Pubblicità

Il silenzio in psicoterapia

Se le delicate domande sulle origini del silenzio non riescono a coinvolgere il paziente, un terapeuta potrebbe voler dire, ' Forse preferisce restare in silenzio qui con me'. Il terapeuta trasmette così non solo l'accettazione del silenzio, ma anche un messaggio che il paziente non è solo durante il silenzio”. Glen Gabbard

silenzio in psicoterpaiaAlcuni dei momenti più potenti della cosiddetta “talking cure” includono il non parlare.

Sembrerà strano, ma anche il silenzio acquisisce un suo valore importante durante la terapia.

D'altro canto, il silenzio può riflettere un problema che si traduce in uno spreco colossale di tempo e di denaro quando si cerca, forzatamente o per inesperienza, di colmarlo con domande continue.

Generalmente si pensa alla terapia come ad una conversazione stimolata tra due persone che lavorano insieme per capire cosa sta succedendo e perchè.

Il cliente solleva domande, preoccupazioni e osservazioni su sé stesso mentre il terapeuta chiarisce, sintetizza e fa collegamenti tra passato e presente o pensiero e comportamento.

Il più delle volte, la mancanza di parole non è il problema. Ma le parole non vengono sempre. In alcuni casi, parlare intralcerebbe pensieri o sentimenti profondi.

Altre volte le parole sono bloccate ed il cliente si sente bloccato. In primo luogo, è quindi importante comprendere i diversi momenti o situazioni in cui il silenzio può rivelarsi utile.

Esperienza emotiva

Non c'è sempre bisogno di affrettarsi nel tramutare i sentimenti in parole. A volte può bastare solo il provare un dolore profondo, rabbia o gioia senza parlare.

Il parlare può aiutare il cliente a tirar fuori dalle emozioni mentre nella sua testa si raccolgono i dettagli, le storie e le precedenti esperienze del sentimento.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Quando, ad esempio, un cliente arriva in seduta dopo aver perso una persona cara, l'emozione è pesante e le parole sono poche.

Realizzazione

La terapia a volte fornisce momenti di intuizione che necessitano di qualche istante per acquisirne una reale consapevolezza. È quindi importante pazientare.

Essere Vs Fare

Alcune persone hanno un così forte bisogno di eseguire ed ottenere che fare nulla per pochi minuti può risultare il lavoro più difficile – e ricco – da eseguire in terapia.

Ci sono molte persone che piacciono esternamente; potrebbero fissare l'obiettivo di non abbagliare il terapeuta con un problema intrigante, una storia drammatica o un'affascinante intuizione e accettare la situazione per quello che è.

Centratura

I clienti che provengono dal caos del lavoro, del traffico e delle relazioni possono richiedere alcuni minuti per riprendersi. Piuttosto che riempire lo spazio di chiacchiere, può dimostrarsi utile restare in silenzio.

Alcuni terapeuti chiedono ai propri clienti di venire dieci minuti prima per questo motivo, ma questo potrebbe anche non accadere o potrebbe essere troppo poco.

Va bene prendere qualche minuto per non fare altro che sedersi e godersi silenziosamente la compagnia. Quando il cliente si sentirà rilassato, inizierà da solo a parlare.

Ovviamente ci sono anche momenti in cui il silenzio può divenire motivo di preoccupazione per il terapeuta. In questi casi può presentarsi:

Pubblicità

Ansia da prestazione: la terapia è un'esperienza stressante per molte persone. Si sentono come se fossero sotto i riflettori e sono così impauriti dal controllo che un altro potrebbe esercitare. Non c'è niente di positivo in questa forma di panico e quindi si potrebbe cercare di spostare l'attenzione da questa situazione.

Non so cosa dire: questo rappresenta un grosso problema, perchè molte persone non sanno di cosa dovrebbero parlare per ottenere l'aiuto che vogliono.

