Pubblicità

La psicoterapia online

Vantaggi e svantaggi dell'utilizzo di Skype e FaceTime per la pratica della psicoterapia online

Psicoterapia onlineLa telepsichiatria è la valutazione clinica e il trattamento psichiatrico applicato a distanza; si effettua fondamentalmente una “perizia” da parte di uno specialista per tutte quelle popolazioni altrimenti inaccessibili, come le carceri, le zone militari e le comunità rurali lontane.

È stata introdotta decine di anni fa e rappresenta, forse, l'esempio più riuscito nel campo generale della telemedicina.

La telepsichiatria gestisce tradizionalmente pazienti attraverso siti controllati e supervisionati, e fa uso di apparecchiuature speciali che garantiscono una videoconferenza sicura.

Un certo numero di aziende offrono infatti diversi servizi e tecnologie per facilitare questa pratica. I pazienti che ricorrono e si servono della telepsichiatria spesso soffrono di un significativo disturbo mentale e il trattamento, in questo caso, è solitamente legato ad una prescrizione farmacologica atta a favorire un miglioramento della sintomatologia.

Più recentemente, i blog di salute mentale stanno evidenziando la crescita della psicoterapia online condotta da clinici all'interno della loro pratica privata.

Anche se questa possa rientrare nella categoria della “telepsichiatria”, in realtà si differenzia in molti aspetti importanti; la psicoterapia online è infatti di solito condotta come parte del proprio lavoro privato, senza la supervisione istituzionale o la standardizzazione di essa. Il paziente è in genere a casa o a lavoro, cioè in un ambiente non controllato.

L'avvento delle nuove teconologie ha inoltre favorito la diffusione di tale pratica, in quanto sia Skype che FaceTime possono essere impiegate per la gestione di alcune problematiche.

I pazienti presentano infatti un funzionamento più alto, presentando problemi più sottili che richiedono una discussione “sfumata” e interventi spesso non farmacologici.

L'idea di condurre una psicoterapia a distanza non è nuova; Sigmund Freud manteneva infatti delle corrispondenze, attraverso delle lettere, con i suoi pazienti, perchè sperava che in qualche modo queste potessero rivelarsi clinicamente utili.

Le sessioni telefoniche sono nate invece nel 1960 con l'avvento del suicidio “hotline”, e sono state ampliate successivamente per cercare di coprire molte più superfici della salute mentale, attraverso appunto la consulenza telefonica.

La psicoterapia attraverso il telefono rimane ad oggi estremamente popolare, spesso serve come sostituto temporaneo alla sessione terapeutica, per l'intervento su delle crisi che subentrano durante le regolari sessuali, e per mantenere un rapporto terapeutico quando una delle due parte si sposta fuori dalla zona.

Nonostante la mancanza di segnali visivi, gli studi suggeriscono che la psicoterapia e la consulenza telefonica sono efficaci e molto apprezzati dai clienti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

I primi sforzi di utilizzare internet come mezzo per la pratica psicoterapeutica sembravano però fare più un passo indietro che in avanti, e questo perchè ci si avvaleva di messaggi di testo come e-mail, o attraverso l'utilizzo delle chat.

A differenza di una conversazione telefonica, il testo scritto nasconde la prosodia vocale, così come altri tratti paralinguistici, oscura l'ironia, i doppi significati e sottigliezze simili.

L'utilizzo dell'e-mail determina pertanto degli inconvenienti e ed è oltretutto asincrona, in quanto la conversazione non si verifica in tempo reale.

Nonostante tali limitazioni, la possibilità di accedere alla consulenza di un esperto tramite un pc, ha scatenato nell'immaginazione collettiva l'idea che un giorno il computer stesso sarà in grado di condurre la psicoterapia, appiattendo così l'idea e la possibilità di come questo invece possa facilitare lo scambio comunicativo tra due persone.

Ad eccezione degli interventi cognitivi e psicoeducativi altamente strutturati, la possibilità di effettuare una psicoterapia online ancora non è stata raggiunta.

