Pubblicità

Grandiosità bipolare e grandiosità narcisistica

La comorbidità tra il disturbo bipolare e il disturbo narcisistico di personalità: conoscere le similarità e le differenze è fondamentale per una corretta valutazione diagnostica e il successivo trattamento terapeutico da intraprendere

grandiosità bipolare narcisistaLa letteratura recente ha evidenziato come spesso soggetti che presentano caratteristiche narcisistiche di personalità presentino anche una condizione lieve o moderata ipomania, accompagnata da percezione grandiosi di sé.

Nonostante i due disturbi possano sembrare simili, è invece essenziale essere in grado di operare una netta distinzione tra i due, al fine di una corretta valutazione diagnostica che si pone come propedeutica alla strutturazione del trattamento terapeutico da intraprendere.

La personalità è qualcosa che appartiene a ognuno di noi e fa riferimento all'organizzazione unica dei propri punti di forza e capacità, difese psicologiche, adattamenti evolutivi, stili di coping e, non meno importante, la predisposizione genetica.

È quell'insieme di caratteristiche che si dispiegano nel rapporto che instauriamo nel mondo reale, e presenta una relativa stabilità nel tempo.

Alcune configurazioni di personalità si presentano in forme che vengono identificate, in termini clinici, con determinati cluster di tratti, atteggiamenti e comportamenti.

La loro utilità risiede nel fatto che divengono una sorta di stenografia clinica, ossia un insieme di parole o abbreviazioni che possono riferirsi ad un quadro più generale e ricco di significati.

Nella sua forma più lieve, il narcisismo è semplicemente un insieme di dinamiche di personalità che forniscono informazioni su come un individuo è organizzato dal punto di vista psichico.

Se si considera l'enfasi che pone il narcisista sui punti di forza e di approvazione sociale, non è una sorpresa che molti lo vedano e vivano come personalità di grande successo.

Essi spesso sono dei leader, degli accademici, medici, attori, avvocati, e via dicendo; tendono a sfruttare i propri punti di forza, tenendosi lontani da situazioni in cui possano sentirsi deboli e vulnerabili.

Le origini dello sviluppo di un'organizzazione specifica di personalità non sono certo algoritmiche. Non tutte le persone con forti tratti narcisistici sono stati “sottoposti” alle stesse influenze di sviluppo.

Tuttavia, vi è una sufficiente coerenza nella sua patogenesi rispetto ad alcune caratteristiche che si riscontrano nel narcisista; solitamente presentano una storia infantile in cui la soddisfazione dei bisogni li spingeva a crescere più in fretta degli altri; un senso di insufficienza, mancanza di un'adeguata sintonia da parte delle figure primarie e uno sviluppo del sé incoerente e frammentato.

Eppure, nonostante tali aspetti disfunzionali, l'individuo con organizzazione narcisistica di personalità ha imparato a far leva sui propri punti di forza e capacità, al fine di prendere le distanze dalla vulnerabilità e debolezza.

Gli individui narcisisti hanno sviluppato la capacità di estendere e intensificare i loro punti di forza; imparano così a funzionare in modo tale che la loro esperienza di sentirsi piccoli e vulnerabili venga mascherata da modalità praticamente opposte.

Un ulteriore aspetto della percezione di sé del narcisista richiama il concetto di grandiosità; con questo termine ci si riferisce ad un “senso realistico di superiorità, una visione prolungata di sé come migliore degli altri”.

Miriam Webster definisce la grandiosità come “la qualità o lo stato di apparire o il cercare di apparire più importante rispetto alla realtà”. Queste definizioni sono coerenti con ciò che è stato detto in precedenza rispetto all'evitamento del senso di inadeguatezza.

L'evitamento si è ottenuto attraverso l'investimento in un'immagine grandiosa che offre una distanza confortevole rispetto alle realtà opposte. Pertanto, cosa c'è di così sbagliato in questo quadro?

Naturalmente tutti vorremmo essere grandi, rispetto al sentirci piccoli e impotenti, ma il dilemma è che il narcisista deve intensamente investire su questo meccanismo di difesa perchè un piccolo “crack” nella corazza potrebbe determinare un repentino crollo nei meandri del Sè che sono vissuti come intollerabili.

