Pubblicità

Le allucinazioni uditive sono sempre sinonimo di psicosi?

Se consideriamo che circa il 5-13% della popolazione generale sente delle voci ad un certo punto della sua vita per ragioni differenti, è possibile affermare che le allucinazioni uditive siano sintomo preminente ed esclusivo di un quadro psicotico?

le allucinazioni uditive sono sempre sinonimo di psicosiNel contesto clinico, ma anche in quello popolare, sentire le voci è sinonimo di schizofrenia e grave malattia mentale.

Attualmente, diversi ricercatori si sono chiesti se, in realtà, sia sempre così. Indubbiamente, la letteratura ha da sempre evidenziato come il sentire le voci venga segnalato da persone con una vasta gamma di diagnosi psichiatriche, così come da coloro che non ne presentano alcune.

In effetti, il 5-13% degli individui sente delle voci ad un certo punto della loro vita, in circostanze che possono ricollegarsi ad altre esperienze come quelle spirituali, lutto, traumi, privazioni sensoriali o menomazioni, così come disagio mentale ed emotivo.

Nonostante queste evidenze, molte persone, tra cui gli operatori sanitari e i clinici, considerano ancora le voci come un sintomo “di primo piano” della schizofrenia e assumono che queste voci siano vissute come negative, autorevoli, rumorose, frequenti e provenienti dal di fuori della mente.

Ciò non sorprende se si considera che la maggior parte della ricerca sulle allucinazioni uditive viene svolta in un contesto clinico con persone che presentano una diagnosi di psicosi. La maggior parte delle scale e delle misure utilizzate nella ricerca, e per scopi clinici e diagnostici, inizia chiedendo alle persone di riferire su cose come il volume, la frequenza ed il contenuto emotivo.

Nel presente articolo, gli autori, hanno cercato di rispondere ad una domanda: c'è qualcosa che ci manca in questa esperienza, solo perché non la stiamo cercando?

Psicologi in evidenza
Dottoressa Eleonora Motta
Via Monte Leoni, 6 - GROSSETO
Cell.: 349 5359203
Dottor Alessio Sangiuliano
Viale Giovanni Bovio, 273 - PESCARA
cell.: 349 5823076

Il gruppo di ricerca presso le Università di Stanford e Durham, ha deciso di tornare ai primi principi e chiedere alle persone di descrivere, con parole proprie, cosa significa ascoltare le voci.

È stato progettato un questionario online aperto che è stato completato da 153 persone con una gamma diversa di diagnosi, tra cui 26 che non hanno mai ricevuto una diagnosi psichiatrica. I risultati, riportati sulla rivista “The Lancet Psychiatry”, rafforzano alcune delle cose che già si conoscono sulle allucinazioni uditive: le persone sentono molti tipi diversi di voci, alcune con forti qualità caratteriali e nonostante le forti associazioni con emozioni negative come paura, ansia e depressione, alcune persone ascoltano anche voci positive e di supporto.

Ciò che i ricercatori non si aspettavano di trovare era come le risposte delle persone a questo sondaggio sfidassero la comprensione della natura stessa e della definizione di allucinazione uditiva.

Sebbene i termini di allucinazione “vera” e “pseudo” non siano più considerati clinicamente utili, l'idea che le voci percepite come forti e come provenienti da fuori sono in qualche modo un sintomo o disturbo più serio persiste. Poco meno della metà dei partecipanti allo studio ha affermato che le voci che sentivano erano indistinguibili dall'ascoltare qualcuno nella stanza, ma un numero simile riportava voci simili a un pensiero o una miscela dei due.

Come ha detto un partecipante:

Non ho sentito le voci a voce. Erano molto più intime di cosi, e inevitabili. È difficile descrivere come potrei 'sentire' una voce che non era uditiva; ma le parole usate dalle voci e le emozioni che contenevano (odio e disgusto) erano completamente chiare, distinte e inconfondibili, forse ancor più che se le avessi ascoltate a voce”.

Pubblicità

È interessante notare che non vi era un chiaro legame tra la diagnosi riportata dalle persone e la qualità delle voci che ascoltavano, il che mette in discussione che voci rumorose ed esterne siano “tipiche” della schizofrenia.

Pertanto, si sono chiesti i ricercatori, alcune esperienze di ascolto della voce dovrebbero essere intese non come “problemi” di percezione o di elaborazione uditiva, ma come più strettamente correlate ai modi complessi in cui pensiamo?

Voci corporee

L'eredità del dualismo cartesiano – dove la mente e il corpo sono entità separate – è un qualcosa che spesso ancora oggi viene contemplato nel panorama della psicologia. Indipendentemente dal fatto che si tratti di una questione di pensiero o di percezione, l'udire delle voci viene avvicinato come un fenomeno della mente e quindi la tendenza è quella di non chiedere se è sentita anche nel corpo.

I ricercatori hanno quindi deciso di indagare tale aspetto; sorprendentemente, 101 persone hanno riportato cambiamenti nella loro esperienza corporea quando sentivano le voci.

Il mio corpo e il mio cervello si sentivano in fiamme quando ho sentito le voci”, ha scritto un partecipante. “Ho avuto sensazioni di formicolio costante attraverso le mie estremità e sensazioni di shock nel plesso solare” ha riferito un altro.

Altri hanno scritto di una maggiore sensibilità, un'intensa pressione nella testa, calore, agitazione e sentimento radicalmente distaccato dai loro corpi. Quasi una persona su cinque ha sperimentato voci “multisensoriali”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Le voci con effetti sul corpo avevano maggiori probabilità di essere violente e, in alcuni casi, essere collegate a esperienze di trauma. Ciò significa che potrebbe esserci un ruolo maggiore nella terapia focalizzata sul corpo nell'aiutare le persone a far fronte a queste esperienze.

Le conseguenze della complessità

Trascorrere del tempo parlando alle persone in dettaglio delle loro voci – i modi in cui sono vissute, sentite e affrontate – e l'eterogeneità delle allucinazioni uditive è inconfondibile. Tuttavia, è ancora comunemente assunto che l'udire le voci sia sempre un sintomo di una grave malattia mentale e che le voci ascoltate da persone con una diagnosi di schizofrenia siano forti, autorevoli e pericolose.

Questo non è stato il caso dei partecipanti allo studio, anche se deve essere riconosciuto che le persone che stanno vivendo grandi difficoltà nella gestione delle loro voci possono avere meno probabilità di partecipare alla ricerca.

Lo studio, precisano i ricercatori, si basava su una vasta gamma di competenze – tra cui filosofia, psicologia, scienze umanistiche mediche, storia della psichiatria, nonché esperienza personale – per indagare le allucinazioni uditive.

Questo mostra il valore di una serie di metodi e approcci per illuminare questo affascinante aspetto dell'esperienza umana. Una maggiore comprensione della complessità e della varietà di questa esperienza è quindi cruciale.

La ricerca ha quindi implicazioni per la gestione terapeutica delle voci angoscianti e per la progettazione di futuri studi sulle allucinazioni uditive.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

  |   Letto: 195 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.