Pubblicità

Mindfulness: una tecnica sovrastimata?

In un recente articolo pubblicato sulla rivista “Perspectives on Psychological Science”, diversi psicologi e scienziati cognitivi hanno sottolineato che i dati scientifici sulla Mindfulness sono assolutamente carenti.

Mindfulness tecnica psicologiQuando si parla di Mindfulness si fa riferimento ad un concetto che richiama l'aspetto della consapevolezza, la quale coinvolge una focalizzazione sulla situazione e lo stato mentale attuale.

Questo può richiamare diversi significati, come la consapevolezza dell'ambiente, delle emozioni, della respirazione e via dicendo.

La ricerca degli ultimi anni ha delineato un collegamento tra le pratiche di Mindfulness ed una serie di possibili benefici per la salute.

La capacità di collegarsi con il proprio mondo interno può infatti favorire un maggior senso di benessere; diverse ricerche hanno evidenziato che le pratiche di mindfulness possono determinare un miglior funzionamento cognitivo.

Un recente studio suggerisce che possa anche favorire una “conservazione” di alcuni cromosomi che, solitamente, “svaniscono” durante l'invecchiamento.

Eppure, molti psicologi, neuroscienziati ed esperti di meditazione mostrano alcune resistenze circa questo entusiasmo.

In un articolo pubblicato questa settimana nella rivista “Perspectives on Psychological Science”, 15 importanti psicologi e scienziati cognitivi sottolineano, con molta cautela, che, nonostante la sua popolarità e le presunte prestazioni, i dati scientifici sulla Mindfulness sono assolutamente carenti.

Molti degli studi intorno alla mindfulness e alla meditazione”, scrivono gli autori, “sono mal progettati, compromessi da definizioni e costrutti incoerenti di ciò che è effettivamente la Mindfulness, e soprattutto è quasi sempre assente un gruppo di controllo che escluda l'effetto placebo”.

La nuova pubblicazione cita una revisione del 2015, pubblicata nell'American Psychologist, e riporta che solo il 9% della ricerca sugli interventi basati sulla Mindfulness è stata testata negli studi clinici includenti il gruppo di controllo.

Gli autori concludono che le pratiche di Minfulness spesso producono risultati non impressionanti, come invece si vuol far credere.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Un'ulteriore revisione di 47 studi condotti da 47 esperti di meditazione, che comprendono complessivamente oltre 3.500 partecipanti, non hanno trovato una sostanziale evidenza dei vantaggi legati al miglioramento dell'attenzione, riduzione degli abusi di sostanza, miglioramento del sonno o controllo del peso.

L'autore principale dello studio, Nicholas Van Dam, psicologo clinico e ricercatore di scienze psicologiche presso l'Università di Melbourne afferma che i benefici potenziale della Mindfulness non sono poi così reali.

Egli sottolinea quello che invece potrebbe celarsi dietro il sipario, ossia il guadagno finanziario. La meditazione ed il training per la Mindfulness sono attualmente un'industria da 1,1 miliardi di dollari solo negli Stati Uniti.

Il nostro rapporto non significa che la meditazione e la Mindfulness non siano utili per alcune cose”, afferma Van Dam, “ma il rigore scientifico non è ancora in grado di affermare con certezza molti dei risultati raggiunti”.

Egli, insieme ad i suoi co-autori sono preoccupati del fatto che, a partire dal 2015, meno del 25% dei trial condotti sulla meditazione abbiano incluso il monitoraggio dei potenziali effetti negativi dell'intervento.

Van Dam riconosce che vi siano alcune buone prove che supportano la Mindfulness; l'analisi del 2014 ha infatti sottolineato che la meditazione così come la Mindfulness possono fornire benefici modesti per alcuni disordini quali ansia, depressione e dolore.

Cita anche una revisione del 2013, pubblicata nella rivista Clinical Psychology Review per la terapia basata sulla Mindfulness, la quale ha rintracciato risultati simili.

L'intenzione e gli obiettivi di questa revisione sono i benvenuti”, afferma Willem Huyken, docente di psichiatria presso l'Oxford University, Inghilterra.

Ci sono molte aree in cui i programmi basati sulla consapevolezza sembrano accetabili e prometteti, ma sono necessari studi randomizzati e rigorosi in campioni più grandi”.

Due recenti trial sono stati condotti e pubblicati nella rivista Science Advances, i quali sostengono le pratiche di Mindfulness.

Il primo riguardava un training sull'attenzione e la riduzione della percezione dello stress, ma senza un abbassamento dei livelli di cortisolo, l'indicatore biologico meglio conosciuto come “ormone dello stress”.

L'altro, riguardava un training sull'attenzione che correla ad un aumento dello spessore della corteccia prefrontale, una regione del cervello associata al comportamento complessivo, alla decisione e al modellamento della personalità.

Gli autori hanno chiesto ulteriori ricerche su ciò che questi risultati potrebbero significare clinicamente.

Van Dam sottolinea che entrambi gli studi ssiano carenti di standardizzazione. In aggiunta a questo, poiché la mindfulness è praticata secondo diversi approcci, diviene ancora più difficile confrontare i diversi studi.

Pubblicità

Il concetto di Mindfulness è infatti radicato nel pensiero e la teoria buddista. In Occidente si è diffusa intorno agli anni '70 , ad opera del Professor Jon Kabat-Zinn, uno scienziato cognitivo che ha fontado la Stress Reduction Clinic and the Center for Mindfulness in Medicine.

Kabat-Zinn ha sviluppato quello che ha definito “la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza” (Mindfulness-based stress reduction), una terapia alternativa per una varietà di condizioni spesso difficili da trattare.

Nei primi anni del 2000, il concetto di Mindfulness divenne più popolare; presto venne così ad avere molti significati diversi e nonché pratiche di intervento.

Abbiamo osservato, in modo specifico nel nostro articolo, il fatto che molti autori continuavano a sviluppare nuovi interventi senza valutare pienamente quelli già presenti”, afferma Van Dam.

Penso che questi studi, se ben progettati, possano inserirsi in quella branca della ricerca tale da consentire di utilizzare questi risultati come prova dell'efficacia di una pratica come quella della Mindfulness”, prosegue Van Dam.

Come Van Dam, anche altri autori hanno scritto che “non esiste né una definizione tecnica universalmente accettata di 'Mindfulness', né un ampio accordo su aspetti specifici del concetto sottostante a cui si riferisce”.

Tutto questo genera pertanto una grande confusione concettuale, ed il pericolo è che un gran numero di interventi vengano commercializzati senza però essere stati testati con rigore scientifico, nonché una corretta implementazione.

 

Tratto da “Scientific American”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 641 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.