Pubblicità

Disturbo da Stress Post-Traumatico e Disturbo del Comportamento Alimentare

Il disturbo alimentare può essere inquadrato come modalità “intelligente”, anche se distruttiva, che determina sia la distanza che la paralizzazione, nonché un mezzo per rivivere gli eventi dolorosi del passato attraverso una ricreazione di essi attraverso la sintomatologia del disturbo alimentare.

Disturbo Stress Post traumatico Disturbi AlimentariSeguendo la classificazione del Disturbo da Stress Post-Traumatico, il DSM-5 ritiene che un elemento fondamentale nella descrizione della diagnosi sia “l’esposizione ad un fattore di stress traumatico che coinvolge in maniera diretta il soggetto esponendolo a morte fisica, minaccia o gravi lesioni alla propria integrità fisica”.

Eventi sessualmente traumatici per i bambini possono includere esperienze sessuali inappropriate dal punto di vista evolutivo, in assenza di minaccia, lesioni o violenza reale.

L’abuso fisico e/o sessuale, l’incesto e lo stupro sono tutti inclusi in quegli eventi caratterizzanti la diagnosi di Disturbo da Stress Post-Traumatico.

Recentemente, la  National Eating Disorders Association (NEDA) afferma che “ il Disturbo da Stress Post-Traumatico si presenta spesso in comorbidità con I disturbi del comportamenti alimentare. Coloro che hanno sperimentato eventi traumatici possono anche sviluppare un disturbo alimentare nel tentativo di auto-gestire i sentimenti e le esperienze correlate all’evento traumatico”.

Più genericamente, la letteratura ha evidenziato che il 30% delle persone che presentano un disturbo del comportamento alimentare siano state vittime di abusi sessuali.

Gli studi hanno inoltre dimostrato legami statisticamente significativi tra i pazienti che hanno subito abusi e il successivo sviluppo di un disturbo alimentare.

Brewerton cita diversi studi, tra cui uno in cui si afferma che “il 74% di 293 donne che effettuano un trattamento residenziale per disturbi del comportamento alimentare, hanno indicato la presenza di un trauma significativo, nonché sintomi compatibili con una diagnosi di Disturbo da Stress Post-Traumatico”.

Ciò che è importante sottolineare è che non si deve suppore imprescindibilmente che le persone che hanno disturbi alimentari hanno avuto una storia traumatica precedente di natura sessuale; al contrario si può supporre che un individuo che è stato sessualmente o fisicamente abusato presenta un maggiore rischio fisico di sviluppare un disturbo alimentare.

Le caratteristiche diagnostiche associate con il Disturbo da Stress Post-Traumatico sono di particolare importanza per la comprensione dell’eziologia dei disturbi alimentari.

Secondo il DSM-5 “l’evento traumatico può essere ri-sperimentato in vari modi. Comunemente la persona ha ricordi ricorrenti e intrusivi dell’evento; in casi rari, la persona sperimenta stati dissociativi che durano da pochi secondi a diverse ore, durante i quali rivivono, attraverso flashback intrusivi, le memorie traumatiche, e si comporta come se ri-vivesse l’evento in quel preciso momento. Un intenso disagio psicologico o reattività fisiologica si verifica spesso quando la persona è esposta ad eventi o situazioni che assomigliano o simbolizzano un aspetto dell’evento traumatico”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974

La caratteristica essenziale del Disturbo da Stress Post-Traumatico è lo sviluppo di sintomi caratteristici a seguito di un’esposizione a uno o più eventi traumatici.

Per alcuni individui “la paura è correlata al ri-sperimentare l’evento, quindi predominano sintomi emotivi e comportamentali; per altri invece, l’eccitazione e i sintomi reattivi-esternalizzanti (per esempio i disturbi alimentari) possono invece essere prominenti”.

Una delle caratteristiche dinamiche della sintomatologia dei disturbi alimentari è quello di evitare e far fronte a sentimenti dolorosi, inquietanti o scomodi.

Il disturbo alimentare viene quindi a strutturarsi sia per prendere le distanze da questi stati o sentimenti, nonché per alleviarli.

Utilizzando una prospettiva inerente l’abuso, il disturbo alimentare può essere inquadrato come modalità “intelligente”, anche se distruttiva, che determina sia la distanza che la paralizzazione, nonché un mezzo per rivivere gli eventi dolorosi del passato attraverso una ricreazione di essi attraverso la sintomatologia del disturbo alimentare.