La psicoterapia attraverso il computer avviene più comunemente all'interno di un luogo on-line, tramite l'utilizzo di applicazioni come Skype o FaceTime che consentono di effettuare una video-conferenza.

Questi strumenti sono facilmente disponibili e gratuiti, nonché facili da utilizzare e configurare; tuttavia, il dibattito scientifico verte sull'affidabilità di tali siti rispetto alle norme sulla privacy dell'HIPAA Privacy Rule.

Questa stabilisce infatti gli standard nazionali volti a proteggere le cartelle cliniche degli individui, nonché altre informazioni di salute personale, attraverso l'utilizzo di servizi che forniscono l'assistenza sanitaria elettronica.

La Rule (Regola) richiede delle garanzie adeguate per proteggere la privacy delle informazioni sanitarie personali, e fissa i limiti e le condizioni per gli usi che possono essere fatti di tali informazioni senza l'autorizzazione del paziente.

Tuttavia, è stato osservato che le conversazioni via cellulare con i pazienti, nonché le e-mail sono molto più vulnerabili alla violazione della privacy, rispetto a programmi come Skype e Facetime che utilizzano la crittografia come impostazione predefinita.

Se l'alternativa è quella di non poter recarsi nello studio del terapeuta per avviare un percorso, l'utilità di condurla onlina sembra ovvia.

Alcuni esempi possono riguardare pazienti che presentano malattie fisiche degenerative che li costringono a restare immobili in un letto, oppure soggetti che vivono in luoghi lontani, o anche coloro che sono immuno-compromessi, ossia affetti da una malattia infettiva altamente contagiosa.

Inoltre, la terapia online potrebbe ragionevolmente sotituire la terapia telefonica in situazioni tipiche come le crisi o quando la diade terapeutica esistente si deve separare geograficamente in maniera temporanea.

Questa potrebbe rappresentare un vantaggio rispetto ad alcune catagorie di pazienti, come ad esempio il depresso o l'agorafobico, in quanto hanno la possibilità di non avventurarsi fuori di casa qualora per loro quell'aspetto possa essere motivo di svantaggio o di scarsa motivazione.

Rispetto alla psicoterapia praticata vis-a-vis è però importante sottolineare come questa veicoli una forma di interazione sociale che è terapeutica già di per sé.

A tal proposito la psicoterapia a distanza non consente magari di cogliere alcune sottigliezze uditive e visive, come un sospiro tranquillo o le pupille dilatate.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Le espressioni facciali, implicate nella comunicazione interpersonale inconscia, possono così venir trascurate, e inoltre, il “telaio” terapeutico potrebbe essere più difficile da mantenere se il paziente si trova in costume da bagno in piscina o beve una bevanda alcolica durante la sessione terapeutica.

Il potenziale per gli acting-out del paziente, o anche una minaccia di suicidio o gesti autolesivi, può rendere il terapeuta “online” particolarmente indifeso e forse più facilmente manipolabile, rispetto alla possibilità che ciò invece si verifichi all'interno del suo studio.

La psicoterapia online presenta sicuramente dei vantaggi pratici in alcune situazioni, e come modalità di trattamento la ricerca sottolinea la sua efficacia a discapito di coloro che la ritengono intrinsecamente dannosa.

Sarebbe interessante confrontare la terapia telefonica con quella video in un contesto di ricerca, per vedere se il canale visivo conferisce ulteriori informazioni utili, e se migliora o diminuisce l'alleanza terapeutica.

Come la maggior parte delle innovazioni teconologiche, la terapia online introduce nuove insidie e approfondisce quelle vecchie, quindi è meglio non sceglierla aprioristicamente solo per la sua novità o convenienza.

Tuttavia, nonostante il trattamento vis-a-vis è ad oggi quello maggiormente prediletto, è importante comunque aprirsi a nuove “sfide” e soprattutto non categorizzare come prettamente “giusto” o “sbagliato” il modo di operare dei propri colleghi!

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

  |   Letto: 1788 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.