Pubblicità

Il pensiero innovativo di Irvin Yalom sulla psicoterapia

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfidare i loro pazienti a crescere, dovrebbero ricordarsi di trattarli con empatia e semplice gentilezza umana oltre alla normativa e premurosa cura professionale?

il pensiero innovativo di Irvin Yalom sulla psicoterapiaNell'opera “Il dono della terapia”, lo psichiatra e scrittore Irvin Yalom ricorda un incontro commovente con una delle sue pazienti oncologiche.

La donna è imbarazzata per la perdita dei capelli dopo la chemioterapia, e durante una delle sue sedute rivela che vorrebbe un feedback da Yalom rispetto al fatto che la sua calvizia non lo respinga.

Yalom, che ha sempre ammirato questa paziente per l'intelligenza ed i suoi lineamenti, le dice che non è affatto ripugnato.

In aggiunta a questo, chiede alla paziente se può toccare le graziose ciocche grigie di capelli che le rimangono sulla testa. Il risultato è un momento intimo, quasi catartico per entrambi.

Questi momenti, collegati nel suo libro, “Il dono della terapia”, si pongono come argomenti vividi per abbattere i muri che separano paziente e psicoterapeuta.

Diretto ad una nuova generazione di psicoterapeuti ed ai loro pazienti, Yalom è un appassionato sostenitore dello smascheramento, o meglio definita Self-disclosure, del terapeuta.

Uno dei motivi principali per cui i pazienti cadono della disperazione è perchè non sono in grado di sostenere relazioni gratificanti.

Secondo Yalom, la psicoterapia è la loro opportunità di stabilire un sano dare-e-avere con un psicoterapeuta empatico; uno che no ha paura di mostrare le proprie vulnerabilità.

Aprire la porta segreta

Professore emerito di psichiatria alla Stanford University e autore di numerosi libri di psicoterapia, l'intuizione id Yalom in questo mondo apre la porta segreta alla psicoterapia, sia per i consulenti che per i pazienti che li visitano.

Quello che vediamo dietro la porta di Yalom è ben lontano dallo stereotipo dello psicoterapeuta.

Dai fumetti ai lungometraggi di Hollywood, l'analista è spesso raffigurato seduto dietro una scrivania o un taccuino, letteralmente fuori portata e lontano dalla vista della persona analizzata.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589

Come pazienti, percepiamo quella persona seduta di fronte a noi come una figura potente ed impenetrabile, eppure ci si aspetta che ci riveliamo al loro esame.

Nell'atmosfera carica dell'ora terapeutica di 50 minuti, la psiche si espone, mentre lo psicoterapeuta mantiene una maschera enigmatica.

Questo potrebbe essere il modello tradizionale della psicoanalisi, ma Yalom lo sfida definendolo malsano ed inefficace. Un vero trattamento, dice, richiede un'intimità tra terapeuta e paziente che nasce da un solido legame di fiducia.

Dopo tutto, un paziente affida regolarmente al proprio psicoterapeuta rivelazioni intime, così il terapeuta deve essere in grado di rispondere con una vera empatia spontanea piuttosto che con frasi terapeutiche di riserva.

L'empatia non deve evolversi nel vuoto. “L'amicizia tra terapeuta e paziente è una condizione necessaria nel processo di terapia”, afferma Yalom, e incoraggia lo psicoterapeuta dicendogli “fai sapere al paziente che lui o lei è importante per te”.

Come in ogni altra relazione intima, Yalom ritiene importante che entrambe le parti ammettano quando hanno commesso un errore.

Egli osserva che quando ha confessato i propri limiti, giustificando così la sua mancanza di comprensione in un determinato momento della psicoterapia, ha fatto un grande passo avanti nel lavoro terapeutico.

Questo era il caso in cui Yalom si sentiva estremamente a disagio nel lavoro psicoterapeutico con una donna chiacchierona e obesa che soffriva di depressione - questo caso è illustrato in un altro dei suoi libri intitolato “Guarire d'amore”.

Racconta del suo viaggio impegnativo per comprendere la sua resistenza a trattare “Betty”, a partire dalla sua famiglia e dalla sua linea di “donne grasse e controllanti”, al suo bisogno di capro espiatorio negli anni del liceo durante la segregazione razziale di Washington DC, in cui fu regolarmente attaccato perchè bianco ed ebreo.

Pubblicità

Yalom ricorda che lui, a sua volta, poteva guardare dall'alto in basso i “ragazzi grassi”: “Supponevo che avessi bisogno di qualcuno da odiare”, riflette. “Forse è lì che l'ho imparato”.

Nel processo di terapia, Yalom convince Betty, che devia la maggior parte delle sue domande con una battuta, di smetterla di “intrattenerlo” e di parlare della sua vita con la serietà che merita.

Quando lo fa, alla fine sconfigge il suo disagio e arriva a provare un enorme rispetto e simpatia per la sua paziente. E, dopo alcuni mesi di trattamento, Betty fu in grado di superare la depressione e ottenere un peso più confortevole per se stessa.

Lo psicoterapeuta può chiamare il paziente a casa?

Il coinvolgimento personale di Yalom durante la terapia non si ferma alla condivisione dei suoi pregiudizi.

Visitando di tanto in tanto i pazienti a casa, Yalom afferma di aver appreso informazioni importanti che è stato in grado di mettere a frutto durante la psicoterapia.

Ad esempio, un paziente gravemente depresso è stato per mesi incapace di andare oltre le fasi iniziali del lutto per la morte della moglie.

Quando Yalom fece una telefonata a casa, scoprì che il paziente aveva così saturato il suo ambiente con i ricordi materiali della moglie - al punto da tenere il divano malconcio dove sua moglie era morta - che la sua stessa personalità era praticamente scomparsa.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Insieme, paziente e psicoterapeuta elaborarono una serie di cambiamenti nella casa che aiutarono il paziente a liberarsi di alcune catene invisibili che lo legavano.

Il paziente come compagno di viaggio

Poichè costruire fiducia e intimità richiede del tempo, Yalom è critico nei confronti dell'attuale tendenza verso brevi periodi di terapia comportamentale.

Mentre possono lavorare in alcuni casi, egli sottolinea che non c'è alcun sostituto per le sessioni settimanali in corso in cui un clinico premuroso ed un paziente in difficoltà si impegnano in una “prova generale per la vita”.

Sebbene la “vita” in questione sia solitamente quella del paziente, Yalom ritiene che se il cambiamento non avviene anche nello psicoterapeuta, la psicoterapia non sta funzionando in modo efficace.

45 anni di pratica clinica hanno portato Yalom a notare che il paziente e lo psicoterapeuta sono “compagni di viaggio” durante la terapia - sono entrambi esseri umani che si occupano di problemi essenziali dell'esistenza e devono lavorare in modo cooperativo per risolverli.

Il terapeuta deve essere in grado di “guardare fuori dalla finestra dell'altro”. Imparare ad empatizzare con l'esperienza di un paziente è il regalo più importante che uno psicoterapeuta può dare ad un paziente, afferma Yalom.

Certamente il mondo dell'analisi e della terapia è cambiato drasticamente dai tempi di glorificazione del terapeuta neutrale, distante ed emotivamente freddo con una pipa in mano.

Nell'opera “Il dono della terapia”, Yalom fa la coraggiosa affermazione che lo psicoterapeuta è responsabile nel portare la propria umanità in prima linea nella terapia.

Dopotutto, questo può essere il regalo più prezioso che il terapeuta può offrire al cliente.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 12986 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.