La struttura di personalità manca di un'adeguata flessibilità e l'individuo è incline a sentire la rapida insorgenza di dolore acuto, quando il  suo stile narcisistico non funziona abbastanza bene per acquisire l'amore, l'ammirazione, il potere e controllo.

Questo dolore, causato dal rapido crollo delle difese, è quello che comunemente viene denominato ferita narcisistica.

La sfortunata conseguenza dello stile narcisistico è che tali soggetti hanno costantemente bisogno di elogi e adulazione per sostenere la loro stima ed evitare sentimenti di inadeguatezza.

Queste necessità costanti determinano indirettamente un'alienazione interpersonale, perchè il riempire e investire tutto ciò che sta fuori rivela in realtà il deserto e il senso di vuoto presente all'interno.

Se vedessimo il narcisista come un soggetto che ha paura di sentirsi piccolo e insufficiente, probabilmente riusciremmo ad apprezzare meglio la situazione che egli si trova ad affrontare.

Un altro punto che ci aiuterà a discernere meglio il narcisismo dai sintomi bipolari è che, la personalità narcisistica spesso non presenta una remissione dei sintomi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217

Si può assistere ad una variazione dei livelli di intensità del modo di funzionare di tale personalità, ma il narcisismo si presenta come una tipologia di organizzazione costante e duratura.

Con una conoscenza sufficiente, una buona dose di motivazione e consapevolezza di sé potrebbe modificarsi attraverso la psicoterapia, ma in genere non vi è una risoluzione totale, bensì dei periodi in cui è assente per poi riemergere più avanti nel tempo.

Questo è importante per la distinzione tra il narcisismo e il disturbo bipolare; il lavoro terapeutico con un individuo narcisisticamente organizzato comporta un'assistenza e un supporto che favorisca una graduale apertura alle esperienze e sentimenti di insufficienza e inadeguatezza.

 

Grandiosità bipolare

La grandiosità del bipolare può spesso presentarsi come una rappresentazione di narcisismo; si potrebbe avere la stessa percezione all'esterno, ma anche avvertire le stesse sensazioni dall'interno, e questo potrebbe portare a una diagnosi errata.

La confusione potrebbe inoltre essere accentuata dal fatto che la grandiosità bipolare possa coesistere con il narcisismo, e quando ciò succede, i due pattern sintomatologici tendono a potenziarsi sinergicamente tra loro.

È però importante riuscire ad operare una distinzione tra i due al fine di evitare una diagnosi errata e identificare approcci terapeutici specifici richiesti per ciascuno di essi,

Cerchiamo pertanto di comprendere cosa si intende per grandiosità bipolare; di solito questa si manifesta durante gli episodi maniacali o ipo-maniacali associati ad un innalzamento dell'umore bipolare.

Quando individui con disturbo bipolare esperiscono un umore elevato possono provare un senso di benessere che include umore euforico, energia elevata, una visione ottimistica, processi di pensiero accelerati e incremento della creatività.

Per molti aspetti essi si sentono super-umani, in quanto la combinazione di sintomi durante l'elevazione dell'umore consente agli individui bipolari di funzionare in una modalità “accelerata” in diversi ambiti.

Quando i pensieri si muovono più velocemente anche le connessioni cognitive procedono alla stessa velocita; quando la creatività si intensifica a causa di una maggiore conoscenza e forti emozioni che accompagnano l'ipomania, il risultato può determinare dei processi creativi molto singolari.

Anche se il prodotto finale non è unico o speciale, l'esperienza di elevazione dell'umore può sufficientemente alterare la percezione di sé in modo tale che l'individuo pensa che lui o lei stia producendo qualcosa di veramente unico, speciale e anche superiore al normale.

Portata all'estremo, come per le istanze di psicosi maniacale, questa auto-percezione di grandiosità può acquisire caratteristiche deliranti. L'individuo può iniziare a credere realmente di essere il messia, il prossimo Einstein contemporaneo o forse un reincarnato di Leonardo da Vinci.

Se l'elevazione dello stato di umore migliora i processi mentali e creativi o produce la percezione che ciò si sta verificando, l'individuo bipolare percepisce che lui o lei sia dotato di una grandezza unica. Questa è la grandiosità transitoria che vediamo nel disturbo bipolare.

