Pubblicità

Epigenetica ed ereditarietà del trauma

L'epigenetica si riferisce allo studio di un fenomeno naturale e al fenomeno stesso. Più nel dettaglio è lo studio dei meccanismi che attivano e disattivano l'espressione dei nostri geni senza alterare la sequenza del DNA.

epigenetica ed ereditarietà del traumaL'epigenetica è anche usata per riferirsi ai cambiamenti nelle espressioni dei nostri geni. Fattori quali età, abitudini nutrizionali, stress psicologico, attività fisica, abitudini lavorative e abuso di sostanze possono innescare cambiamenti nell'espressione genica.

Questi cambiamenti osservati si verificano sempre nel mondo naturale. Ad esempio, due gemelli identici, nati con la stessa sequenza di DNA, potrebbero non esprimere gli stessi geni.

Uno dei due potrà sviluppare una malattia, mentre l'altro no. Persino le malattie altamente ereditarie non sono garantite per lo sviluppo in entrambi i gemelli. Se uno dei due sviluppa la schizofrenia, si ha una probabilità del 53% di svilupparsi anche nell'altro.

Ma se si ha lo stesso identico DNA e la schizofrenia è geneticamente ereditabile, perché non si ha il 100% di possibilità di sviluppare lo stesso disturbo?

Semplicemente perché l'ambiente e lo stile di vita influiscono sulla nostra espressione genica. Nel bene e nel male, il DNA con cui nasciamo non predetermina la nostra salute, in quanto le esperienze di vita e i fattori ambientali giocano un ruolo determinante.

Per le persone che affrontano sfide legate alla salute mentale e per gli psicoterapeuti che forniscono cure, comprendere che il DNA non rappresenta il destino dell'utente può contribuire a modellare il trattamento.

Trasmissione del trauma: una manipolazione sperimentale.

In uno studio recente, alcuni ricercatori hanno dimostrato come lo stress interpersonale della prima infanzia possa incidere sulla progenie di seconda e terza generazione.

I ricercatori hanno esposto la progenie dei topi a una separazione precoce e imprevedibile dalla madre dal 1° al 14° giorno. La madre è stata sottoposta a stress e la prole è stata trattenuta fisicamente.

Psicologi in evidenza
Dottor Giuseppe Sieli
Via Napoli, 88 - PALERMO
cell.: 339 2705469
Dottor Carlo Bertorello
c/o Centro Dedalus via Porta Rossa, 6 - FIRENZE
Cell.: 335 6448128

Questo tipo di situazione è classificato come stress cronico e imprevedibile. La prole, come previsto, ha mostrato sintomi depressivi.

Tuttavia, il risultato interessante di questo studio è stato quello che si è verificato con la prole di seconda e terza generazione. Le generazioni successive sono state allevate normalmente. Tuttavia, le nuove generazioni hanno anche mostrato tassi anormalmente elevati di sintomi depressivi.

Per valutare gli effetti di essere curati o di trovarsi in un gruppo con topi traumatizzati di prima generazione, i ricercatori hanno inseminato lo sperma dei maschi traumatizzati in passato nelle uova dei topi non traumatizzati.

I risultati erano gli stessi, la prole cresciuta normalmente con le madri non traumatizzate mostrava ancora tassi anormalmente alti di sintomi depressivi.

Mentre il meccanismo del trauma passato attraverso le generazioni è sconosciuto, si pensa che la disregolazione degli RNA brevi avvenga come risultato di una sovraesposizione agli ormoni dello stress che circolano nel corpo.

Per una chiarezza espositiva con l'acronimo RNA si fa riferimento all'acido ribonucleico, una molecola che svolge diversi ruoli biologici come codifica, decodifica, regolazione ed espressione genetica.

Pubblicità

I risultati sono considerati rilevanti anche per gli umani. I bambini esposti a traumi precoci e in atto hanno maggiori probabilità di sviluppare una varietà di disturbi fisici, comportamentali ed emotivi. Oltre ai disturbi emotivi e mentali, bambini sottoposti ad abuso infantile sono anche a maggior rischio di sviluppare problemi di salute fisica come malattie cardiache, obesità e cancro.

La paura è ereditabile?

Sconcertato dai problemi nelle comunità del centro città dove problemi come la malattia mentale e la tossicodipendenza sembravano trasmettersi per generazioni, Kerry Ressler si è interessato alla ricerca del trasferimento inter-generazionale del rischio.

Il laboratorio di Ressler indaga i meccanismi del circuito genetico, epigenetico, molecolare e neurale che sono alla base della paura. Un esperimento con i topi ha rivelato che i ricordi del dolore possono essere trasmessi alla prole della prima e seconda generazione anche se questi discendenti non hanno mai sperimentato gli stimoli spaventosi.

Nello studio, piccole scosse elettriche sono state abbinate a un odore particolare nei topi maschi. Dopo che la situazione si è verificata numerose volte, i topi, quando incontravano l'odore, tremavano di paura anche senza la presenza degli shock.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Rossana Rispoli
via Ruggiero Leoncavallo, 5 - PALERMO
Cell: 339 4819051

La prole di prima e seconda generazione di questi topi mostrava le stesse reazioni all'odore, anche se non avevano mai sperimentato le scosse elettriche.

In cosa si traduce tutto questo? Da questi esprimenti si può constatare che la memoria di un trauma significativo viene tramandata alla generazione successiva e persino alla generazione successiva. Quello che è successo ai nostri nonni e ai nostri genitori sembra quindi lasciare un ricordo nei nostri esseri fisici.

La buona notizia è che l'epigenetica è anche modellata da influenze ambientali positive. Mentre si può vedere che il trauma colpisce la prole attraverso il processo malleabile dell'espressione genica, questa nuova linea di ricerca sta anche cercando di dimostrare che l'epigenetica può essere invertita.

Se i topi maschi subiscono un trauma precoce e poi si trovano in un ambiente educativa, sviluppano un comportamento normale. Di conseguenza, anche la loro progenie si sviluppa normalmente.

La conclusione di questi studi, finora, indica che lo stress precoce della vita può essere invertito. Questa è una buona notizia, perché nel contesto della psicoterapia, potrebbe non essere necessario contare tanto sui farmaci.

I cambiamenti nello stile di vita e una relazione terapeutica di supporto possono fare molto per invertire il trauma e impedire che questo passi alla generazione successiva.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia:

Franklin, T. B., Russig, H., Weiss, I. C., Gräff, J., Linder, N., Michalon, A., … & Mansuy, I. M. (2010). Epigenetic transmission of the impact of early stress across generations. Biological psychiatry, 68(5), 408-415.

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

 

  |   Letto: 434 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.