In effetti, l’individuo con disturbo alimentare assume sia il ruolo di vittima che di aggressore; lui/lei è in genere in balia della sintomatologia, che può assumere tratti sadici, utilizzando ad esempio dei lassativi, o un corpo contundente utilizzato per procurarsi il vomito, o impegnandosi in condotte quali abbuffate che determinano un esaurimento fisico, e contemporaneamente assumendo il ruolo dell’abusante che perpetra l’attacco verso il proprio corpo.

Questo paradigma si adatta con il rapporto tra l’individuo che è abusato fisicamente e/o sessualmente e l’abusante, solo che questa volta, il malato è in grado di assumere il “controllo” assumendo entrambi i ruoli.

L’individuo è quindi in grado di mantenere i ricorrenti e invadenti eventi abusivi attraverso l’uso del disturbo alimentare, e contemporaneamente è in grado di dissociare se stesso, distrarre e lenire il dolore attraverso l’ossessione per il cibo.

Il ri-vivere eventi traumatici può determinare un estremo disagio psicologico nel soggetto con Disturbo da Stress Post-Traumatico; in tale ottica, sentimenti di vergogna, umiliazione e senso di colpa sono ricollegati all’evento traumatico.

Al contrario, nei disturbi alimentari, tali sensazioni vengono in genere proiettate sul corpo; ad esempio, una donna con una storia di incesto, che attualmente soffre di bulimia, può trovarsi ad una festa e notare che un uomo presente nella stanza la sta osservando.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506

Supponendo che l’uomo la stia guardando in modo appropriato e cerca pertanto di stabilire un contatto visivo,  dall’altra parte, la donna converte la sua attenzione nel timore che l’uomo in realtà la stia guardando con l’intento di criticarla in quanto grassa e indesiderabile.

La donna a quel punto abbandona la festa vergognandosi del suo corpo e provando un forte disgusto verso di sé; appena rientra a casa inizia così ad abbuffarsi di carboidrati e alimenti ricchi di grasso, per poi adottare condotte compensatorie al fine di scrollarsi di dosso il senso di colpa e tutte le sensazioni precedenti.

Al momento dell’analisi, la donna riferisce di provare vergogna, disgusto e senso di colpa, sentendosi come quando era bambina e suo padre la cercava per abusare di lei.

I suoi sentimenti di amore per il padre, con il passare del tempo, divennero sempre più distorti; mentre cercava il suo affetto avvertiva un senso di disgusto, orrore e terrore nello stesso momento.

Questi sentimenti, crescendo, vennero proiettati sul proprio corpo; la vergogna, il disgusto e il senso di colpa ora viene vissuto rispetto alla dispercezione del proprio corpo, vissuto come grasso e disgustoso.

Si sente in colpa quando si abbuffa e si vergogna del suo disturbo alimentare che, in qualità di “segreto” , non è diversamente lontano del segreto di essere stata abusata dal padre.

Le memorie dell’abuso possono rimanere represse in alcuni soggetti affetti da disturbo alimentare; tale disturbo può infatti determinare un vero e proprio “coma psichico”, in quanto il soggetto consuma una quantità enorme di tempo, nonché di energia psicologica, nel tentativo di controllare il proprio peso e la propria forma. Letteralmente, il soggetto non riesce a pensare ad altro.

Ciò che è importante tenere a mente è che tali ipotesi non possono essere applicate univocamente per comprendere lo sviluppo di un disturbo alimentare; i fattori casuali sono infatti unici per ogni paziente.

Chiaramente, per tutti i soggetti affetti da disturbo alimentare vi è una costellazione unica delle cause, di un tipo o di un altro, che ha portato allo sviluppo della sintomatologia specifica.

L’impatto delle relazioni e della genitorialità nello sviluppo del concetto di sé e l’autostima, le dinamiche familiari, la depressione e l’ansia, le pressioni culturali e sociali circa l’immagine corporea, l’abuso fisico e/o sessuale, sono infatti tutti contribuenti allo sviluppo di tali disturbi.

Volendo concludere, il Disturbo da Stress Post-traumatico è infatti una condizione che colpisce alcuni individui che sono stati vittime di abusi, ma le cui manifestazioni possono anche trovare espressione attraverso un disturbo alimentare.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2933 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.