 

Differenza tra grandiosità bipolare e grandiosità narcisista

La grandiosità bipolare si verifica in concomitanza con molteplici altri sintomi che accompagnano l'ipomania e/o la mania. Quello che è importante è che tali sintomi, inclusa la grandiosità, siano tutti specifici e correlati alla fase umorale.

Come tali essi non durano nel tempo e non sono presenti durante la fase depressiva del bipolare, in cui si manifesta una bassa autostima che tende a essere il filtro dominante attraverso il quale il paziente si auto-valuta e percepisce.

Al contrario, la percezione di grandiosità nel narcisista è più duratura. L'esperienza di superiorità si manifesta con una maggiore frequenza, tale da rendersi un aspetto integrante della percezione personale dell'individuo.

Consideriamo adesso l'interazione con due persone diverse: una con grandiosità ipomaniacale e l'altro con grandiosità narcisistica. Le interazioni potrebbero avere effettivamente un aspetto simile tra loro.

Forse l'unica differenza identificabile è che l'individuo bipolare di solito esperisce la sensazione di essere carico di energia accompagnata ad umore elevato, mentre il narcisista grandioso sperimenta tali sensazioni a livello psichico, ma non avverte questa quantità di energia fisica.

A meno che non vi sia una comorbidità con un quadro psicotico o disturbo delirante, la grandiosità del narcisista di solito non riflette caratteristiche deliranti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Chiara De Alessandri
Via A. Stradivari, 6 - MILANO
Cell: 349 1700569
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

I messianici, Einstein, manifestazioni reincarnative di grandiosità si verificano soprattutto durante la psicosi maniacale e non sono presenti nel narcisismo appartenente all'area nevrotica.

Qualora, in circostanze insolite, il narcisista fa esperienza di deliri, ciò significa che vive all'estremo del continuum narcisistico di personalità.

 

Comorbidità

Si stima che circa il 5% di quelli con disturbo bipolare presentano anche una comorbidità con il disturbo narcisistico di personalità; ciò significa che un soggetto su venti presenta tale comorbidità.

In questo caso, i due disturbi possono potenziarsi reciprocamente; i processi mentali cominciano a muoversi più velocemente, l'energia si alza e le emozioni sono caratterizzate da grande euforia e un forte ottimismo. Gli aspetti narcisistici della personalità accolgono questi tipi di elevazione perchè forniscono un rinforzo di quegli aspetti “combustili”dal nucleo della personalità narcisistica.

Essenzialmente la grandiosità narcisista è alimentata da un innalzamento bipolare e viceversa. La persona con disturbo bipolare deve imparare a riconoscere l'insorgenza di ipomania; quando ciò si verifica, la possibilità per l'individuo di limitare o livellare la progressione di umore e di energia esiste realmente.

In genere questo avverrà anche attraverso una terapia farmacologica, attraverso cui regolare il sonno e astenendosi da scelte che contribuiscono ulteriormente all'attivazione mentale e fisica.

Tuttavia, questo richiede una profonda consapevolezza nel soggetto bipolare nel capire che la progressione e l'elevazione del tono dell'umore non rappresenta necessariamente una cosa positiva.

Quando si aggiunge al mix anche il narcisismo, la capacità di un individuo di riconoscere ciò che è adattivo rispetto a ciò che non lo è diventa ancora più difficile, perchè l'azione delle difese narcisistiche si adatta perfettamente a gran parte di ciò che avviene durante le oscillazioni bipolari dell'umore.

Gestire questi aspetti nel trattamento richiede una grande competenza psicoterapeutica; il farmaco può essere necessario per stabilizzare alcuni aspetti, ma bisogna lavorare su tutti gli aspetti intrapsichici che caratterizzano tali strutture di personalità.

Approcciarsi al narcisismo attraverso la psicoterapia è un impegno complesso e con una vasta gamma di variabili che rendono il processo diverso per ogni individuo.

In aggiunta, se l'esperienza del terapeuta risuona con qualsiasi contenuto riportato dal paziente è bene esplorare tali questioni con il proprio analista, soprattutto se questo è esperto delle particolari intersezioni tra i disturbi dell'umore e quelli di personalità.

Articolo tratto da “New Harbinger Publications”

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 7140 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.