Pubblicità

La morte della privacy

La perdita involontaria della privacy è sempre più diffusa a causa della pirateria informatica. Nel contesto della psicoterapia quali novità e rischi ci sono rispetto alla conservazione di materiale digitale inerente il paziente?

privacy psicoterapia In nessun luogo la privacy è più importante come nel campo della salute mentale.

Soprattutto nel contesto della psicoterapia, si è sempre insistito sul raggiungimento di un alto livello di riservatezza per i pazienti.

Pur in assenza di una protezione assoluta da parte della legge, sia gli psicologi che gli psicoterapeuti resistono, ogni volta, a qualsiasi intrusione da parte di tribunali o altre figure governative.

Questo sforzo è diventato ancora più importante in quanto la privacy è scomparsa dalla nostra società.

Le persone sembrano infatti sempre più disponibili e, anche desiderose, di sottoporre le loro vite all'esame pubblico attraverso i social media e altre manifestazioni legate alla rivoluzione digitale.

Il texting, il sexting, il tweeting, il blog personale, i forum online e altri display di informazioni personali e private sono sempre più pubbliche, anche quando le conseguenze possono determinare problemi legati al lavoro, vergogna pubblica e rischio legale.

Che si tratti della perdita di un posto di lavoro o di una promozione, di vendetta pornografica o di prove in un processo penale, la lezione non sembra mai essere appresa.

Se le persone vogliono rasentare comportamenti folli nella loro vita personale, tuttavia, non esiste un vero e proprio divieto, il chè si configura come un loro diritto di farlo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Ma al giorno d'oggi molti di noi perdono la privacy anche quando cercano di proteggerla.

La perdita involontaria della privacy è sempre più diffusa in quanto esempi massicci di pirateria informatica, nonché il furto di informazioni personali e identitarie distruggono il tentativo di mantenere privati i propri dati.

Già decine di milioni di cartelle cliniche online sono diventate preda di hacker malevoli; nel campo della psicologia, i pazienti vengono regolarmente obbligati da terze parti a cedere i propri dati sanitari per non andare incontro alla perdita della copertura assicurativa.

E ora, una nuova e crescente minaccia alla privacy delle informazioni sulla salute mentale è rappresentata dall'Electronic Health Record (EHR).

Qualora il governo americano dovesse rendere l'EHR un requisito legale, l'imposizione di multe per non conformità e la minaccia di trattenere il rimborso assicurativo, significherebbe la possibilità di non poter più scegliere.

Anche l'uso apparentemente benigno di questi dati potrebbe portare a divulgazioni non autorizzate qualora l'EHR fosse condivisa con altri fornitori, sia che si tratti di scopi di salute mentale, medici, legali o giustificabili.

Una volta che l'informazione è fuori dalle nostre “mani”, non si potranno più applicare delle repliche alla sua diffusione e pubblicazione.

Pubblicità

L'EHR rappresenta quindi un pericolo chiaro e presente, ma sfortunatamente è anche un documento legale che non può essere completamente evitato. Il rischio è inoltre quello che, presto, potrebbe divenire universale.

L'unico rimedio a questa crescente minaccia è limitare le informazioni che andranno a essere inserite all'interno dell'EHR.

Tra i dati richiesti dalla legge vi sono le date inerenti il servizio, le prossime sedute programmate, eventuali trattamenti specifici o prescritti.

Bisognerebbe anche includere il rischio percepito, come l'intento suicidario, e, cosa più importante, quali interventi si decidono di intraprendere per attenuarli.

Se così dovesse essere, in qualità di psicologi e psicoterapeuti saremo legalmente obbligati a conservare tutti i dati che costituiscono la base per la cura del paziente.

Potremmo anche dover includere la diagnosi, sebbene quella parte di dati sia la più problematica; è bene sottolineare che la diagnosi psichiatrica si costituisce a partire da semplici osservazioni e somministrazioni di test che sono state codificati per facilitare la comunicazione e consentire confronti di ricerca.

Niente, tuttavia, incarna lo stigma associato alla malattia mentale come un'etichetta diagnostica.

La possibilità che tali dati siano disponibili a tutti i fornitori all'interno del sistema e a chiunque fornisca assistenza al cliente, è probabile che pregiudichi gli altri nei confronti dei pazienti e clienti.

Poiché può influenzare gli atteggiamenti di altri fornitori di assistenza della salute, potrebbe comportare trattamenti distorti, limitati o addirittura dannosi in futuro. Ove possibile, sarà quindi preferibile usare una breve descrizione piuttosto che una diagnosi formale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589

Se ciò non è fattibile, si potrà almeno scegliere l'etichetta diagnostica meno negativa disponibile.

Tutto il resto di ciò che si vorrebbe annotare, come osservazioni, piani, ipotesi e altre intuizioni, dovrebbe essere tenuto in un registro separato, non digitale.

La carta diviene quindi l'opzione migliore, in quanto non può essere violata, non sfugge al nostro controllo a meno che non lo vogliamo consapevolmente, e può essere completamente distrutta.

Nessun tecnico informatico potrà recuperare i dati dalla carta nel modo in cui il materiale digitale può essere recuperato.

All'interno dei file cartacei si potranno così registrare tutte quelle informazioni legate alla cura del paziente e, al termine del trattamento, scegliere di distruggere o bruciare 'la cartella' essendo così sicuri di aver protetto sia la privacy del paziente che quella dell'operato psicoterapeutico.

 

Tratto da “Psychotherapy.net”


(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 730 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.