terapeuta può tacitamente esprimere confusione su ciò che la persona cerca di dire o sottolineare apparenti contraddizioni.

Ciò è fatto in modo quasi scontato e con un tono di fatto; piuttosto che accusare l’altro di essere intenzionalmente fuorviante o confuso, i terapeuti cercano di indicare che essi stessi stanno assumendosi la responsabilità di quella mancanza di comprensione interpersonale.

Con questa strategia, il paziente o un membro della famiglia, spesso si sente obbligato a risolvere la confusione.

Per farlo, deve quindi spegnere il pulsante “logico” e rivelare nuove informazioni; quando questo accade, è importante che il terapeuta sembri grato per la nuova chiarezza.

In un contesto non terapeutico, il mantenimento di questo stile legato all’auto-efficacia è spesso particolarmente difficile se vi è una componente dell’argomento, da parte del membro della famiglia piuttosto che di un amico o un partner, che suona come un attacco personale.

Pubblicità

In tal caso, il meta-comunicatore sarà quello che di solito diventa difensivo, e quindi deruberà il proprio sforzo per cercare di risolvere il problema in corso.

Se, invece, nel contesto terapeutico, ci si sente accusati di essere troppo sensibili, stupidi o irrazionali, la risposta migliore non è quella di argomentare se è vero, mettere in discussione o rimproverare il soggetto, divenendo così difensivo.

Si potrebbe tranquillamente rispondere: “beh, probabile, ma voglio cercare di capire alcune delle cose che dice”.

Nella terapia, i pazienti spesso contraddicono ciò che hanno affermato nelle sessioni precedenti, quindi è importante che il terapeuta ricordi tutte le cose che il paziente ha affermato durante il percorso.

Pertanto, prima di ogni sessione successiva, bisognerebbe fare una rapida panoramica di tutte le note precedenti, e aggiornare così la memoria.

Mentre i pazienti parlano di ciò che gli viene in mente rispetto alle questioni in corso, spesso dicono qualcosa che contraddice qualcosa che hanno detto prima casualmente.

Ciò può dunque sfuggire all’orecchio di chi ascolta; a volte questo accade anche mentre i pazienti stanno discutendo di questioni che sembrano essere totalmente indipendenti.

Quando una contraddizione avviene più di una volta, diviene ancora più facile affrontarla; ovviamente il chiarimento dev’essere effettuato senza accusarli di cercare di oscurare i problemi o di voler confondere il terapeuta.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Un’altra tecnica terapeutica che ha l’obiettivo di ampliare l’ambito di un’inchiesta è il “pattern matching”. La storia del paziente può infatti ricordare al terapeuta esperienze legate alle proprie disfunzioni familiari; questo aspetto può essere sfruttato dal terapeuta per aiutare il paziente ad osservare (dall’esterno) un comportamento che è simile al suo, per una specifica situazione.

Le ipotesi che il terapeuta può formulare, si pongono come domande indirette nei confronti del paziente.

La modalità di risposta, affermativa o negativa, da parte dell’utente, consente comunque un abbassamento della loro difesa.

Nel caso in cui il paziente accetta l’interpretazione del terapeuta, condividendo quanto osservato, capita spesso che un gruppo di nuove informazioni iniziano ad uscire e, ovviamente, questo è il miglior risultato.

Un altro risultato positivo riguarda invece la possibilità che il paziente non sia d’accordo con il terapeuta, ma questo innesca comunque il venire a contatto con altre nuove informazioni.

Questo solitamente significa o che il terapeuta sia parzialmente corretto, ma manca qualcosa di importante, o che il terapeuta sta cercando di portare avanti qualcosa in modo prematuro, prima che il paziente sia pronto ad ammettere alcune cose.

Tra i risultati peggiori si possono invece creare situazioni in cui il paziente è d’accordo con il terapeuta, ma non aggiunge ulteriori informazioni, quindi ciò implica che l’accondiscendere a quanto sostenuto dal terapeuta è solo un modo di “placarli”.

Volendo concludere, quando questo accade, il terapeuta dovrebbe chiedere al paziente cosa ne pensa, restando in silenzio e sentendo cosa ha da dire.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2678 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.