Pubblicità

Gli effetti della psicoterapia sul cervello

All'interno del presente articolo, il Dottor Robert Berenzin, psichiatra e docente presso l'Harvard Medical School, presenta gli effetti della psicoterapia sul cervello, e come questa possa agire sui sistemi biologici.

effetti della psicoterapia sul cervelloLa neuroscienza ci insegna sempre di più, e sorprendentemente, che non solo la psicoterapia è un trattamento efficace, ma anche che agisce sui sistemi biologici dl cervello.

Si rivolge in tal senso al cervello nel modo in cui si sviluppa, matura e opera. Segue cioè i principi dell'adattamento evolutivo ed è in consonanza con la genetica.

Guarisce specificamente gli adattamenti problematici del cervello proprio nel modo in cui si sono evoluti in principio.

La psicoterapia disattiva le mappature del cervello maladattive e promuove percorsi nuovi e costruttivi.

Le operazioni compiute dal cervello sono puramente biologiche. Il cervello mappa la nostra esperienza attraverso il collegamento di trilioni di circuiti neuronali connessi alla memoria.

Queste reti interconnesse creano a loro volta circuiti più grandi che mappano tutto attraverso l'architettura della corteccia.

Questo processo, a sua volta, genera mappe neuronali simboliche di alto livello che prendono la forma di immagini nella nostra coscienza.

Il gioco della coscienza è il più alto livello di forma simbolica. È cioè un teatro vivente di immaginazione, un mondo rappresentativo che consiste in un cast di personaggi che si relazionano insieme con il sentimento, così come con scenari, trame, scenografie e paesaggi.

Mentre ci adattiamo al nostro ambiente, il cervello mappa la nostra esperienza emotiva attraverso la memoria corticale. Questo inizia molto presto nella vita”, afferma il Dottor Berenzin, psichiatra e docente presso la Harvard Medical School.

Se un bambino ad esempio viene spaventato da un forte rumore, le sue braccia e le sue gambe si “sfaldano”. Il suo cuore pompa adrenalina, e piange.

Questo stimolo mappa una risposta di combattimento o fuga nella sua corteccia che viene mappata attraverso il rilascio di serotonina e cortisolo.

Il bambino viene consolato dalla madre e questa “riparazione reattiva”, ancora un volta, ristabilisce e mantiene il suo benessere che viene mappato attraverso l'ossitocina.

Queste esperienze formative della vita sono registrate in memoria, attraverso queste due modalità fondamentali.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Queste due modalità rappresentano la base della mappatura dell'intero 'gioco' che avviene nella memoria.

Una commedia scritta con amore promuoverà un senso di autenticità e sentimento. Uno scritto traumatico genererà invece una narrativa più oscura e sintomi psichiatrici.

Un gioco problematico influisce sul senso stesso del sé, della sua autostima e del suo valore. Trasforma anche la qualità della relazione con le altre persone verso la sfiducia, la rimozione emotiva e la rabbia.

È il nostro temperamento genetico individuale che determina la forma dei sintomi psichiatrici, che siano depressione, ansia, fobie, iperattività, ossessioni, compulsioni o psicosi.”

Privazione e abuso in me possono generare depressione, mentre un trauma simile in te può generare uno stato fobico.”

Il temperamento è la componente genetica nella formazione delle condizioni psichiatriche che, al contempo, risente del contesto culturale in cui l'individuo è inserito.

Il processo psicoterapeutico specificamente e biologicamente ripara il danno causato dal “gioco”. Per introdurre il modo in cui mappiamo la nostra esperienza e come effettuare il cambiamento nel cervello, si può ricorrere ad un semplice esempio di apprendimento neuromuscolare.

Questo esempio riguarda l'imparare a suonare la chitarra. L'apprendimento neuromuscolare è simile all'apprendimento di altri strumenti musicali, sport, danza o qualsiasi altra attività fisica appresa.

Cosa succede nel cervello mentre impariamo a suonare l'accordo B7 alla chitarra?

Richiede un'attenzione totale per separare le dita in un modo preciso, al fine di mantenere le corde all'interno di determinati tasti. Al primo tentativo, difficilmente si riuscirà.

Si dovrebbe posizionare lentamente ogni dito nel tasto destro. I muscoli non hanno la sensazione di poter arrivare lì, mantenere la posizione o ottenere un suono dalle corde. Inizialmente servono diversi secondi per finalizzare la posizione corretta della mano.

Ogni dito deve essere posizionato individualmente; mentre si procede ad esercitarsi con questo accordo, inizia a diventare un po' più facile.

