Pubblicità

La terapia con un Sex Worker

Come si possono aiutare i terapeuti quando lavorano con un Sex Worker che ha scelto il sesso come professione in modo consensuale e indipendente?

terapia sex workerIl termine inglese Sex Worker è entrato nell'uso italiano in seguito alla crescita di consapevolezza rispetto all'azione dei movimenti transnazionali per i diritti delle lavoratrici e lavoratori del sesso.

Come recita l'Encyclopedia of Prostitution and Sex Work, “Sex Work è stato concepito come un termine non stigmatizzante, privo della caratterizzazione negativa dei termini puttana o prostituta. Il punto era veicolare l'idea di una professionalità del lavoro sessuale, contro la svalorizzazione compiuto da gran parte della società”.

A tal proposito, il campo della salute comportamentale ha una lunga storia di lavoro con persone coinvolte nel lavoro sessuale.

Di solito sono donne e sempre più transgender. Nella mente di molti clinici, il coinvolgimento nel lavoro sessuale o nella prostituzione è visto come un segno distintivo di disturbi comportamentali della salute, tipicamente associati a gravi disturbi dell'uso di sostanze, o persone che usano il sesso come mezzo per ottenere le sostanze.

Oggi, in mezzo ad una campagna nazionale sulla tratta di esseri umani, molti terapeuti si preoccupano che un paziente coinvolto nel lavoro sessuale sia stato vittima di traffico di esseri umani.

Entrambe queste preoccupazioni possono a volte essere valide, ed i terapeuti devono valutare attentamente se un individuo sta segnalando sintomi di disturbo da uso di sostanze gravi, o mostra segni che il oro coinvolgimento nel lavoro sessuale è stato non consensuale o strumentale.

Tuttavia, la ricerca in questo contesto specifico si è concentrata prevalentemente sui problemi di esposizione all'HIV, spesso legati all'alto fattore di rischio dell'uso di droghe per via endovenosa.

Indagini su vari fattori di rischio annesso al Sex worker, come droghe, problemi di salute mentale o vulnerabilità economica/sociale, non hanno trovato indicatori coerenti o replicati.

Sempre più spesso, le persone coinvolte in modo consenziente in vari aspetti del Sex worker sono alla ricerca di un supporto per la salute mentale, ma sperimentano stigmatizzazione, presupposti e giudizi da parte dei loro medici.

Lo stesso lavoro sessuale è diventato un campo molto più ampio di quanto non fosse stato concepito in precedenza.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

Oggi, i Sex worker possono includere persone impegnate nel sesso per denaro, escort, donne che offrono “l'esperienza della fidanzata”, donne che lavorano nei bordelli legali, ballerine esotiche e artisti nel porno.

Anche gli attori porno sono diventati un gruppo molto più ampio, dato che ora include non solo le persone che lavorano nel tradizionale settore “film per adulti”, ma anche interpreti che lavorano e creano per l'industria del porno.

La capacità di creare materiale pornografico indipendente e di commercializzarlo direttamente ai consumatori, utilizzando strumenti online, ha portato alla creazione di molti artisti porno semi-amatoriali, i cui studi sono le loro camere da letto.

Inoltre, l'ascesa degli artisti che usano la webcam per trasmettere spettacoli sessuali ad un pubblico pagante sparso in tutto il mondo, ha aumentato notevolmente la possibilità che i terapeuti di tutto il paese incontrino un paziente che svolge questo tipo di lavoro e che non si adatta all'idea tradizionale del terapeuta di cosa sia un Sex worker.

I terapeuti mostrano già tanto pregiudizio per le mie preferenze sessuali, essendo non monogamo e non etero, che non mi sento a mio agio nel parlargli del mio lavoro sessuale, perchè verrei solo ancor di più stigmatizzato”.

In una recente e triste tragedia, un'attrice di film per adulti, August Ames, si è suicidata. Dopo la sua morte, le notizie trapelate hanno rivelato la presenza di una storia di problemi di salute mentale ed una lotta per accedere a cure positive e di supporto.

Colleghi di Ames hanno riferito: “ha avuto esperienze difficili con i terapeuti perchè l'hanno subito rimandata ad un altro terapeuta nell'istante in cui hanno appreso della sua professione...”.

Ames aveva una storia di abusi sessuali, ma in contrasto con le ipotesi di molti terapeuti, la ricerca scientifica in quel settore non presentava aspetti legati all'abuso sessuale maggiori, rispetto alle donne in una popolazione generale.

