Pubblicità

L'importanza dei confini in psicoterapia

Quanto un terapeuta dovrebbe essere coinvolto nella vita del paziente? Perchè è importante rispettare i confini in psicoterapia? E perchè un terapeuta non può essere amico di un paziente?

i confini in psicoterapiaC'è una forza più potente del libro arbitrio: il nostro inconscio. Sotto i semi, a porte chiuse, siamo tutti governati dagli stessi desideri. E quei desideri possono essere grezzi, oscuri e profondamente vergognosi”.

Queste parole pronunciate dall'attrice Naomi Watts, che interpreta il ruolo della psicoterapeuta “svitata” Jean Holloway, nella serie Netflix intitolata “Gypsy”, richiamano una grande verità.

Ma, dalla bocca della Dottoressa Holloway, risuonano come razionalizzazione per le sue violazioni inquietanti nelle relazioni con i suoi pazienti.

Ad esempio, all'interno della serie, la Dottoressa Holloway intraprende una relazione sessuale con l'ex fidanzata di un paziente, cerca e riesce a fare amicizia con la figlia di un'altra paziente e via dicendo.

Lo spettacolo solleva domande interessanti su quanto i terapeuti dovrebbero essere coinvolti nella vita dei loro pazienti.

Ci sono momenti in cui alcuni contatti al di fuori della sessione sono inevitabili, come quando un terapeuta ed un paziente vivono in una piccola città.

Tuttavia, è una regola fondamentale in psicoterapia che il terapeuta mantenga i confini appropriati tra lui ed il paziente.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

In effetti, la psicoterapia semplicemente non funzionerà e può essere potenzialmente dannosa senza il porre dei confini chiari all'interno di quella che viene chiamata “cornice”.

Tra questi, è bene ricordare:

  • nessun contatto fisico con un paziente;
  • nessuna relazione con un paziente al di fuori della stanza di consultazione;
  • il terapeuta non dovrebbe trattare parenti stretti o amici del paziente;
  • nessun consiglio pratico per un paziente;
  • mantenere l'obiettività e la neutralità verso il paziente ed evitare di preoccuparsi eccessivamente/pensare al paziente;
  • cercare la supervisione quando ci si sente tentati dal violare qualcuna di queste regole.

Anche se non tutte le violazioni porteranno al disastro, ed una certa flessibilità potrebbe essere innocua o addirittura appropriata in determinate circostanze, l'incapacità di prendere sul serio il potenziale disastro derivante da una qualsiasi violazione dei suddetti confini è un grave errore.

I problemi si verificano spesso quando il terapeuta è tentato di pensare che sia al di sopra di queste regole, non soggetto a tentazioni o in grado di gestire una particolare situazione.

Questo è il momento in cui la consultazione con un supervisore può essere di grande aiuto.

La relazione terapeutica non può tramutarsi in un'amicizia perchè il terapeuta ed il paziente non hanno relazioni al di fuori della stanza di consultazione.

Ciò non significa che il terapeuta non abbia sentimenti nei confronti del paziente. Infatti, molti pazienti evocano reazioni emotive estremamente forti nel loro terapeuta: reazioni di amore, lussuria, curiosità, invidia, competizione e persino avversione o odio a volte.

I sentimenti evocati nel terapeuta dal paziente sono chiamati controtransfert e le sensazioni che il paziente ha per il terapeuta vengono chiamate transfert.

Transfert e controtransfert

Identificato per la prima volta da Sigmund Freud, il transfert è la reazione di un soggetto verso il terapeuta basata su sentimenti e schemi di relazione che sono stati stabiliti nella prima infanzia, spesso verso un caregiver, di solito una madre ed un padre.

Le reazioni transferali non solo limitate alla relazione terapeutica. In effetti, trasferiamo inconsciamente sentimenti derivati dalle nostre prime relazioni su molte delle nostre relazioni adulte.

