Pubblicità

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica.

paranoia se altro.jpgUna nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo.

Il manuale diagnostico e statistico dell'Associazione Psichiatrica Americana, ha storicamente definito questo disturbo, come altre malattie mentali, in termini “categorici” piuttosto che “dimensionali”, osserva la psicoanalista Nancy McWilliams.

In altre parole, o lo hai o no. Ma, la McWilliams sostiene che la paranoia debba essere definita un 'processo' piuttosto che un tratto, nel senso che tutti possono presentare una certa suscettibilità sotto l'influenza dello stress e della regressione.

Esistono diversi tipi di paranoia, ma tutti condividono due caratteristiche principali; la prima è la proiezione, in cui si attribuiscono ad un altro sentimenti, impulsi o aspetti di sé: non sono arrabbiato, lei è arrabbiata.

In secondo luogo, questa proiezione è negata o scoraggiata, e quindi l'individuo non è a conoscenza di aver proiettato questi sentimenti indesiderati su qualcun altro: una persona che sperimenta un “processo paranoico” è convinta che sia l'altra persona a sperimentare tali sentimenti.

La McWilliams osserva che esistono diverse forme di paranoia, anche se non tutte sono classificate come tali all'interno del DSM.

La maggior parte di noi ha familiarità con l'espressione della sindrome paranoide caratterizzata da sospetti e fantasie di persecuzione; per le persone sotto l'influenza di questo tipo di paranoia, l'amore è percepito come pericoloso e minaccioso.

In risposta, la sensazione di amore è inconsciamente invertita nell'odio e attribuita ad un altro. Freud formulò questo cambio di funzione, dall'amore alla persecuzione, in questo modo: io non lo amo, lo odio, mi odia.

Il processo paranoico, però, può essere mobilitato anche per un successo professionale; Microsoft, per esempio, ha operato per lungo tempo seguendo una sorta di “principio di paranoia aziendale” in cui “nessuna minaccia dev'essere ignorata”, il che l'ha spinta a prevenire incursioni dai concorrenti.

Ad esempio, dopo che Netscape ha rilasciato il suo browser Navigator, Microsoft ha rilasciato Explorer.

Rispetto ad una prospettiva socio-culturale, molti afro-americani hanno esperito la paranoia persecutoria come strumento di sopravvivenza, e come affermato dall'attivista Cynthia McKinney “gli afroamericani hanno sempre saputo che quel pizzico di paranoia è stato sana per loro”.

Tra le caratteristiche radicate nei processi paranoici sicuramente va menzionata la megalomania, ossia uno stato mentale disordinato.

La McWilliams lo descrive come una condizione “in cui la vergogna, il disprezzo di sé ed il dolore sono dissociati e proiettati.. maggiore è la ripugnanza di sé, tanto è più probabile il procedere verso uno stato megalomane”.

Più specificamente, nei “tratti” di questo disordine, un individuo tipicamente pensa: sei senza valore, patetico e difettoso, mentre io enfatizzo tutto ciò che è ammirabile e desiderabile.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

Questa variante di paranoia è spesso attiva nella politica e nel rapporto leader-seguace. La figura di culto Jim Jones, fondatore della congregazione religiosa Tempio del Popolo (Peoples Temple), ne è un esempio.

Egli è infatti conosciuto per aver indotto 909 membri della sua congregazione, compresi bambini e neonati, ad uno spaventoso massacro e suicidio di massa a Jonestown, negli Stati Uniti d'America.

Predicava di essere il re-incarnatore di Gesù, Mahatma Gandhi, Gautama Buddha e Vladimir Lenin. Tuttavia, esperienze meno intense di megalomania esistono tra le persone sane, una sorta di adattabile onnipotenza come afferma la McWilliams.

Un tipo di distorsione correlata a questa forma di paranoia è stata identificata nel 2008 dallo psichiatra Joel Gold e dal fratello, neurofilosofo, Ian Gold.

Entrambi hanno coniato e introdotto il termine di Trauman Show Syndrome”, in seguito all'uscita del film, nel 1998, The Truman Show.

Hanno osservato che un crescente numero di pazienti affermava di essere il protagonista di uno spettacolo televisivo, e che le loro azioni fossero girate e trasmesse in diretta.

Pubblicità

La cronaca della propria vita era pertanto inevitabile: le telecamere nascoste, ad esempio, erano ovunque, dietro gli specchi, nelle cerniere e negli abiti.

Si può constatare che in tutte le forme di paranoia siano presenti una certa grandiosità e un'intensa autoreferenza. L'idea è: tutto ciò che accade nel mondo è in relazione a me.

