Pubblicità

Neurobiologia dell’anoressia nervosa

Alcuni studi hanno mostrato consistenti anormalità nei sistemi di ricompensa e nel sistema fronto-striatale di soggetti con anoressia nervosa, spianando così la strada per cercare di comprendere l’attività neurale direttamente correlata ai disturbo del comportamento alimentare.

Neurobiologia anoressia nervosaL’anoressia nervosaè caratterizzata dal mantenimento di uno stato di malnutrizione e colpisce approssimativamente l’1% delle donne appartenenti a tutte le classi sociali.

È caratterizzata da una severa restrizione dell’assunzione di cibo che ha come risultato diretto un inappropriato e scarso peso corporeo, paura ed ansia per l’aumento del peso, e preoccupazione per la forma e peso del proprio corpo.

Per comprendere questo disturbo è quindi anche utile considerare i meccanismi neurali che promuovono e mantengono tale comportamento che, nel tempo, diviene disadattivo e auto-distruttivo.

Gli autori hanno pertanto effettuato una review analizzando i modelli cognitivi e neurobiologici dell’anoressia nervosa, focalizzandosi sulla persistenza del comportamento alimentare disadattivo.

La mortalità tra le donne giovani con anoressia nervosa è di sei volte maggiore rispetto a quello atteso per la loro età; questo dato risulta essere il più alto se paragonato ad altri disturbi psichiatrici e la probabilità della morte incrementa di pari passo con la durata della malattia.

Pertanto una comprensione dei sottostanti meccanismi neurali dell’anoressia nervosa potrebbe aiutare a sviluppare nuovi trattamenti e migliorare i risultati di questa grave condizione psicopatologica.

Per fare questo i ricercatori si sono soffermati sull’importanza del comportamento alimentare nell’anoressia nervosa; mangiare è infatti un comportamento multidimensionale, influenzato da componenti biologiche, psicologiche e sociali.

Da un punto di vista neurobiologico il valore del cibo per la sopravvivenza è stato a lungo studiato e osservato, e molto si è compreso rispetto ad un comportamento di ricerca del cibo, così come del controllo atto a inibire tale comportamento.

Pertanto, questi studi hanno gettato le basi per esaminare la ridotta e anormale assunzione di cibo in soggetti con anoressia nervosa, ricorrendo a setting di laboratorio.

È stata quindi valutata la restrittiva assunzione calorica; da un primo studio è emerso che l’assunzione di cibo è caratterizzata da un minore apporto calorico ed un limitato consumo di grassi rispetto al gruppo di controllo.

Altri studi hanno dimostrato un’assunzione significativamente ristretta annessa alla dieta non solo durante il periodo di fase acuta del disturbo, ma anche subito dopo aver ripristinato il loro peso corporeo.

Il passo logico ed importante è quindi cercare di comprendere da un punto di vista neurobiologico ciò che spinge al mantenimento di questo comportamento.

La neuroscienza si è posta, a tal proposito, l’obiettivo di indagare le basi del comportamento umano, cercando di stabilire una relazione tra le scienze biologiche e psicologiche.

Questo approccio ha quindi un valore potenziale rispetto all’obiettivo di valutare e comprendere i meccanismi neurali del comportamento disadattivo dell’anoressia nervosa.

I diversi modelli proposti hanno usano un approccio “bottom-up” all’interno del quale i processi di base sono studiati al fine di valutare le aberrazioni del funzionamento cerebrale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

Per esempio, studi inerenti i domini cognitivi, hanno mostrato anormalità neuropsicologiche; individui con anoressia nervosa hanno maggiori difficoltà nel passare da un compito cognitivo all’altro, probabilmente a causa di un modello di rigidità psicologica.

I risultati cognitivi non sono però coerenti in tutti gli studi, pertanto non possono essere direttamente collegato al disturbo del comportamento alimentare.

Tuttavia, molti altri studi hanno mostrato consistenti anormalità nei sistemi di ricompensa e nel sistema fronto-striatale, spianando così la strada per cercare di comprendere l’attività neurale direttamente correlata ai disturbo del comportamento alimentare.

Il sistema mesolimbico regola il processo di ricompensa e contiene l’area tegmentale ventrale, striato ventrale (incluso il nucleo accumbens) e corteccia orbitofrontale.

Diversi studi hanno esaminato i correlati neurali del processo di ricompensa in individui con anoressia nervosa servendosi della Risonanza magnetica funzionale (fMRI) e la Terapia ad emissione di positroni (PET).

Gli studi di risonanza hanno mostrato anormalità volumetriche in soggetti con anoressia nervosa, all’interno di aree come la corteccia orbitofrontale, anche se la direzionalità di queste anormalità stabilita da un confronto tra incremento e decremento del volume, si è dimostrata inconsistente.