In questo studio, le attrici di film per adulti hanno riferito di un maggiore interesse e divertimento sessuale, più esperienza sessuale, precedenti esperienze sessuali ed una maggiore storia di abuso di droghe.

Pubblicità

Queste scoperte supportano l'idea che le persone che gravitano verso l'esibizione del porno possano tendere ad essere più elevate nella ricerca di sensazioni, cosa che si vede anche nei consumatori di pornografia e persone impegnate in pratiche e relazioni sessuali alternative.

Tuttavia, questo studio ha riguardato artisti del settore dei film porno e potrebbe non consentire di dedurre molto sui semi-professionisti o sulle webcam.

Ciononostante, pone una forte sfida all'ipotesi di un terapeuta secondo cui un Sex work è intrinsecamente una persona 'danneggiata' che ha bisogno di aiuto.

I sexworker non hanno bisogno del terapeuta che li salvi”. Ronete Cohen è uno psicoterapeuta londinese che ha lavorato intensamente con questi utenti.

Afferma di vedere molti pazienti che sono stati denigrati, stigmatizzati e persino danneggiati da altri terapeuti che avevano deciso che la missione terapeutica fosse quella di “curare” il lavoro sessuale.

L'obiettivo della terapia, o anche la condizione per la terapia, non dovrebbe mirare a lasciare quel lavoro, a meno che non sia l'obiettivo del cliente.

Cohen ha sottolineato che molte di questi utenti si sforzano di godere la propria sessualità, a causa di una eccessiva pressione sociale che li portava ad identificare la propria sessualità come qualcosa di malsano.

Poiché le porno-attrici fanno spesso parte di un'industria “underground”, possono avere sfiducia e preoccupazione per le attività cui sono esposte.

Di conseguenza, spesso semplicemente non rivelano le loro attività o il lavoro ai terapeuti, o non ottengono accesso al trattamento di salute mentale.

Ho sentito dire che è facile trovare aiuto dove vivo, dal momento che il lavoro è legale, ma in realtà non è facile. La società ci odia ed i pregiudizi scorrono in profondità. I terapeuti, gli psicologi ed i medici sono solo persone e talvolta sono più giudiziosi”.

Spesso i sex worker si trovano in situazioni economiche in cui non hanno accesso all'assicurazione sanitaria e potrebbero cercare servizi gratuiti e sovvenzionati.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

In un panorama che sembra così negativo, esistono anche terapeuti che vengono sperimentati dai propri pazienti come di supporto, affermativi e non giudicanti.

Quindi, come si possono aiutare i terapeuti quando lavorano con un sex worker che ha scelto il sesso come professione in modo consensuale e indipendente?

Alcuni esperti ritengono che “un terapeuta non deve patologizzare l'atto di fare sesso o insinuare che sia la causa/fonte di quei problemi. Cerchiamo di essere reali, il sesso è bello per alcuni e non eccezionale per gli altri. Ma affrontare le questioni più profonde in corso consentirà all'utente di venire in terapia per se stesso. Qualora il lavoro di tipo sessuale svolto rappresenta un problema per l'utente, si può aiutarlo a costruire autostima, fiducia e così via, permettendo così di fare quell'analisi per se stessi piuttosto che appendere un'etichetta fondata sul proprio giudizio”.

La capacità di discutere dei problemi legati al sesso e persino di mettere in discussione il motivo per cui si sta facendo il lavoro è importante, ma può accadere solo in uno spazio sicuro. Se parlo di una brutta scena, potrei aver bisogno che il terapeuta mi aiuti a lavorare sulle mie capacità comunicative, su come mi gestisco in situazioni sociali, o forse potrei aver bisogno di smettere del tutto con il porno. Il saltare alla conclusione che il porno è il problema è prematuro e solo una delle varie opzioni possibili. Se un altro paziente ha descritto di essere sconvolto dal lavoro in banca, il terapeuta non salterebbe istintivamente alla conclusione che il loro lavoro è automaticamente malsano e dovrebbero smettere, giusto?” (K.O.)

Nella conferenza che si terrà a Londra a Marzo 2018 si parlerà molto di queste resistenze terapeutiche al lavoro con persone che hanno scelto di lavorare come Sex worker.

L'obiettivo sarà appunto quello di sviluppare maggiori competenze nel settore della salute mentale per comprendere e supportare i bisogni dei lavoratori sessuali.

Miriamo a migliorare il supporto della salute mentale per le persone che 'vendono' il sesso in vari ruoli all'interno dell'industria del porno, al fine di colmare l'insieme di terapie terrificanti che hanno ricevuto fino ad oggi”.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 770 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.