Pubblicità

La terapia del neurofeedback per il dolore cronico

I dati clinici hanno dimostrato l'efficacia della terapia del neurofeedback in un certo numero di condizioni di dolore cronico: può ridurre l'intensità del mal di testa, essendo particolarmente efficace nei bambini e negli adolescenti, così come l'emicrania ed il dolore associato alla fibromialgia.

terapia del neurofeedback per il doloreIl dolore è una sensazione soggettiva che può essere influenzata da fattori sensoriali, affettivi e cognitivi.

Il dolore cronico può avere un impatto diffuso sulla funzione cerebrale complessiva, e sia i fattori cognitivi che psicologici svolgono un ruolo chiave nello sviluppo e nella gestione del dolore.

I pazienti con dolore a lungo termine presentano spesso menomazioni strutturali ed emotive associate a regioni corticali del cervello che sono collegate non solo al dolore stesso, ma anche alle molte comorbidità che spesso si sviluppano in associazione con il dolore cronico: depressione, ansia e disturbi del sonno, per esempio.

I pazienti con dolore cronico possono richiedere un trattamento farmacologico a lungo termine; ciò comporta una serie di inconvenienti dovuti principalmente agli effetti collaterali indesiderati che spesso insorgono con l'uso continuato di farmaci analgesici.

Esiste una costante ricerca di migliori opzioni di gestione del dolore, compresi gli approcci non farmacologici.

Negli ultimi decenni, il neurofeedback ha guadagnato terreno come opzione potenzialmente valida.

Cos'è il neurofeedback?

Il neurofeedback è una forma di biofeedback. Il biofeedback è nato dall'osservazione che si possono controllare e manipolare determinate funzioni corporee attraverso la consapevolezza.

Usando strumenti che misurano l'attività fisiologica come il battito cardiaco, la respirazione, l'attività muscolare o la temperatura della pelle, un soggetto può ricevere informazioni rapide e accurate su tali funzioni.

L'uso di questi sistemi di monitoraggio consente la percezione delle funzioni fisiologiche e, a sua volta, insieme ai cambiamenti nel pensiero, nelle emozioni e nel comportamento, ciò consente la manipolazione di tali funzioni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

Il biofeedback è ampiamente applicato ai processi associati al sistema nervoso autonomo, come frequenza cardiaca, frequenza respiratoria o tono muscolare.

Il biofeedback può essere usato per controllare quei processi e per migliorare la salute e le prestazioni fisiche. Nel tempo, questi cambiamenti possono durare a lungo, resistendo anche senza l'uso continuato di strumenti di monitoraggio.

Nel caso del neurofeedback, queste tecniche di biofeedback sono applicate al cervello.

Il neurofeedback, conosciuto anche come EEG-biofeedback, utilizza elettroncefalogrammi per monitorare le onde cerebrali, producendo un segnale che può essere utilizzato come feedback per apprendere ad autoregolare le funzioni cerebrali.

Ultimamente, sono state applicate altre tecniche di monitoraggio, vale a dire il biofeedback della risonanza magnetica funzionale (fMRI).

È noto da decenni che, con un allenamento adeguato, le onde cerebrali possono essere controllate.

L'attività intellettuale induce fluttuazioni nell'attività bioelettrica cerebrale che può tradursi in cambiamenti neurofisiologici.

Comprendendo l'associazione tra l'attività bioelettrica di diverse aree cerebrali ed i processi cognitivi, emotivi, comportamentali o anche patologici associati, il neurofeedback può consentire la modifica di quei processi specifici.

Il neurofeedback si è dimostrato utile nell'indurre il rilassamento e l'attenzione, nel potenziare la creatività e come terapia per numerose patologie: disturbi del sonno, epilessia, depressione, ansia, elaborazione del linguaggio, neuro-riabilitazione in ictus o miglioramento della percezione e dell'apprendimento.

Un altro contesto in cui il neurofeedback ha mostrato effetti interessanti è il dolore cronico.

Neurofeedback e gestione del dolore

Il neurofeedback può avere un'influenza diretta sull'elaborazione del dolore. Apprendendo l'autoregolazione delle funzioni cerebrali, un paziente può modificare l'attività elettrica delle aree del cervello coinvolte nell'elaborazione del dolore, nella percezione del dolore o nella memoria del dolore.

Ciò consente, ad esempio, la riduzione o addirittura l'eliminazione del dolore, insieme a molte delle sue comorbilità, tra cui depressione e ansia.

Pubblicità

I fattori psicologici che influenzano la percezione del dolore hanno la capacità di modificare i processi biochimici del nostro corpo.

I pensieri possono avere un impatto diretto su questi processi e potenzialmente produrre analgesia; infatti, ci sono prove che indicano che il controllo cognitivo del dolore può avere un effetto diretto sull'attività dell'oppio, stimolando la produzione di endorfine.

Un altro meccanismo attraverso il quale il neurofeedback può modulare il dolore è la regolazione della componente emotiva del dolore.

La corteccia frontale è associata alla sensazione di spiacevolezza associata al dolore e l'utilizzo del neurofeedback applicato a questa regione del cervello ha dimostrato di essere in grado di indurre cambiamenti nell'affettività del dolore in pazienti con sindromi dolorose acute e croniche, portando ad un aumento della tolleranza al dolore.

Il dolore cronico può anche indurre cambiamenti nell'organizzazione funzionale del cervello.

Il neurofeedback può consentire il controllo del dolore alterando la connettività tra le regioni del cervello, inducendo in tal modo cambiamenti duraturi nelle reti neuronali che possono controbilanciare i cambiamenti indotti dal dolore cronico.

Infatti, i dati clinici hanno dimostrato l'efficacia della terapia del neurofeedback in un certo numero di condizioni di dolore cronico: può ridurre l'intensità del mal di testa, essendo particolarmente efficace nei bambini e negli adolescenti, così come l'emicrania ed il dolore associato alla fibromialgia.

Il neurofeedback può anche essere efficace nel dolore post-operatorio e nel dolore oncologico.

Negli ultimi decenni, gli approcci ed i protocolli di training sul neurofeedback sono stati costantemente migliorati, insieme alla sua efficacia.

Quando insorgono nuovi metodi, è probabile che il neurofeedback possa acquisire consapevolezza ed importanza come terapia non farmacologica per una moltitudine di disturbi.

La risonanza magnetica funzionale, ad esempio, può essere un ottimo aggiornamento per questa terapia consentendo il rilevamento di aree cerebrali affette da dolore cronico e consentendo di conseguenza un intervento più mirato.

Se si può imparare a controllare direttamente l'attivazione di specifiche regioni del cervello, si può potenzialmente essere in grado di controllare i meccanismi neurofisiologici che possono aiutare nel trattamento della malattia.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 1500 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.