Pubblicità

Il suicidio infantile: cosa i genitori dovrebbero conoscere

I bambini e gli adolescenti cosa sanno rispetto alla morte e il suicidio? Hanno familiarità con questi argomenti? La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane.

suicidio bambini adolescentiLa morte di un bambino genera sempre una sensazione orribile, il cuore sembra sgretolarsi e non si riesce a credere a quanto successo.

Ma quando un bambino muore per suicidio, il dolore che si avverte è completamente diverso, in quanto accompagnato da uno sconvolgimento e angoscia soprattutto nei familiari del bambino.

Fortunatamente, il suicidio in questa specifica popolazione è molto raro; in accordo, con il Center for Disease Control and Prevention, sono solo 2 bambini su un milione, con età compresa tra i 5 e gli 11 anni, a compiere un suicidio.

Il tasso tra gli adolescenti, tra i 12 ed i 17 anni, è di circa 52 milioni; in media circa 33 bambini sotto i 12 anni si suicidano ogni anno negli USA.

Ci si chiede pertanto se i ragazzi conoscono e sanno qualcosa circa la morte ed il suicidio. La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane.

Brian Mishara ha intervistato 65 bambini, con età tra i 6 ed i 12 anni per vedere ciò che conoscono e comprendono circa la morte e il suicidio.

Solo i bambini di 12 anni avevano familiarità con la parola "suicidio", ma quasi tutti sapevano cosa significasse "uccidere se stessi".

Tutti i ragazzi che conoscevano il suicidio erano oltretutto in grado di descrivere uno o più modi per farlo. Le interviste di Mishara hanno quindi mostrato che la comprensione della morte e del suicidio nei bambini aumenta con l'età.

La maggior parte dei più piccoli invece sapeva che coloro che morivano non riuscivano a tornare in vita, mentre altri credevano che le persone morte potevano vederli e ascoltarli.

Un nuovo studio condotto dalla ricercatrice Arielle Sheftall presso il Research Institute at Nationwide Children's Hospitale, insieme al suo team, hanno esaminato i dati nazionali di bambini con età compresa tra i 5 e gli 11 anni, e quelli di giovani adolescenti che sono morti per suicidio tra il 2003 e il 2012.

Nonostante l'età fosse diversa, hanno riscontrato alcune importanti somiglianze e differenze rispetto a questi due gruppi.

Rispetto alle somiglianze si è osservato che entrambi i gruppi presentavano una maggioranza significativa di genere: l'85% dei bambini ed il 70% di giovani adolescenti morti per suicidio erano infatti maschi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

Il metodo più comune di suicidio riguardava invece lo strangolamento o soffocamento (81% dei bambini e 64% dei giovani adolescenti); il secondo metodo più comune comprendere invece l'uso di armi da fuoco.

In entrambi i gruppi, quasi tutti i gesti suicidi si sono verificati in casa tra le 12 del mattino e la mezzanotte (81% dei bambini, 77% di adolescenti).

In entrambi i gruppi, i problemi relazionali erano legati al suicidio: il 60% dei bambini ed il 46% dei giovani adolescenti avevano infatti problemi con amici e familiari. Altri elementi comuni riguardavano la presenza di problemi scolastici o momenti di stress in entrambi i gruppi.

Successivamente i ricercatori hanno riscontrato alcune differenze impressionanti relative alla razza e alla malattia mentale tra i due gruppi di età che erano morti per suicidio.

Nel complesso, più bambini bianchi rispetto a bambini neri sono morti per suicidio, ma questi ultimi costituivano comunque un numero sproporzionato rispetto ai giovani adolescenti: il 37% dei bambini morti per suicidio erano neri, rispetto al 12% di giovani adolescenti.

Altri ricercatori hanno trovato che il tasso di suicidio tra i bambini neri è andato aumentando, mentre quello dei bianchi tendeva a diminuire.

Hanno successivamente confrontato i tassi di suicidio sui minori in due periodi di 4 anni, uno a partire dal 1993 e l'altro a partire dal 2008. Per i bambini neri il tasso di suicidio era infatti aumentato del 1,36%, rispetto ad una diminuzione del 1,14% nei bambini bianchi.

Pubblicità

Circa un terzo dei bambini e degli adolescenti che sono morti per suicidio presentavano problemi di salute mentale, ma sono emerse comunque delle differenze tra i due gruppi.