Se dopo una notte di sonno si prova di nuovo, ancora non è perfetto, in quanto è necessaria una piena attenzione per far sì che le dita si posizionino correttamente sui tasti. Il suono iniziare così ad uscire meglio.

Ma arrivarci è ancora molto lontano. Dopo tre giorni di lavoro, si riesce finalmente a suonare l'accordo; le dita non fanno più male, e c'è una migliore coordinazione per la posizione della mano.

La mano funziona come un'unità intera, senza molti sforzi coscienti, nel senso che non si deve più pensare a come posizionare le dita perchè ora si padroneggia l'accordo. Si è così stabilita una mappa neuromuscolare B7 nella corteccia.

Assumiamo di aver appreso l'accordo usando la posizione della mano accartocciata che si vuole però correggere. Per fare ciò, per prima cosa bisogna prima costringersi a smettere di usare la posizione della vecchia mano.

Pubblicità

Ancora una volta, bisogna concentrarsi nel tenere le dita e la mano in modo diverso. Questo riporta la sensazione di dolore muscolare, goffaggine, lentezza, incapacità e frustrazione, proprio come accadeva la prima volta. Questo è necessario per stabilire una nuova e diversa mappa neuromuscolare B7 nella corteccia.

Una volta stabilito, funziona utilizzando la nuova mappa. Il processo per il cambiamento del cervello implica la disattivazione - non usare, non utilizzare la vecchia mappa del cervello - e quindi creare una nuova esperienza neuromuscolare per creare un accordo B7 appena mappato, che viene attivato.

Questo descrive l'apprendimento ed i cambiamenti neuromuscolari semplici.

Nella sfera emotiva del gioco della coscienza, il cambiamento e la crescita sono molto più complicati.

Poiché il gioco è scritto attraverso l'amigdala ed il sistema limbico, il cambiamento deve procedere attraverso il sentimento.

Il processo di cambiamento è chiamato lutto. In psicoterapia il paziente piange i dolori della sua vita nel contesto della fiducia emotiva con il terapeuta.

Il paziente piange l'abuso e la privazione della sua vita, e affronta il dolore di nuovo, al fine di disattivare le mappature “lotta-fuga” del cervello.

Le cinque fasi del dolore di Elisabeth Kubler-Ross descrivono con precisione i processi coinvolti nel rinunciare alla vecchia 'opera' per accettarne e abitarne una nuova.

Un soggetto deve passare attraverso le seguenti fasi:

  • diniego, ossia essere disposti ad aprire e sentire di nuovo il dolore;
  • sfidare la contrattazione ed essere disposti a provare;
  • sentire la rabbia annessa alla vera fonte dell'abuso;
  • sentire la tristezza di perdere vecchie fonti problematiche di sicurezza, o sentire la privazione del dolore stesso;
  • infine accettare di non abitare più nella vecchia identità familiare.

Il trauma deve essere pianto per passare a qualcosa di nuovo e migliore. Il vecchio gioco che genera sintomi e sofferenza è stato scritto da un trauma.

Ciò significa che le mappature attraverso il sistema limbico sono intrise di sadomasochismo - la serotonina ed il cortisolo sono presenti in queste mappature.

Gli attaccamenti traumatici devono essere lasciati andare perchè perdano il loro potere e siano relegati alla memoria disadattiva.

Nel contesto del porto sicuro del terapeuta, si digeriscono lentamente, si disattivano e disinnescano le mappature del vecchio gioco.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217

Quindi, poiché le mappature sadomasochiste sono fuori uso i sintomi e la sofferenza generati dal vecchio gioco, nel tempo, scompaiono.

Durante la terapia il paziente scrive e abita un gioco di fiducia appena scritto, che è infuso di amore (ossitocina), e non da una sovrabbondanza di serotonina.

Il processo di lutto in psicoterapia ripara specificamente il cervello proprio nel modo in cui è stata costruita l'opera originale.

I problemi psichiatrici derivano pertanto da adattamenti traumatici, dal temperamento e dal contesto di appartenenza.

La psicoterapia è così in grado di disattivare le mappature problematiche e attivare quelle più sane.

È puramente funzionale e adattivo e non ha alcuna relazione con l'idea di malattie cerebrali organiche ereditarie.

È fuorviante e dannoso che i pazienti credano che qualcosa sia geneticamente sbagliato nel loro cervello.

La causa della sofferenza psichiatrica deriva dalla mappatura di un dramma traumatico.

La psicoterapia guarisce, e lo fa anche attraverso la vera biologia del cervello!”, ha concluso il Dottor Berenzin.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 26787 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.