Sono stati quindi effettuati altri studi di risonanza servendosi, in questo caso, di test basati sul compito (Task-based) per esaminare le risposte a ricompense quali soldi e cibo.

Quando è stato chiesto di rispondere a stimoli monetari, gli individui con anoressia nervosa, hanno mostrato anormalità nella corteccia prefrontale e nello striato.

Risposte anormali correlate al compito rispetto a immagini di cibo ha evidenziato anormalità nella corteccia orbitofrontale e nucleo accumbens.

A sostegno di tale risultato attraverso la PET si è evidenziato che vi è una maggiore densità dei recettori dopaminergici del nucleo accumbens in donne affette da anoressia nervosa.

In linea di massima, attraverso una serie di tecniche di imaging, gli studi suggeriscono che vi siano anomalie all’interno del circuito di ricompensa in soggetti affetti da anoressia nervosa, indicando anche anomalie nell’organizzazione e connessione neurale tra il nucleo accumbens e la corteccia orbitofrontale, sia in adolescenti che giovani adulti.

Poiché l’anoressia è caratterizzata da restrizione alimentare e inizia di solito durante l’adolescenza, questi studi sottolineano la potenziale rilevanza dell’organizzazione e funzionamento del sistema di ricompensa nell’anoressia nervosa.

La formazione di un’abitudine è un processo in cui un comportamento associato ad una ricompensa, se ripetuto frequentemente nel tempo, diviene automatico e di conseguenza dipenderà sempre meno dalla ricompensa stessa.

Il comportamento diviene così abituale e questo “spostamento” (dalla ricompensa all’indipendenza del comportamento) è connesso a sistemi neurali che supportano il comportamento.

Come evidenziato precedentemente la dieta persistente delle anoressiche è una caratteristica che può essere in questo caso definita come “abitudine comportamentale”: l’assunzione calorica ristretta nell’anoressia nervosa è quindi appresa, non innata, si manifesta ripetutamente, e, una volta appresa, viene elicitata nell’individuo da precisi stimoli.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

Essendo pertanto questi comportamenti appresi e rinforzati nel tempo, il sistema mesolimbico di ricompensa è rilevante per la comprensione dello sviluppo e persistenza dell’anoressia nervosa.

I comportamenti abituali non vengono quindi più innescati dal desiderio di un risultato e una volta stabilito il comportamento, ci vuole un grande sforzo da parte dell’individuo per poterlo modificare.

A tal proposito, individui con anoressia nervosa sviluppano comportamenti restrittivi durante l’adolescenza; questi comportamenti sono ovviamente rinforzati da diversi fattori: il piacere derivante dall’essere magri; il ricevere complimenti; senso di soddisfazione; e senso di auto-controllo.

Negli individui con anoressia nervosa, gli effetti della fame sul cervello probabilmente possono contribuire ad un’alterazione dei processi di decision-making; il comportamento alimentare restrittivo viene ripetuto nel tempo fino a renderlo automatico, tanto da favorire la formazione di una routine comportamentale in funzione di alcuni stimoli: vedere ad esempio il piatto di cibo innesca una serie di comportamenti ritualizzati che sono utili per ridurre al minimo l’assunzione calorica.

Una lettura neurobiologica di tale modello “abitudinario” dell’anoressia nervosa chiama in causa lo striato dorsale.

Nell’analisi dei correlati neurali inerenti al comportamento alimentare, confrontandoli con il gruppo di controllo, i soggetti con anoressia nervosa differiscono nei pattern di attivazione dello striato dorsale e, come ipotizzato, la scelta del cibo è fortemente associata con l’attività dello striato dorsale.

Sulla base di questi risultati comprendere l’anoressia nervosa è sicuramente un compito arduo e complesso.

I ricercatori sottolineano che nonostante i dati emersi, questo vuole essere uno studio preliminare, che ha messo in luce il ruolo di alcuni circuiti cerebrali connessi al sistema di ricompensa.

Non è ancora noto come i circuiti neurali correlino con la scelta del cibo, né come questa diventi cronica, né se cambi successivamente ad un trattamento.

Ci sono sicuramente prove convincenti circa l’impatto di fattori psicologici ed emotivi sulla restrizione alimentare dei soggetti con anoressia nervosa, ma non è chiaro come tali fattori influenzino i circuiti neuronali associati alla scelta del cibo.

La speranza degli autori è quindi quella di integrare il contributo delle neuroscienze per la strutturazione di trattamenti e linee di pensiero che aiutino a sondare questo disturbo così enigmatico.

Tratto dalla rivista “Int J Eat Disorder”

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2615 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.