Meglio essere importanti in questo modo, osserva la McWilliams, che abitare una narrazione da vittima e sentire che in realtà si è deboli e impotenti in un mondo popolato da persone potenti.

Un'altra caratteristica clinica del processo paranoico è l'erotomania, ossia una condizione delirante in cui l'individuo è convinto che un'altra persona sia innamorata di lui.

La persona che ne è affetta, crede che l'ammiratore segreto stia dichiarando il proprio amore attraverso sottili sguardi, uso speciale di oggetti o messaggi mediatici.

All'inizio del XX secolo, lo psichiatra francese Gaëtan Gatian de Clérambault descrisse una paziente ossessionata dal re britannico Giorgio V.

Trascorreva molto tempo davanti Buckingham Palace per lunghi periodi, credendo che il monarca stava comunicando il suo desiderio per lei di sposarla.

La McWilliams sostiene che la paranoia persecutoria, la megalomania e l'erotomania, derivino da differenti tipologie di ansia.

La paranoia persecutoria è incorporata nell'ansia da annientamento, mentre la megalomania e l'erotomania sono radicate nell'ansia e la paura della separazione.

Queste ansie impegnano aspetti diversi della chimica cerebrale e si verificano mediante l'azione di differenti neurotrasmettitori.

Psicologi in evidenza
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

Le dinamiche della paranoia persecutoria fanno parte di quello che il neuroscienziato Jaak Panksepp, nato in Estonia, ha identifica come il Sistema FEAR (rabbia) nel cervello, in cui i segnali trasmessi attraverso una sinapsi da un neruone ad un altro neurone “target” non utilizzano la serotonina.

Mentre ciò avviene per i segnali cerebrali attivati dalla megalomania e dall'erotomania. Questo è il motivo per cui, afferma la McWilliams, la paranoia persecutoria, basata su timori di morte e annientamento non risponde ai farmaci serotoninergici come gli SSRI, ossia l'antidepressivo più comunemente descritto.

La proiezione, centrale in tutti i processi paranoici, è una parte normale dello sviluppo infantile e svolge un ruolo frequente anche in età adulta.

Che altro facciamo quando sogniamo? Facciamo un uso adattivo della proiezione nel processo creativo. Che cosa fa un pittore quanto mette immagini, percezioni e sentimenti su tela? O quando uno scrittore si identifica con un personaggio nel suo romanzo o nel suo gioco?

La proiezione diventa problematica e patologica quando l'identità di una persona può essere definita solo da quello che non è.

L'identità di un tale individuo si basa sul contrasto, e una persona si fissa con una necessità prolungata e intensa per “alterare”, trovare altre persone su cui appendere le parti indesiderate e dolorose di Sè stessa.

C'è una confusione in corso nei confronti dei confini tra sé e l'altro, tra ciò che è dentro e appartiene al Sè e ciò che è fuori, che appartiene ad un altro.

Questo è l'unico modo per mantenere l'equilibrio psichico e non c'è possibilità di riconoscimento reciproco in una relazione. A quel punto, la separazione psicologica diviene intollerabile.

Come afferma la McWilliams, “quando l'altro è una parte indispensabile della definizione di Sè la separazione non può realizzarsi”.

Come dice il filosofo Robert M. Hutchins, “Questa è una prova fai-da-te per la paranoia: sai di averla quando non riesci a pensare che niente avvenga per colpa tua”.

La paranoia nasce da esperienze di umiliazione acuta, una situazione di caos ambientale precoce in cui il bambino sviluppa un attaccamento insicuro verso i caregivers ed è vulnerabile alle insicurezze circa la natura di dipendenza da coloro che lo circondano.

Al centro, tutti i processi paranoici implicano una lotta costante tra fiducia e sfiducia; coloro che sono inclini agli stati paranoici sono stati spesso sconvolti da reazioni emotive quando erano bambini, e hanno appreso che tale effetto è risultato inaccettabile, rispondendo così attraverso il respingimento di tali aspetti della realtà e proiettandoli, per difesa, su altri.

Poiché si basa su meccanismi di proiezione e disapprovazione, la paranoia è un processo psichico facilmente trasferito tra le generazioni, suggerisce la McWilliams.

Un bambino, che per definizione ha confini porosi ed un vulnerabile senso di identità, è un target suscettibile per le proiezioni paranoiche di un genitore.

Così la famiglia può divenire quello strumento atto a trasferire questa esperienza emotiva tra le diverse generazioni.

 

Tratto da “Psychoanalytic Review”

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

Il Sè nell'altro: la paranoia

 

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica.

 

Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo.

