Pubblicità

La vergogna: un'emozione nascosta, contagiosa e pericolosa

La vergogna può divenire un'emozione pericolosa quando viene sperimentata come schiacciante; oltre a sentimenti di invidia, collera, rabbia, tristezza, depressione e senso di vacuità, la vergogna può influenzare negativamente il modo in cui ci si vede e percepisce.

vergogna EmozioneCome emozione auto-cosciente, la vergogna ci informa su uno stato interno di inadeguatezza, indegnità, disonore o rimpianto di cui gli altri potrebbero o meno essere consapevoli.

Un'altra persona, circostanza, o situazione può provocare vergogna in noi, ma anche una sensazione di fallimento per non essere riusciti a soddisfare un proprio ideale o standard, indipendentemente dal fatto di essere perfezionisti.

Considerando che la vergogna può farci sentire in difetto, cattivi o soggetti all'esclusione, questo a suo volta determina un comportamento di ritiro o una tendenza a nascondere.

Non c'è pertanto da meravigliarsi del fatto che la vergogna sia un aspetto caratteristico dei soggetti dipendenti, i quali cercano di mascherare il suo impatto.

La vergogna viene spesso confusa con la colpa, un'emozione che si potrebbe sperimentare a causa di un errore commesso e di cui si potrebbe avvertire un certo rimorso e desiderare così di apportare delle modifiche.

In tutte quelle situazioni in cui impulsivamente tendiamo ad ammettere la colpa o parlare di una determinata situazione con gli altri, è molto meno probabile che verrà 'comunicata' la vergogna.

In quest'ultimo caso infatti, è più probabile che si nasconda ciò che si sente perchè non viene fatta una distinzione tra il Sè e l'azione.

Pertanto, con la vergogna, un “cattivo” comportamento non è separato da un “cattivo” Sè.

Una situazione, reale o immaginata, potrebbe innescare una risposta di vergogna quando ci si sente inferiori o per lo svolgimento di un compito concorrenziale/competitivo, o anche perchè ci si considera mancanti o inadeguati nell'aspetto, nell'intelletto, nelle prestazioni sessuali e così via.

Ad esempio, una donna che aumenta di molti kg può avere difficoltà a lasciare la sua casa perchè vorrebbe evitare la vergogna innescata dall'essere in pubblico; tende a svalutarsi e la sua aspettativa è che gli altri, se uscisse di casa, la denigrerebbero.

Allo stesso modo, un uomo che si aspetta di essere giudicato inadeguato potrebbe manipolare l'autostima del partner; nei momenti in cui è più debole, consapevole di sé e ha bisogno della sua approvazione, avverte sì un maggior senso di fiducia ma, allo stesso tempo, è capace di incolparla di ogni fallimento che vive.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

La colpa e la denigrazione degli altri serve a negare ciò che la persone vergognosa sente; la vergogna può condurre una persona a fare attribuzioni sugli altri nel tentativo di mascherare e ripristinare una visione positiva di Sè o nascondere auto-percezioni negative.

Per sfuggire agli effetti svalutanti della vergogna, una persona potrebbe quindi denigrare deliberatamente gli altri esprimendo disprezzo verso di loro.

Così una persona potrebbe tentare di rinforzare l'immagine di sé trovando difetti in altri, in modo tale che essi divengono persone vergognose.

Allo stesso modo, la vergogna è un'emozione particolarmente difficile, se non tossica, per i bambini in quanto è un'emozione nascosta, in particolare dalle vittime di aggressioni o abusi.

Il sentire la vergogna e l'essere giudicati dai pari in modo negativo, genera ansia nel bambino soprattutto se è oggetto di bullismo.

In questo contesto specifico i bulli riescono facilmente a capire cosa rende vergognosi gli altri bambini e sono altamente qualificati nel provocare tale emozione negli altri.

Questo meccanismo rende la vergogna un'emozione contagiosa; i bambini sono anche soggetti alla trasmissione della vergogna quando sono legati ad altri bambini che si comportano in modi simili.