Pubblicità

Nella terapia psicoanalitica, il transfert è qualcosa da esaminare, esplorare e capire. Il terapeuta esamina ed esplora i suoi sentimenti controtransferali come un modo per comprendere gli effetti che un paziente ha su di lei/lui.

Questo esame del controtransfert dà al terapeuta l'intuizione del paziente e la protegge dall'agire inavvertitamente in modi che possono interferire con il suo funzionamento in modo non giudicante e obiettivo.

I problemi si verificano quando il terapeuta non è a conoscenza del suo controtransfert.

I terapeuti psicoanaliticamente addestrati sono stati sottoposti alla psicoanalisi proprio per divenire consapevoli dei propri modelli inconsci di pensiero e comportamento stabiliti all'inizio della vita.

Pertanto, ritornando alla serie tv, quando la Dottoressa Holloway si rese conto di come i suoi pazienti la stavano influenzando, avrebbe dovuto cercare un consulto e, molto probabilmente, tornare in analisi.

Cos'è un enactment?

Edgar Levenson, un eminente psicoanalista, osserva che la terapia inizia veramente quando il terapeuta riconosce che le tipologie di interazioni che il paziente descrive con altre persone hanno iniziato a verificarsi nella stanza di consultazione tra il paziente ed il terapeuta.

Queste situazioni sono indicate come enactment. Ad esempio, Sarah, nome di fantasia, durante le sue sessioni terapeutiche, spesso si concentrava sulle interazioni infelici con amici e familiari.

Si lamentava che erano frustrati e stufi di lei e non volevano ascoltare i suoi problemi. Ad un certo punto, ha iniziato a chiedere al suo terapeuta con un tono quasi disperato, “Cosa dovrei fare? Dimmi solo cosa devo fare!”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

Il terapeuta, contro il suo miglior giudizio, si sentì in dovere di dare consigli a Sarah, cosa che si astenne dal fare con gli altri suoi pazienti.

Sarah non seguì mai il consiglio ed il terapeuta cominciò a notare quanto si sentisse frustrato e stufo nei suoi confronti.

Sam, nome di fantasia, un ragazzo giovane e attraente, ha iniziato la terapia perchè non era stato in grado di stabilire una relazione amorosa duratura.

Riferì dei suoi corteggiamenti vorticosi con una donna dopo l'altra, che lo portavano inevitabilmente a scoprire un difetto nella donna ed a perdere così interesse.

La terapeuta non vedeva l'ora di sedersi con questo paziente, perchè era, a suo parere, piacevole e lusinghiero.

Quando si accorse che stava avendo fantasie romantiche su di lui, si rese conto che stava divenendo coinvolta in una messa in scena delle sue seduzioni che sapeva a cosa avrebbero potuto portare.

La capacità di discernere ed esaminare la presenza di un enactment richiede che il terapeuta mantenga la cornice e mantenga chiari confini con il paziente.

Con Sarah, il terapeuta si rese conto che stavano mettendo in atto lo stesso problema di cui stavano discutendo.

Una volta che il terapeuta se ne accorse, fu in grado di fare un passo indietro dal dare consigli ed esplorare con Sarah le basi del suo modello frustrante di chiedere e poi rifiutare i consigli.

Nel caso di Sam la terapeuta si rese conto che stava attuando il suo schema di seduzioni.

Doveva quindi concentrarsi sull'esplorazione delle ragioni di questo comportamento e su come interferiva con il suo sviluppo di rapporti d'amore con le donne.

La relazione terapeutica può e dovrebbe suscitare forti sentimenti sia nel terapeuta che nel paziente, in quanto vitali per un trattamento efficace.

Ma questi sentimenti possono essere usati terapeuticamente solo se vengono esplorati e compresi, ma non agiti.

Le regole della cornice, che prevengono le violazioni del setting, sono fondamentali per il successo terapeutico.

E' esattamente per tutti questi motivi che il terapeuta non può, e non dovrebbe, essere un amico del paziente!

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 2098 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.