Di conseguenza non è facile comprendere i loro sintomi, accedere alle emozioni o parlare per “sbloccarli” durante la sessione terapeutica.

Punizione: non tutta la terapia è contraddittoria come nella Serie Tv “In treatment”, ma il conflitto o il risentimento occasionali sono abbastanza comuni.

I clienti potrebbero essere arrabbiati con il loro terapeuta e decidere di adottare la pratica del silenzio per manifestare la loro rabbia o dispiacere.

Quasi sicuramente, un cliente che si muove in silenzio senza una ragione apparente probabilmente farà “contorcere” il terapeuta.

Mentre potrebbe sentirsi bene per questa sorta di “vendetta” passiva, potrebbe comunque non essere efficace. In tal caso il terapeuta potrebbe invitare il cliente a completare la frase “non voglio parlare oggi perchè...”.

Eccessivo svelamento: a volte un cliente può avere un grande segreto che non ha mai detto a nessuno prima, e la sessione terapeutica potrebbe rappresentare l'occasione per dirlo.

Si sente paralizzata dalla paura della reazione del terapeuta o di sentire se stessa pronunciare le parole. Quindi si siede in 'agonia', cercando di trovare il coraggio. 

Lasciare che il terapeuta sappia che c'è qualcosa nella mente del cliente può aiutarla ad alleviare il disagio.

Resistenza inconscia: la perdita di parole potrebbe provenire da luoghi profondi che vanno oltre la nostra consapevolezza.

Ralph Greenson, analista e presidente al Marilyn and Chairman of the Board, ha scritto che “il paziente può essere consapevole della sua mancanza di volontà, o può percepire solo che sembra non esserci nulla nella sua mente, per analizzare le ragioni del silenzio .. inseguiremo la sensazione di 'niente nella sua mente' (e chiederemo a noi stessi) ' Cosa potrebbe creare il nulla nella nostra mente?'”.

Questo approccio si basa sul presupposto che gli unici vuoti nella mente avvengano nel sonno più profondo, altrimenti il “nulla” è causato dalla resistenza.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

Aggiunge anche qualcosa inerente il pensiero analitico della vecchia scuola:

A volte, nonostante il silenzio, il paziente può rivelare involontariamente il movente o anche il contenuto del suo silenzio con la sua postura, i movimenti o l'espressione facciale … se contemporaneamente il paziente è assente mentre sfila il suo anello nuziale dal suo dito e poi lo sfoglia ripetutamente sul mignolo, sembrerebbe che, nonostante il suo silenzio, mi sta rivelando che è imbarazzata dai suoi pensieri di sessualità o infedeltà coniugale. Il suo silenzio indica che non è ancora cosciente di quegli impulsi e della lotta continua tra l'impulso di scoprire e l'impulso opposto a seppellire quei sentimenti”.

In tal senso Ralph, sta mettendo in evidenza l'importanza di esplorare la comunicazione non verbale.

Quindi cosa si può fare quando le parole falliscono? Se si è veramente bloccati, è sempre bene chiedere aiuto al terapeuta.

Non bisogna sorprendersi se l'aiuto si presenta sotto forma di domande! Non sempre i terapeuti si sentono a loro agio durante il silenzio. Potrebbero sentirsi tentati di fare una domanda o interpretazione per alleviare la propria ansia.

Alcuni credono che restare in silenzio significhi non fare il lavoro nel modo migliore, ma imparare a restare in silenzio non è altro che una forma di rispetto verso ciò che il cliente non riesce a condividere in quel momento.

A tal proposito, Glen Gabbard raccomanda questo approccio:

Se le delicate domande sulle origini del silenzio non riescono a coinvolgere il paziente, un terapeuta potrebbe voler dire, ' Forse preferisce restare in silenzio qui con me'. Il terapeuta trasmette così non solo l'accettazione del silenzio, ma anche un messaggio che il paziente non è solo durante il silenzio”.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 2917 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.