 

Il manuale diagnostico e statistico dell'Associazione Psichiatrica Americana, ha storicamente definito questo disturbo, come altre malattie mentali, in termini “categorici” piuttosto che “dimensionali”, osserva la psicoanalista Nancy McWilliams.

 

In altre parole, o lo hai o no. Ma, la McWilliams sostiene che la paranoia debba essere definita un 'processo' piuttosto che un tratto, nel senso che tutti possono presentare una certa suscettibilità sotto l'influenza dello stress e della regressione.

 

Esistono diversi tipi di paranoia, ma tutti condividono due caratteristiche principali; la prima è la proiezione, in cui si attribuiscono ad un altro sentimenti, impulsi o aspetti di sé: non sono arrabbiato, lei è arrabbiata.

 

In secondo luogo, questa proiezione è negata o scoraggiata, e quindi l'individuo non è a conoscenza di aver proiettato questi sentimenti indesiderati su qualcun altro: una persona che sperimenta un “processo paranoico” è convinta che sia l'altra persona a sperimentare tali sentimenti.

 

La McWilliams osserva che esistono diverse forme di paranoia, anche se non tutte sono classificate come tali all'interno del DSM.

 

La maggior parte di noi ha familiarità con l'espressione della sindrome paranoide caratterizzata da sospetti e fantasie di persecuzione; per le persone sotto l'influenza di questo tipo di paranoia, l'amore è percepito come pericoloso e minaccioso.

 

In risposta, la sensazione di amore è inconsciamente invertita nell'odio e attribuita ad un altro. Freud formulò questo cambio di funzione, dall'amore alla persecuzione, in questo modo: io non lo amo, lo odio, mi odia.

 

Il processo paranoico, però, può essere mobilitato anche per un successo professionale; Microsoft, per esempio, ha operato per lungo tempo seguendo una sorta di “principio di paranoia aziendale” in cui “nessuna minaccia dev'essere ignorata”, il che l'ha spinta a prevenire incursioni dai concorrenti.

 

Ad esempio, dopo che Netscape ha rilasciato il suo browser Navigator, Microsoft ha rilasciato Explorer.

 

Rispetto ad una prospettiva socio-culturale, molti afro-americani hanno esperito la paranoia persecutoria come strumento di sopravvivenza, e come affermato dall'attivista Cynthia McKinney “gli afroamericani hanno sempre saputo che quel pizzico di paranoia è stato sana per loro”.

 

Tra le caratteristiche radicate nei processi paranoici sicuramente va menzionata la megalomania, ossia uno stato mentale disordinato.

 

La McWilliams lo descrive come una condizione “in cui la vergogna, il disprezzo di sé ed il dolore sono dissociati e proiettati.. maggiore è la ripugnanza di sé, tanto è più probabile il procedere verso uno stato megalomane”.

 

Più specificamente, nei “tratti” di questo disordine, un individuo tipicamente pensa: sei senza valore, patetico e difettoso, mentre io enfatizzo tutto ciò che è ammirabile e desiderabile.

 

Questa variante di paranoia è spesso attiva nella politica e nel rapporto leader-seguace. La figura di culto Jim Jones, fondatore della congregazione religiosa Tempio del Popolo (Peoples Temple), ne è un esempio.

 

Egli è infatti conosciuto per aver indotto 909 membri della sua congregazione, compresi bambini e neonati, ad uno spaventoso massacro e suicidio di massa a Jonestown, negli Stati Uniti d'America.

 

Predicava di essere il re-incarnatore di Gesù, Mahatma Gandhi, Gautama Buddha e Vladimir Lenin. Tuttavia, esperienze meno intense di megalomania esistono tra le persone sane, una sorta di adattabile onnipotenza come afferma la McWilliams.

 

Un tipo di distorsione correlata a questa forma di paranoia è stata identificata nel 2008 dallo psichiatra Joel Gold e dal fratello, neurofilosofo, Ian Gold.

 

Entrambi hanno coniato e introdotto il termine di Trauman Show Syndrome”, in seguito all'uscita del film, nel 1998, The Truman Show.

 

Hanno osservato che un crescente numero di pazienti affermava di essere il protagonista di uno spettacolo televisivo, e che le loro azioni fossero girate e trasmesse in diretta.

 

La cronaca della propria vita era pertanto inevitabile: le telecamere nascoste, ad esempio, erano ovunque, dietro gli specchi, nelle cerniere e negli abiti.

 

Si può constatare che in tutte le forme di paranoia siano presenti una certa grandiosità e un'intensa autoreferenza. L'idea è: tutto ciò che accade nel mondo è in relazione a me.