Per i bambini, il Disturbo da Deficit di Attenzione ed Iperattività (DDAI) era presente quasi il doppio rispetto alla depressione o distimia, ma tra i bambini più grandi, la depressione era invece la problematica più comune rispetto al DDAI.

Ovviamente, la domanda che sorge spontanea è se questi bambini hanno realmente l'intenzione di morire.

La Dottoressa Sheftall ha scoperto che circa un terzo dei bambini o giovani adolescenti morti per suicidio avrebbero confidato a qualcuno l'intenzione di uccidersi.

Gli altri probabilmente credevano che fosse un qualcosa che non poteva essere confidato, o magari volevano che nessuno lo venisse a sapere, o semplicemente poteva essere stato un atto impulsivo che non ha lasciato il tempo e lo spazio per parlarne con qualcuno.

Abby Ridge Anderson, ricercatrice presso la Catholic University of America, sostiene che i bambini che presentano pensieri suicidi "non vogliono tanto porre fine alla loro esistenza quanto il desiderio di controllo, empatia, accettazione, riconoscimento e la convalida del loro valore da parte delle persone chiave della loro vita".

In altre parole, vogliono disperatamente che le cose siano migliori, ma non possono trovare strumenti più efficaci per gestire i loro problemi o diminuire la loro sofferenza, e vedono così nel suicidio un'opzione affascinante.

Ridge Anderson suggerisce che ci possono essere due sottotipi di bambini suicidi: uno che si sente depresso, senza speranza, inutile e incapace di divertirsi; l'altro che invece è più irritabile, distruttivo, aggressivo e impulsivo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853

Quest'ultimo sottotipo sembra essere il più comune nei bambini piccoli e nei pre-adolescenti. Pertanto, i problemi relazionali, la prevalenza di sintomi depressivi o di DDAI, il desiderio di controllo e così via, possono suggerire, in alcuni casi, che i bambini sperimentano un'interazione stressante, si sentono estremamente disturbati ma non sanno come agire e fronteggiare tale momento, lasciandosi così dominare dall'impulso di ferire se stessi, forse non aspettandosi però di morire.

E' importante sottolineare che la maggior parte dei bambini che pensano al suicidio non finiscono per uccidersi, e inoltre, la presenza di DDAI o depressione non necessariamente correla significativamente con l'atto suicidario.

Ciò che va però tenuto fortemente in considerazione, soprattutto da parte dei genitori, è quando i bambini si feriscono volontariamente o esprimono una "volontà" di morire; un bambino preoccupato che presenta pensieri suicidi o di morte ha un urgente bisogno di aiuto per la sofferenza psichica e mentale che sta attraversando.

Dato che la maggior parte inizia a familiarizzare con tale argomento intorno agli 8-9 anni, è importante capire come questo argomento è stato compreso, capire ciò che hanno letto, visto o sentito in TV.

Ciò può fornire la possibilità di correggere le incomprensioni e spiegare che il suicidio è una risposta permanente a problemi temporanei, ma non è mai una buona risposta.

E' fondamentale che il genitore impari ad empatizzare con il vissuto emotivo del bambino, ponendosi come il soggetto che sarà sempre disposto ad aiutarlo, a prescindere da quale sia il problema.

Se si notano cambiamenti nella personalità o nel comportamento di un bambino, come il ritiro dagli amici o la perdita di interesse per le attività precedentemente godute, se sembra molto afflitto o si sente infelice da un paio di settimane, o se è stranamente impulsivo ed aggressivo, è bene cercare di capire cosa sta succedendo.

Per la maggior parte degli adulti, è molto difficile parlare di suicidio con i propri figli, perchè si è sconvolti dall'idea che un bambino possa pensare una cosa del genere, ma spesso fare domande potrebbe salvare la vita di un bambino.

Gli esperti sul suicidio sottolineano all'unanimità l'importanza di domandare rispetto a pensieri o azioni suicidarie come un passo importante verso la prevenzione.

Questo non "mette le idee" nelle teste dei bambini, ma potrebbe essere quell'apertura che il bambino aspetta per poter chiedere aiuto.

Per esempio, si potrebbe chiedere se hanno sempre pensato di aver voglia di ferirsi o farsi male, o di desiderare di morire, o di addormentarsi e non svegliarsi più, e così via.

In conclusione, se le risposte fornite dal bambino destano preoccupazione, è il momento giusto per chiedere il consulto di uno specialista!

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2413 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.