Pubblicità

Il Burnout nel contesto della psicoterapia

Il burnout professionale, con i suoi conseguenti effetti dannosi sulla soddisfazione ed il successo della carriera, è un problema preoccupante per molti psichiatri e psicoterapeuti. La sensazione che “non stiamo creando una relazione di aiuto e di guarigione con il nostro cliente è la ragione principale del burnout nel contesto della psicoterapia”.

il burnout nel contesto della psicoterapiaIl burnout è una sindrome correlata al lavoro distinta dalla depressione. Nella letteratura professionale, il burnout è caratterizzato da 3 caratteristiche avverse: esaurimento emotivo, depersonalizzazione (o cinismo) ed un senso di inefficienza personale o di impedita realizzazione.

Queste caratteristiche si manifestano come perdita di entusiasmo per il lavoro e la sensazione di non riuscire a contribuire professionalmente, sviluppare atteggiamenti negativi nei confronti del lavoro, trattare gli altri, compresi i pazienti, come se fossero oggetti e sentimenti di incompetenza o inadeguatezza.

In termini che catturano maggiormente l'effettiva esperienza soggettiva del burnout, alcuni autori hanno fatto riferimento alla “fatigue compassione”, deterioramento della dignità, dei valori e della volontà; in sintesi, una sorta di “erosione dell'anima”.

Anche se il potenziale di esaurimento emotivo che è centrale nel burnout è stato riconosciuto da molto tempo, l'argomento è emerso a metà degli anni '70.

Il termine “burnout” fu usato per la prima volta nella letteratura da uno psichiatra che aveva osservato la graduale perdita di motivazione e di impegno in volontari operanti presso un'agenzia di servizi umani.

Circa nello stesso periodo, il burnout divenne oggetto di indagine empirica. Da allora è stato studiato approfonditamente ed è stato riscontrato che si verifica in una grande percentuale di clinici: dal 30 al 60% dei clinici praticanti ha dichiarato di soffrire di esaurimento emotivo.

Rispetto alla pratica psicologica e/o psicoterapeutica i clienti difficili non rappresentano la causa del burnout.

Lo sforzo cronico del lavoro può fare in modo che i terapeuti vogliano abbandonare il divano per sempre. Questo aspetto può portare al burnout, una sensazione di esaurimento emotivo, cinismo ed inefficacia.

È opinione comune che vedere pazienti difficili sia al centro del burnout dello psicoterapeuta. Molti studi hanno scoperto però che vi è una causa molto più profonda.

In uno studio indagante le cause del burnout, Barry Farber e Louis Heifetz hanno intervistato 60 psicoterapeuti sulle loro esperienze lavorative.

La causa più comune di burnout non è stata la preoccupazione per il denaro o il carico di lavoro, ma una mancanza della percezione di efficacia nell'esperienza psicoterapeutica.

Come spiegano:

La soddisfazione professionale deriva dalla capacità di promuovere una relazione terapeutica utile; l'insoddisfazione deriva principalmente dalla mancanza di successo terapeutico; e il burnout è principalmente una conseguenza dell'attenzione, del dare e della responsabilità non reciproca richiesta dalla relazione terapeutica”.

In altre parole, la sensazione che “non stiamo creando una relazione di aiuto e di guarigione con il nostro cliente è la ragione principale del burnout nel contesto della psicoterapia”.

È interessante notare che la gravità dei problemi di salute mentale nei clienti non era una delle cause principali del burnout.

Non è cosi sorprendente se ci si riflette.

Sia che trattiamo problemi lievi o gravi di salute mentale, ciò che rende il nostro lavoro frustrante o appagante è la nostra capacità di aiutare i clienti a cambiare. In effetti, ci sentiamo al meglio quando riusciamo e de-struttuare i modelli autodistruttivi dei clienti, renderli capaci di gestire una crisi o elaborare un grosso trauma. Abbiamo bisogno di questi clienti stimolanti per mettere alla prova le nostre capacità relazionali e concettuali. Attraverso questo lavoro, scopriamo la passione per il nostro lavoro e diventiamo più efficaci con tutti i nostri clienti.”

Auto-efficacia e burnout

Gli psicoterapeuti non sono i soli a subire l'impatto del sentirsi inefficaci. Molti studi scoprono che l'autoefficacia, la sensazione di poter esercitare il controllo sulle sfide e far emergere i risultati desiderati, è un costante predittore del burnout rispetto a numerose professioni, tra cui l'insegnamento, infermieri, medici e altri lavori di ufficio.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

Una recente meta-analisi condotta su 57 studi ha rilevato che avere livelli più bassi di auto-efficacia è correlato a livelli più alti di burnout.

