Pubblicità

La psicoterapia breve

psicoterapia-breveQuanto dura un trattamento di psicoterapia? Intorno a questa domanda naufragano talvolta le buone intenzioni di chi medita di rivolgersi allo psicologo, ma paventa un’impresa troppo lunga o costosa.

Nel nostro immaginario collettivo c’è anche lo spettro dell’analisi interminabile, o inutile: come non ricordare la celebre battuta di W. Allen, "provo ancora un anno con la psicoanalisi, poi vado a Lourdes"?

Spesso l’aspirante paziente, quando arriva dallo psicoterapeuta, pone una domanda preoccupata circa la durata del trattamento, e quel che è peggio è che questa rimane quasi sempre senza una risposta precisa. In realtà, la risposta ad una simile domanda può essere formulata in modo attendibile, solo se essa risulti complessa, articolata, possibilista. La durata della psicoterapia è, infatti, assai variabile e dipende da una somma di fattori.

Anzitutto bisogna distinguere tra i diversi tipi di psicoterapia, che differiscono tra di loro in modo sostanziale, anche per ciò che riguarda la durata. Sfortunatamente, i pazienti di solito non sono al corrente della realtà poliedrica della psicoterapia, e su simili questioni non chiedono molte informazioni al professionista a cui si rivolgono; questi, per suo conto, assai poco volentieri tenderà ad introdurre un argomento, che potrebbe facilmente diventare una complicata lezione di storia della psicologia contemporanea.

In secondo luogo, la durata dipenderà molto dal tipo di disturbo e da come andranno le cose nel corso della terapia, e questo difficilmente può essere previsto. Infatti, anche se la conoscenza del tipo di disturbo e/o della tipologia caratteriale del paziente può lasciar prevedere un certo tipo di andamento, in realtà non esistono due casi uguali, e la specificità individuale crea sempre delle sorprese anche allo psicologo esperto. Infine - last but not least - molto dipenderà dalle intenzioni e dalle disposizioni d’animo con cui il paziente affronterà la psicoterapia. Questo, soprattutto nei casi in cui essa offre potenzialmente percorsi e livelli diversi nell’approfondimento delle tematiche interiori.

Per ciò che riguarda il primo dei fattori sopra menzionati, va detto che esistono terapie che, tradizionalmente, risultano di durata modesta: ad esempio, quella relazionale o quella comportamentista. Questo in conseguenza del metodo specifico di simili impostazioni, che perseguono obiettivi molto concreti, ma con scarso approfondimento sul piano interiore.

Le psicoterapie di tipo analitico, viceversa, tendono ad avere durata più consistente, ma obiettivi più ambiziosi di cura, indagine, ed analisi. La durata pluriennale risulta in questi casi non scandalosa, anche se lo sconfinamento in tempi troppo lunghi comporta un giudizio di scarsa efficacia terapeutica (ma questo è un rischio di ogni tipo di terapia). Non c’è dubbio che le terapie di tipo analitico siano potenzialmente più complete e i loro effetti più profondi, poiché in esse non soltanto si risponde al bisogno terapeutico di risoluzione dei sintomi, o del disagio, ma si affrontano anche le dinamiche psichiche del soggetto, le sue problematiche generali, relazionali ed esistenziali. È evidente che quanto più vasti sono gli obiettivi che ci si ripromette di raggiungere, tanto più lungo sarà il tempo necessario all’impresa.

Oggi, tuttavia, anche nel campo delle terapie analitiche si sente il bisogno di offrire percorsi abbreviati, in sintonia con le richieste di molti pazienti. Naturalmente, gli obiettivi raggiungibili saranno meno ambiziosi, ma a volte questa sembra davvero essere la soluzione migliore. Non dimentichiamo che la psicoterapia deve comunque tendere anzitutto alla risoluzione dei sintomi e alla rimozione del disagio.

Nasce così il concetto di psicoterapia breve: la durata può variare da un minimo di due-tre mesi ad un massimo di dodici. Gli obiettivi saranno chiaramente fissati, gli aspetti cognitivi prevarranno su quelli emotivi.

Sebbene risulti possibile interpretare la fretta di "risolvere il problema" come un inquietante segno dei tempi - nei quali sempre più vengono ridotti gli spazi di riflessione a favore di una certa frenesia del vivere quotidiano - l’abbreviazione dei tempi di terapia è un valore importante in campo clinico e i suoi benefici economici non possono essere ignorati.

Al di là di ogni perfezionismo del terapeuta e di ogni nostalgia per modelli di comportamento di altri tempi, occorre affermare chiaramente che la scelta del tipo di psicoterapia è competenza primaria del paziente, unico depositario del diritto di valutare i propri bisogni e di decidere in merito alla loro soddisfazione.

In una buona psicoterapia, la via d’uscita è sempre a portata di mano, e gli obiettivi fondamentali devono essere raggiunti in un tempo breve. Deve rimanere in piedi, tuttavia, la possibilità di proseguire il trattamento, per poter approfondire l’indagine interiore, se il paziente lo ritiene opportuno, senza bisogno di fissare i tempi in anticipo, ma comunque verificando in itinere il cammino compiuto e quello che resta da compiere.

 

Articolo a cura del Dottor Massimo Rinaldi - Psicologo Psicoterapeuta - Roma

 

 

  |   Letto: 3719 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Storia della Psicoterapia Breve Corporea PBC

Secondo il modello della Psicoterapia Breve Caratteroanalitica di Xavier Serrano Hortelano “La brevità è l’anima della saggezza”.Shakespeare, Amleto (atto II, scena II) 1. Introduzione Prima di definire i contorni della Psicoterapia Breve Corporea – PBC Caratteroanalitica, secondo il modello di X...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.