 

Meglio essere importanti in questo modo, osserva la McWilliams, che abitare una narrazione da vittima e sentire che in realtà si è deboli e impotenti in un mondo popolato da persone potenti.

 

Un'altra caratteristica clinica del processo paranoico è l'erotomania, ossia una condizione delirante in cui l'individuo è convinto che un'altra persona sia innamorata di lui.

 

La persona che ne è affetta, crede che l'ammiratore segreto stia dichiarando il proprio amore attraverso sottili sguardi, uso speciale di oggetti o messaggi mediatici.

 

All'inizio del XX secolo, lo psichiatra francese Gaëtan Gatian de Clérambault descrisse una paziente ossessionata dal re britannico Giorgio V.

 

Trascorreva molto tempo davanti Buckingham Palace per lunghi periodi, credendo che il monarca stava comunicando il suo desiderio per lei di sposarla.

 

La McWilliams sostiene che la paranoia persecutoria, la megalomania e l'erotomania, derivino da differenti tipologie di ansia.

 

La paranoia persecutoria è incorporata nell'ansia da annientamento, mentre la megalomania e l'erotomania sono radicate nell'ansia e la paura della separazione.

 

Queste ansie impegnano aspetti diversi della chimica cerebrale e si verificano mediante l'azione di differenti neurotrasmettitori.

 

Le dinamiche della paranoia persecutoria fanno parte di quello che il neuroscienziato Jaak Panksepp, nato in Estonia, ha identifica come il Sistema FEAR (rabbia) nel cervello, in cui i segnali trasmessi attraverso una sinapsi da un neruone ad un altro neurone “target” non utilizzano la serotonina.

 

Mentre ciò avviene per i segnali cerebrali attivati dalla megalomania e dall'erotomania. Questo è il motivo per cui, afferma la McWilliams, la paranoia persecutoria, basata su timori di morte e annientamento non risponde ai farmaci serotoninergici come gli SSRI, ossia l'antidepressivo più comunemente descritto.

 

La proiezione, centrale in tutti i processi paranoici, è una parte normale dello sviluppo infantile e svolge un ruolo frequente anche in età adulta.

 

Che altro facciamo quando sogniamo? Facciamo un uso adattivo della proiezione nel processo creativo. Che cosa fa un pittore quanto mette immagini, percezioni e sentimenti su tela? O quando uno scrittore si identifica con un personaggio nel suo romanzo o nel suo gioco?

 

La proiezione diventa problematica e patologica quando l'identità di una persona può essere definita solo da quello che non è.

 

L'identità di un tale individuo si basa sul contrasto, e una persona si fissa con una necessità prolungata e intensa per “alterare”, trovare altre persone su cui appendere le parti indesiderate e dolorose di Sè stessa.

 

C'è una confusione in corso nei confronti dei confini tra sé e l'altro, tra ciò che è dentro e appartiene al Sè e ciò che è fuori, che appartiene ad un altro.

 

Questo è l'unico modo per mantenere l'equilibrio psichico e non c'è possibilità di riconoscimento reciproco in una relazione. A quel punto, la separazione psicologica diviene intollerabile.

 

Come afferma la McWilliams, “quando l'altro è una parte indispensabile della definizione di Sè la separazione non può realizzarsi”.

 

Come dice il filosofo Robert M. Hutchins, “Questa è una prova fai-da-te per la paranoia: sai di averla quando non riesci a pensare che niente avvenga per colpa tua”.

 

La paranoia nasce da esperienze di umiliazione acuta, una situazione di caos ambientale precoce in cui il bambino sviluppa un attaccamento insicuro verso i caregivers ed è vulnerabile alle insicurezze circa la natura di dipendenza da coloro che lo circondano.

 

Al centro, tutti i processi paranoici implicano una lotta costante tra fiducia e sfiducia; coloro che sono inclini agli stati paranoici sono stati spesso sconvolti da reazioni emotive quando erano bambini, e hanno appreso che tale effetto è risultato inaccettabile, rispondendo così attraverso il respingimento di tali aspetti della realtà e proiettandoli, per difesa, su altri.

 

Poiché si basa su meccanismi di proiezione e disapprovazione, la paranoia è un processo psichico facilmente trasferito tra le generazioni, suggerisce la McWilliams.

 

Un bambino, che per definizione ha confini porosi ed un vulnerabile senso di identità, è un target suscettibile per le proiezioni paranoiche di un genitore.

 

Così la famiglia può divenire quello strumento atto a trasferire questa esperienza emotiva tra le diverse generazioni.

 

 

Tratto da “Psychoanalytic Review”

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 3522 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.