Quando i bambini sono emotivamente o fisicamente abbandonati, abusati o trascurati, spesso assumono la vergogna che appartiene all'adulto che li ha feriti o lasciati, assumendo che ciò avviene in quanto essi stessi sono i “cattivi”.

Alcuni bambini si comportano in modo da sentirsi colpevoli per la vergogna che appartiene ai loro genitori.

D'altra parte, i genitori possono anche sperimentare una vergogna intensa a causa del comportamento dei loro figli.

Poiché un ideale, come genitore, è che i bambini rappresentino i loro meriti e sforzi, un bambino che non riesce a raggiungere gli obiettivi desiderati o il cui comportamento genera imbarazzo, evoca una risposta di vergogna

Alcuni genitori negano qualsiasi colpevolezza nel cattivo comportamento dei loro figli nel tentativo di disapprovare la loro vergogna.

Altri genitori, invece, si sentono troppo responsabili e quindi provano troppa vergogna per qualsiasi 'malefatta' del bambino.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - 00152 ROMA
Cell: 339 6306112

La vergogna diviene inoltre contagiosa se 'inglobiamo' le proiezioni letali di vergogna del partner, soprattutto se questo è un partner abusante.

Trasferire la propria vergogna in un'altra persona non è insolito, ed è una tipica manovra autoprotettiva usata dai narcisisti.

Una personalità narcisista che nasconde la sua vergogna potrebbe provocare invidia in altri quando è lui in primis a dubitare di sé e a provare invidia, oppure proietta la propria vergogna sotto forma di disprezzo.

Le personalità narcisistiche presentano infatti, all'interno del nucleo patologico, l'emozione della vergogna; la necessità di nascondere un senso di Sè svalutante li porta ad auto-glorificarsi.

Poiché teme una valutazione negativa da parte degli altri, il narcisista li svaluta, esprime indignazioni ostili per il successo di colore che invidia, al fine di deviare la vergogna da cui desidera nascondersi.

Qualsiasi situazione che devia il sé e provoca vergogna può anche innescare emozioni di rabbia e collera. Ciò include quelle situazioni che incitano l'invidia, suscitano confronti, evocano paura dell'abbandono, o fantasie circa la felicità dell'altro.

La rabbia provata da una persone che sente la vergogna è come un veleno che consuma tutto e occupa una grande quantità di pensiero cosciente. Ma se una persona che è consumata dalla vergogna riesce a trasferire questa ad una persona cara, allora quella persona sperimenterà delle ripercussioni tossiche travolgenti.

La vergogna, quando viene assunta da un partner o da una persona amata, può fisicamente ed emotivamente portare quella persona ad ammalarsi.

Indipendentemente dalla situazione, quando si esperisce la vergogna, il deterioramento del Sè e della propria autostima può essere devastante.

Oltre alle tante emozioni che possono accompagnare la vergogna, come l'invidia, la rabbia, la collera e l'ansia, possiamo anche includere la tristezza, la depressione, l'esaurimento, la solitudine e un senso di vacuità.

Ed è qui che la vergogna può diventare un'emozione pericolosa; quando viene infatti sperimentata come schiacciante, può influenzare negativamente il modo in cui ci si vede e percepisce.

Come per tutte le emozioni, la vergogna richiede l'assunzione di più prospettive in quanto è collocata nel contesto dell'ambiente e delle preoccupazioni attuali.

Le esperienze interpersonali negative che possono innescare sensazioni come gelosia, rabbia, invidia o collera potrebbero essere dei messaggi circa la possibilità del contagio di vergogna.

Bisogna sempre valutare l'inclinazione a nascondersi quando si innesca l'emozione della vergogna; il nascondersi spesso accompagna comportamenti che sono essi stessi determinanti altre forme di vergogna, come le dipendenze, i comportamenti compulsivi, l'autocritica e l'autodenigrazione.

Non bisogna avere paura di prendersi le responsabilità delle proprie azioni che hanno contribuito a generare la vergogna; solo allora si potrà imparare a perdonare sé stessi.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1965 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.