Pubblicità

Dipendenza e attaccamento ansioso

Secondo delle recenti ricerche la presenza di un attaccamento ansioso, che innesca una particolare sensibilità al dolore di sentirsi rifiutati, si pone come fattore di rischio per la messa in atto di comportamenti autodistruttivi come la dipendenza e i disturbi del comportamento alimentare.

dipendenza attaccamentoL’attaccamento ansioso, in cui si sviluppa un’ansia rispetto ad un possibile abbandono, solitamente si instaura quando le figure genitoriali di riferimento si comportano in modo incoerente e imprevedibile.

I bambini che presentano questo stile specifico di attaccamento hanno infatti significative e maggiori probabilità di sviluppare un’ansia da separazione.

Essi soffrono frequentemente di paure persistenti, derivanti da esperienze infantili di negligenza o abuso. Le persone con attaccamento insicuro sono infatti suscettibili ad esperienze di rifiuto, critica e disapprovazione.

L’interiorizzazione di una figura di riferimento scostante ed incoerente genera la messa in atto di atteggiamenti disfunzionali che si ripercuotono sul Sé; molto spesso persone con questa tipologia di attaccamento possono infatti asserire “Io non valgo niente se una persona che amo non mi ama”.

Questi modelli di pensiero distorti generano una maggiore vulnerabilità ed angoscia che a loro volta si pongono come fattori di rischio per i comportamenti autodistruttivi quali la dipendenza e i disturbi del comportamento alimentare.

L’attaccamento è un sistema innato che motiva un neonato a cercare la prossimità di un caregiver, soprattutto in situazioni pericolose e incerte.

La difficoltà iniziale di attaccamento e l’esperienza di abbandono e abuso dei bambini interferiscono con la maturazione del sistema cognitivo; un senso di vulnerabilità mantiene la mente di una persona in stato di allerta per le minacce e la necessità di protezione, interferendo così con la regolazione delle emozioni.

Nel tempo, le interazioni con i propri caregiver sono pensate come modellanti gli stili di attaccamento: abbiamo quello ansioso, in cui le persone hanno richieste eccessive di attenzione e cura, o evitante, quando vengono negati i bisogni di attaccamento e indipendenza.

Le persone ansiose sono molto attente rispetto ai segnali di disponibilità o di mancanza di disponibilità da parte delle figure di riferimento.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974

Al contrario, lo stile evitante è caratterizzato da una soppressione dei pensieri ed emozioni correlati all’attaccamento.

Gli individui evitanti si focalizzano sul distanziamento (distacco emotivo) come strategia per la regolazione delle emozioni; questi comportamenti sono reazioni naturali alla perdita o alla mancata disponibilità di una figura di attaccamento, ma una volta stabilite come strategie di coping abituali, contribuiscono a difficoltà psicologiche e sociali.

Le abitudini mentali acquisite nell’infanzia vengono successivamente messe in atto nei rapporti adulti; in tal senso, i partner tendono a essere trattati come le proprie figure di attaccamento.

Attraverso il potere della proiezione, le interazioni interpersonali iniziano a conformarsi alle loro aspettative e alle loro esperienze interne.

La ricerca mostra che nella misura in cui gli individui sperimentano il rifiuto durante i loro anni formativi, sviluppano l’aspettativa ansiosa che altri li rifiuteranno.

Questa reazione è nota come sensibilità al rifiuto, ossia tendenza a percepire anche eventi ambigui nelle situazioni interpersonali, ad esempio il partner sembra momentaneamente poco attento, come indicatori di rifiuto che innescano rapidamente reazioni difensive automatiche come la rabbia e il ritiro.

Pubblicità

Dal momento che i soggetti con attaccamento insicuro dubitano della disponibilità e del supporto degli altri, utilizzano altre tattiche per attenuare e controllare gli effetti negativi.

Una strategia compensativa è l’attaccamento a obiettivi “non umani”, come ad esempio oggetti, coperte nel caso dei bambini, intensa religiosità e materialismo.

In altre parole, sostituiscono i rapporti con gli oggetti a quelli con le persone; ad esempio, gli adolescenti che valorizzano il successo materiale riferiscono di avere madri scarsamente presenti.

Adottano cioè valori materialistici per far fronte alla solitudine; il comportamento annesso a questo ”aggrapparsi” è stato collegato ad un attaccamento ansioso, in cui le persone acquisiscono una grande quantità di beni materiali che sovraccaricano le loro vite e causa seri disturbi.

Tuttavia, tale perseguimento di scopi estrinseci può ampliare ulteriormente la propria solitudine.

L’attaccamento ansioso è inoltre correlato all’abuso di sostanze; ad esempio, tra gli studenti universitari questo è risultato associato all’abuso di alcool per fronteggiare lo stress.

Gli individui evitanti, che tentano invece di “staccarsi” dalle loro lacune emotive e psichiche, possono utilizzare le droghe come mezzo per evitare emozioni dolore e presa di coscienza di esse.

L’ansia dell’attaccamento contribuisce anche al disturbo alimentare e all’assunzione alimentare impulsiva.

Le preoccupazioni alimentari e di peso sono quindi metodi difensivi per orientare l’attenzione sui problemi e gli obiettivi esterni e per compensare i sentimenti di impotenza, vulnerabilità e assenza di significato.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

La persona con attaccamento ansioso scegli quindi la scorciatoia chimica per evitare dolori e frustrazioni, rimanendo così bloccata.

Il comportamento diventa abituale perché può solo alleviare temporaneamente i sentimenti di inadeguatezza, ma i “deficit” del Sé rimangono, e così il dipendente ri-genera quei sentimenti di vuoto.

Il tossicodipendente manca pertanto delle risorse interne atte a sostenere i sentimenti di auto-approvazione e di autostima.

Al contrario, l’attaccamento sicuro libera da tale prigionia. Secondo la teoria del “ampliare e costruire”, la sicurezza dell’attaccamento espande le risorse di resilienza di una persona per mantenere la stabilità emotiva in tempi di stress, espande le risorse cognitive consentendo alle persone di concentrarsi sulle esplorazioni e sugli altri obiettivi importanti.

In sintesi, siamo innatamente predisposti a cercare un contatto umano ravvicinato con un altro; nella misura in cui siamo privati di questo e non abbiamo la capacità di realizzare questo compito, diveniamo emotivamente carenti e vulnerabili alla dipendenza.

Gli individui con attaccamento ansioso dubitano della disponibilità e responsività degli altri, divenendo così particolarmente sensibili al dolore sociale del rifiuto.

La teoria dell’attaccamento suggerisce pertanto che i disturbi di dipendenza e quelli del comportamento alimentare siano correlati ad un attaccamento ansioso.

Soggetti affetti da tale psicopatologie potrebbero così trarre vantaggio da un approccio terapeutico che si concentra sulla gestione del controllo dell’impulso, incrementando il pensiero riflessivo e la connessione interpersonale.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 3016 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.