Pubblicità

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe.

adolescenza depressioneAlcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e con poca turbolenza; tuttavia, per molti altri, la pubertà si pone come un vero e proprio detonatore di questa “bomba ad orologeria”.

Una volta innescato, niente è più lo stesso. Dal punto di vista clinico, molti genitori reagiscono con angoscia o rabbia al comportamento del proprio figlio.

Possono spesso fare commenti del tipo “è stato sempre un bambino felice, non lo riconosco più”, “quando era più piccolo era tutto così facile” e così via.

Spesso i genitori, rispetto a tale fase di transizione della vita del proprio figlio, rispondono in modo molto critico, e tale aspetto può sia essere rivolto all'adolescente che a sé stessi.

Si rimproverano di non essere stati abbastanza presenti o troppo permissivi, e questo genera una dinamica comunicativa che, se mal gestita, rischia di divenire disfunzionale determinando l'insorgenza di conflitti intra-familiari sia tra i coniugi che verso il figlio.

Purtroppo, l'assegnazione della colpa e la ricerca di un capro espiatorio come si evince da alcuni commenti del tipo “è proprio come suo padre”, oppure “gli uomini della famiglia sono tutti così”, non fanno altro che aumentare il disagio familiare.

Nel caso in cui invece si tende ad incolpare il proprio figlio di un determinato comportamento, anche questa si pone come un'altra soluzione fallimentare che esacerba le problematiche già esistenti.

A questo punto, è bene cercare di capire quale sia la forma di “angoscia” comune che si sviluppa negli adolescenti, e soprattutto come poter intuire se il proprio figlio ha bisogno di un aiuto professionale.

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase dello sviluppo ed una definita “atipica”.

Nel primo caso, è bene innanzitutto precisare che l'adolescenza irrompe bruscamente nella vita dei giovani, ed è spesso accompagnata da un periodo di lutto associato ad un'improvvisa consapevolezza delle fragilità della vita.

Durante il periodo adolescenziale, la depressione può manifestarsi attraverso delle riflessioni inquietanti, che i giovani compiono, su tematiche come la morte, la perdita simbolica dell'innocenza e soprattutto della loro identità infantile.

La realizzazione della mortalità, ossia di una prospettiva di vita che non è infinita e che quindi coinvolge non solo sé stessi ma anche i propri cari, inizia a “scurire” il quadro fantastico con cui si era convissuti fino a quel momento.

Anche se la depressione legata allo sviluppo adolescenziale può determinare delle interferenze interne, segnala anche un nuovo capitolo nella vita di un adolescente in cui inizia ad emergere un nuovo senso di Sè.

Questo disordine è quindi normale e necessario; gli adolescenti non possono forgiare un senso coerente di Sè senza scoraggiare queste incertezze e insicurezze.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Le due questioni chiave legate ad una depressione evolutiva, ossia l'identità e il processo di separazione-individuazione, devono essere infatti affrontate.

Se ciò non avviene, gli adolescenti restano ingabbiati in comportamenti obsoleti ed infantili che possono sfociare in disturbi della condotta come ad esempio il bullismo.

Le caratteristiche di una depressione evolutiva tra gli adolescenti sono le seguenti: instabilità dell'umore, sentimenti di tristezza e malinconia, perdita di interesse per alcune ma non tutte le attività piacevoli, ansia sociale, stanchezza occasionale, insonnia o ipersonnia, rara ideazione suicidaria od omicida ma senza manifestazioni comportamentali concrete.

Le condizioni che possono esacerbare questa depressione evolutiva, creando instabilità emotive più grandi, possono far sì che si configuri un quadro di depressione adolescenziale atipica.

Essendo generata da un aumento dei livelli di disagio emotivo, la depressione atipica viene spesso attivata da alcune forze distruttive come disturbi dell'apprendimento non diagnosticati, malattie e lesioni, traumi, rifiuto sociale, conflitti parentali, perdita di una persona cara, difficoltà finanziarie, cambiamenti di scuola o casa e così via.

A differenza di una depressione evolutiva, in cui gli adolescenti presentano livelli tollerabili di lutto e malinconia, la depressione atipica sovrasta gli adolescenti attraverso una disperazione schiacciante ed una tensione psichica costante.


Pubblicità

Sentimenti di scontento, rabbia, frustrazione, disperazione o impotenza si accendono e generano spesso emozioni, ossessioni e negatività distruttive.

Gli adolescenti che soffrono di depressione atipica sono quindi impegnati in una battaglia psichica atta a contrastare le insicurezze indesiderate, ma ricorrono a meccanismi di difesa particolari quali la negazione, la proiezione o la dissociazione.

Mentre queste difese sono utili e necessarie, allo stesso tempo richiedono una grande quantità di energia psichica; per tale motivo, durante la depressione atipica, gli adolescenti possono apparire persistentemente affaticati, ipervigili o esausti.

Le caratteristiche della depressione adolescenziale atipica possono includere un umore prevalentemente depresso o irritato, perdita di interesse in attività che una volta erano considerate piacevoli, isolamento sociale e attacchi di panico, persistente stanchezza, insonnia o ipersonnia, prolungati sentimenti di disperazione e indecisione, pesanti oscillazioni di umore, ideazione suicidaria ed omicida persistente.

Tra i comportamenti che possono permettere ad un genitore di riconoscere che il proprio figlio ha bisogno di aiuto professionale e sostegno psicologico rientra l'autolesionismo, l'abuso di sostanze croniche, ideazione o tentativi suicidari.

Rispetto all'autolesionismo, è importante constatare se l'adolescente si procura ferite attraverso tagli o colpendosi da solo; questo è un segno di insopportabile disordine emotivo e squilibrio psichico.

I comportamenti autolesionisti possono divenire abitudinari e andare incontro ad escalation continua nel tempo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

La sperimentazione con droghe o alcool può essere molto comune nell'adolescenza, ma se il proprio figlio rientra sempre più spesso a casa ubriaco, significa che necessita di un'attenzione clinica immediata.

Tale immediatezza diviene ancora più importante qualora sia presente una storia familiare di abuso di sostanze; la ricerca ha evidenziato che gli adolescenti che soffrono di depressione atipica sono molto più propensi a sviluppare problemi legati all'uso di sostanze.

Rispetto ad ideazioni o tentativi suicidari, è bene che i genitori prendano seriamente in considerazione le minacce o i tentativi di suicidio.

Spesso ritengono, erroneamente, di poter gestire questa situazione etichettando il proprio figlio come “drammatico”.

Considerando che i tassi di suicidio tra adolescenti è in aumento, soprattutto tra le ragazze, tutti i tentativi o le minacce richiedono un'attenzione specifica e professionale immediata.

Ancora più importante, qualora la depressione atipica non venga trattata correttamente, questa potrebbe alterare negativamente l'intero corso della vita dell'adolescente.

Quando qualcosa non va, e ci si accorge che il proprio figlio sta vivendo un periodo di alta instabilità emotiva, è importante che i genitori chiedano aiuto.

Molto spesso possono subentrare dinamiche che innescano sentimenti di fallimento o di vergogna nei genitori, ma la ricerca di aiuto per il proprio figlio è un atto di dovere e compassione piuttosto che un segno di debolezza.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2945 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.