Pubblicità

Narcisismo e funzione riflessiva

Quando si parla di funzione riflessiva si fa riferimento “all'acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei loro sentimenti, credenze, speranze, aspettative, progetti. E' ciò che permette al bambino di leggere la mente delle persone”, Peter Fonagy e Mary Target.

narcisismo e funzione riflessivaNell'ultimo decennio, la mentalizzazione è diventata un concetto teorico centrale per lo studio dello sviluppo della personalità e della patologia.

Il suo concetto di ricerca corrispondente, denominato “Funzione Riflessiva”,è stato impiegato per misurare la qualità della capacità di mentalizzazione nel contesto di specifiche narrative di attaccamento.

Quando si parla di funzione riflessiva si fa riferimento “all'acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei loro sentimenti, credenze, speranze, aspettative, progetti. E' ciò che permette al bambino di leggere la mente delle persone.” (Fonagy & Target, 1997).

La letteratura esistente sulla funzione riflessiva e la psicopatologia della personalità riguarda principalmente le implicazioni per la diagnosi e trattamento del disturbo borderline di personalità.

Sebbene la patologia narcisista condivida alcune basi concettuali con il suddetto disturbo, dati empirici specifici sulla funzione riflessiva e le espressioni di personalità narcisista potrebbero rivelarsi essenziali per la comprensione e trattamento del disturbo.

Nel suo ampio lavoro sulle origine biopsicologiche della regolazione affettiva, Allan Schore (1994) ha suggerito che i pazienti con disturbo narcisistico di personalità mancano di “accesso alla rappresentazione simbolica che può eseguire importanti funzioni lenitive e riparative codificate nella memoria evocativa. Loro non possono eseguire una modalità reciproca di controllo autonomo e la loro capacità di autoregolazione dell'affetto è fondamentalmente compromessa”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

Fonagy, Gergely, Jurist e Target (2002) hanno quindi cercato di costruire la loro teoria della mentalizzazione coniugando la genetica e l'ambiente, suggerendo che “è il modo in cui viene vissuto l'ambiente che funge da filtro per l'espressione del genotipo in fenotipo”.

Per quanto riguarda l'eziologia della patologia narcisista, Fonagy e colleghi assumono la seguente struttura speculare come predisponente un bambino al disturbo narcisistico di personalità:

Quando il rispecchiamento degli affetti è opportunamente segnato ma non contingente, in quanto l'emozione del bambino è mal percepita dal caregiver, il bambino vivrà l'emozione dell'altro come suo stato emotivo primario. Tuttavia, poiché questo stato speculare è incongruente con il reale sentimento del bambino, la rappresentazione secondaria creata sarà distorta. Il bambino etichetterà erroneamente lo stato emotivo primario, costituzionale. La rappresentazione di Sè non avrà legami stretti con lo stato emotivo sottostante. L'individuo può trasmettere un'impressione di realtà, ma poiché lo stato costituzionale non è stato riconosciuto dal caregiver, il sé si sentirà vuoto perchè riflette l'attivazione di rappresentazioni secondarie di affetti privi delle corrispondenti connessioni all'interno del Sè costituzionale”.

Secondo questi teorici, il mancato sviluppo della mentalizzazione li porterebbe ad usare “strategie di controllo e manipolative per ridare coerenza al loro senso di sè”.

In questi senso, l'inibizione difensiva della mentalizzazione diventa evidente nella presentazione fenomenologica del narcisista grandioso.

Un recente studio condotto da Fan et al. (2011) ha cercato di studiare la correlazione tra due concetti: la diminuzione della risonanza affettiva (chiamata 'empatia') e la presenza di bassi e alti tratti di narcisismo.

Pubblicità

I dati psicologici e di neuroimaging indicano livelli più elevati di alessitimia e disattivazione dell'insula in situazioni che richiamano l'empatia in soggetti altamente narcisistici.

Tuttavia, mentre l'empatia e la mentalizzazione condividono alcune basi concettuali, i due costrutti si sovrappongono solo parzialmente.

Entrambi implicano l'apprezzamento degli stati mentali negli altri, eppure l'empatia è principalmente focalizzata in modo affettivo e orientata verso l'altro, mentre la mentalizzazione è anche un'abilità cognitiva che è egualmente orientata sia al Sè che all'altro.

Dimaggio e colleghi (2008) hanno esplorato l'esperienza soggettiva di pazienti narcisisti attraverso l'analisi delle trascrizioni delle sedute di psicoterapia e hanno scoperto che gli stati mentali dominanti dei pazienti erano caratterizzati da sfiducia verso gli altri e sentimenti di essere esclusi o danneggiati.

I dati sembrano quindi sostenere l'ipotesi che una disattivazione o soppressione del processo di mentalizzazione abbia luogo durante gli stati mentali negativi.

Gli autori osservano che, in particolare, “l'eccitazione spiacevole può così portare alla rabbia, con la persona narcisista che percepisce che l'altro ha causato loro sofferenza; a sua volta, questa condizione mentale pregiudica la loro percezione che quest'ultimo è ostile e rifiutante”.

Per questo motivo, la qualità della funzione riflessiva potrebbe servire come indicatore prezioso per una migliore distinzione tra espressioni narcisistiche adattive e non adattive.

In una recente pubblicazione di Bender, Morey e Skodol (2011), viene sottolineato che il livello di funzionamento della personalità dipende molto dalla capacità di mentalizzare.

Aggiungono che “in particolare, menomazioni nella funzione di mentalizzazione rendono difficile creare, mantenere e usare rappresentazioni interne stabili di sé e dell'altro”.

Inoltre, problemi con la capacità di mentalizzare sono stai identificati come particolarmente rilevanti negli stati narcisisti e borderline, considerando l'associazione di queste patologie con difficoltà nell'integrare più prospettive di sé e dell'altro.

Pertanto, data la natura limitata della relazione tra struttura di personalità narcisista e capacità di mentalizzazione, è necessaria ulteriore ricerca per convalidare questi risultati in campioni clinici e non clinici.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

  • Bender, D.S., Morey, L.C., & Skodol, A.E. (2011). Toward a model for assessing level of personality functioning in DSM-5, Part-I: A review of theory and methods. Journal of Personality Assessment, 93(4), 332-346.
  • Dimaggio, G., Nicolò, G., Fiore, D., Centenero, E., Semerari, A., … & Pedone, R. (2008). States of minds in narcissistic personality disorder: Three psychotherapies analyzed using the grid of problematic states. Psychotherapy Research, 18(4), 466-480.
  • Fan, Y., Wonneberger, C. Enzi, B. de Greek, M. Ulrich, C. Tempelmann, C. Bogerts, B. Doering, S. Northoff, G. (2011). The narcissistic self and its psychological and neural correlates: An exploratory fMRI study. Psychological Medicine, 41(8), 1641-1650.
  • Fonagy P., Gergely G., Jurist E., Target M. (2002). Affect regulation, mentalization, and the development of the self. New York: Other Press.
  • Fonagy, P., & Target, M. (1997). Attachment and reflective function: Their role in selforganization. Development and Psychopathology, 9, 679–700.
  • Schore, A.N. (1994). Affect regulation and the origin of the self: The neurobiology of emotional development. Mahwah, NJ: Erlbaum.
  |   Letto: 211 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.