Per applicare questi ultimi risultati agli operatori della salute mentale, gli psicoterapeuti che non ritengono di poter affrontare efficacemente le sfide dei clienti in sessione o aiutare i loro clienti a migliorare la loro depressione, ansia o altre malattie hanno meno probabilità di provare un senso di realizzazione, avere atteggiamenti negativi sul significato del loro lavoro, e si sentono emotivamente esausti.

Questo suggerisce una soluzione che a prima vista sembra paradossale.

Fattori contribuenti

I risultati di una revisione della letteratura indicano che una varietà di fattori possono contribuire al burnout dello psicologo o psicoterapeuta.

Questi includono tratti di personalità, come il perfezionismo o preoccupazione ossessiva, aspettative di invulnerabilità personale e negazione dei bisogni personali, esposizione ricorrente ad esperienze emotivamente intense, come il dolore, la sofferenza ed il suicidio del paziente.

La teoria dello scambio sociale ha fornito una spiegazione al fenomeno del burnout: la mancanza di reciprocità nella relazione terapeuta-paziente, in cui la relazione esiste a vantaggio del paziente, può creare uno squilibrio tra investimenti emotivi e risultati.

Questo, a sua volta, può portare alla stanchezza e alla fuga emotiva. Sono state anche suggerite pressioni sul lavoro, tra cui carichi clinici eccessivi, preoccupazioni legali, mancanza di supporto e percezione di risorse inadeguate per svolgere i compiti attesi.

Una percezione delle eccessive richieste di carriera e di risorse inadeguate è stata identificata come particolarmente importante nel prevedere il burnout.

Checkpoint

Il burnout è inoltre spesso associato ad una mancanza di controllo; trovare modi per aumentare il senso di controllo migliora la capacità di recupero.

Stabilire limiti professionali e personali può essere la chiave per mantenere atteggiamenti positivi.

Condividere sentimenti e responsabilità può essere un ingrediente importante per superare il burnout; il supporto può essere trovato nelle relazioni interpersonali e nelle impostazioni di gruppo.

L'età e l'esperienza possono essere fattori protettivi positivi contro il burnout.

Quando uno psicologo o psicoterapeuta esperisce il burnout, una strategia utile è quella di cercare la supervisione e di impegnarsi in attività di auto-riflessione per migliorare la pratica e le abilità.

Questo “consiglio” vale anche quando si è sovraccarichi di lavoro. In realtà, questa soluzione non è molto diversa da quella che si chiede ai clienti.

Quando i clienti depressi cercano i nostri servizi, chiediamo loro di svolgere compiti aggiuntivi, come trovare attività divertenti, esercitare l'assertività, impegnarsi in attività di autoriflessione e completare altri compiti a casa.

Il rimedio per i nostri problemi non è quindi diverso da quello dei nostri clienti”, hanno sottolineato gli autori.

Il modello degli stadi del cambiamento

Affrontare il burnout potrebbe anche richiedere l'adozione di una prospettiva più flessibile.

Pubblicità

Diversi supervisori sottolineano come i tirocinanti avvertano spesso un senso di inefficacia. Si sentono così perchè i pazienti non rispondono con entusiasmo ai loro interventi, seguendo i “compiti a casa” o frequentando la sessione con la regolarità che desiderano.

Molti si aspettano un livello di conformità tipico delle persone altamente motivate, quelle nella fase di azione del cambiamento.

Tuttavia, molti clienti entrano in terapia in uno stato mentale contemplativo, spesso diviso tra il desiderio di cambiare ed il mantenimento dello status quo che ha causato i loro problemi.

Aspettarsi un successo facile e veloce con questi clienti può effettivamente portare a frustrazione, avversione dei clienti o senso di inefficacia.

Ma pensando a questi pazienti ricorrendo al modello di cambiamento, potremmo iniziare a capire che alcuni clienti non sono pronti per l'azione. Una terapia efficace per molti clienti comporta la sensibilizzazione alle conseguenze dei loro problemi, l'aumento della responsabilità personale o semplicemente il loro aiuto per superare lo stigma di essere in terapia.

Se adottiamo questo approccio flessibile per definire il successo, il cambiamento non si limita solo a ridurre i punteggi di depressione o ansia su misure standardizzate, ma comprende i molti modi in cui aiutiamo i nostri clienti a compiere passi essenziali che preparano il terreno per un successivo cambiamento.

Il cambiamento è difficile e la terapia è un'impresa difficile per molti. Se fosse facile cambiare, non avremmo tramutato la psicologia in una professione.

Cosa possono fare psicologi e psicoterapeuti sul burnout?

Quando si tratta di esaurimento, la sensazione di essere efficaci è spesso trascurata. Ma come puoi sentirti più efficace? Ecco alcuni suggerimenti:

Partecipa ai corsi di formazione. Più aiuti i clienti, meno senti il burnout. La formazione regolare è un modo per raggiungere questo obiettivo. La formazione può ampliare la capacità percettiva, insegnarti nuove tecniche e farti riflettere sui problemi dei tuoi clienti in modi nuovi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Richiedi la supervisione. Ottenere consulti da un collega più esperto è molto, molto simile a quello che succede in terapia. Ottenere feedback dall'esterno ti consente di vedere gli schemi del tuo lavoro di cui non sei a conoscenza e scoprire in che modo ti influenzano. Il feedback esterno può anche aprire la tua mente a nuovi modi di lavorare con i clienti. Probabilmente ha la tua preferita tra due tecniche, ma la supervisione può aprire gli occhi ad altri interventi validi.

Assumi una visione più complessa del cambiamento. Fornisci una valutazione onesta e accurata di ciò che i tuoi clienti devono superare per iniziare a cambiare e apprezzare tutti i passaggi necessari. Molti pazienti non sono nella fase di azione del cambiamento, cioè pronti a iniziare a cambiare i loro problemi ora. Ad esempio, potresti non essere in grado di convincere qualcuno a lasciare una relazione abusiva, ma se riesci a capire quanto è distruttivo e 'distruggere' la sua negazione, hai realizzato qualcosa di abbastanza significativo.

Il successo è l'obiettivo dei tuoi clienti, non il tuo. A volte, sia psicologi che psicoterapeuti vogliono ottenere i massimi risultati per i clienti. Si aspettano che cambino nel modo più ideale possibile, in particolare la riduzione dei sintomi o anche la remissione del disturbo.

Ad esempio, lavorando con i sopravvissuti al trauma, ci si può aspettare che affrontino i loro traumi. Tuttavia, i nostri clienti potrebbero essere in difficoltà anche solo per ottenere qualcosa di molto più semplice, come la condivisione di un trauma per la prima volta.

Ovviamente dovremmo incoraggiare il maggior numero possibile di cambiamenti, ma i nostri clienti potrebbero essere elettrizzati da qualcosa di fondamentale come il semplice impegno del venire in terapia.

Dato che il numero modale di sessioni di terapie è uno, dovremmo davvero cercare di sintonizzarci sugli obiettivi dei nostri clienti fin dal nostro primo incontro.

Che tu sia uno psicologo/psicoterapeuta o un veterano esperto, il burnout è una preoccupazione sempre presente. Puoi combatterlo apprezzando tutti i modi sottili con cui aiuti i clienti.

Stabilisci aspettative realistiche su ciò che puoi realizzare con i tuoi clienti. Inoltre, adottare un modello continuo di apprendimento e crescita come psicoterapeuta.

Non diventare compiacente o pensare di sapere tutto. La linea di fondo è che se vuoi una carriera lunga e sana come psicoterapeuta, non solo devi vedere te stesso come efficace ma devi anche esserlo.

Se lo fai, non solo lo apprezzerai, ma lo faranno anche i tuoi clienti.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

  • Peisah C, Latif E, Wilhelm K, Williams B. Secrets to psychological success: why older doctors might have lower psychological distress and burnout than younger doctors. Aging Ment Health. 2009;13:300-307.
  • Schaufeli WB, Bakker AB. Job demands, job resources, and their relationship with burnout and engagement: a multi-sample study. J Organiz Behav. 2004;25:293-315.
  • Shanafelt TD, Sloan JA, Habermann TM. The well-being of physicians. Am J Med. 2003;114:513-519.
  • Shanafelt TD. Enhancing meaning in work: a prescription of preventing physician burnout and promoting patient-centered care. JAMA. 2009;302:1338-1340.
  |   Letto: 968 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.