Pubblicità

Psicodinamica del pensiero ossessivo

Seguendo una concettualizzazione psicodinamica il pensiero ossessivo può essere letto come modalità di “difendersi” dalla perdita di un oggetto buono attraverso l'esercizio di un controllo costante di esso all'interno della mente.

psicodinamica del pensiero ossessivoLa caratteristica centrale del pensiero ossessivo è la preoccupazione mentale, compulsiva e ripetitiva rispetto ad immagini, idee o parole che l'individuo trova estremamente inquietanti.

Tipicamente, l'utente sperimenta pensieri penosi e intrusivi che interferiscono con la vita quotidiana e tenta di controllarli tramite altri pensieri nel tentativo di neutralizzare quelli iniziali angoscianti.

Per esempio, una persona potrebbe sviluppare un pensiero ossessivo rispetto ad un membro familiare che è morto, “Mio marito è morto”, e cercare di neutralizzare questo pensiero con un altro sostitutivo “Mio marito non è morto”.

In questo esempio, il pensiero ossessivo assume la forma di un'immagine della morte del marito ed il tentativo di neutralizzarla attraverso un'altra immagine in cui il marito è ancora vivo e continua a svolgere le normali attività quotidiane.

Relativamente al disturbo ossessivo-compulsivo, il pensiero ossessivo ha ricevuto poca attenzione da parte degli accademici ed i ricercatori, riflettendo le difficoltà a rintracciare strategie di intervento e neutralizzazione efficaci.

Tuttavia, può essere descritto come una variante importante della condizione, che si differenzia per l'assenza di modelli comportamentali ritualizzati.

Diversi autori come Freud, Rado e Rice hanno suggerito che il contenuto del pensiero ossessivo deriva da tratti sessuali e aggressivi primitivi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

L'oggetto di tale aggressività è spesso un rappresentato da parente, un membro della famiglia o un bambino.

Per esempio, una persona potrebbe pensare “la mia ragazza verrà strangolata”, “sto andando a rapire la mia figliastra”, “mia mamma morirà di cancro”, ed immaginare che quell'evento avrà luogo.

Ovviamente, la presenza di tali immagini e pensieri aumentano i livelli di ansia dell'individuo il quale può spendere gran parte del suo tempo a ruminare e lottare tra pensieri ossessivi e compulsioni neutralizzanti.

I pensieri ossessivi vengono spesso convertiti nei loro opposti, per esempio, “io amo la mia figliastra e nessuno le farà del male”, o assumere la forma di frasi, parole o immagini magiche che si focalizzano sul contenuto opposto dell'iniziale pensiero ossessivo.

La psicoterapia comportamentale, focalizzandosi sulla prevenzione della risposta e sull'esposizione, in concomitanza all'assunzione di antidepressivi come gli inibitori selettivi del re-uptake della serotonina (SSRI), si pongono come il trattamento di eccellenza per il trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo.

La metodologia cognitiva enfatizza i ruoli delle cognizioni relativamente alle credenze ed il potere dei significati dei pensieri ossessivi, attraverso la dicitura “fusione pensiero-azione”.

Il trattamento cognitivo e comportamentale può essere inoltre utilizzato per la gestione del pensiero ossessivo in assenza di compulsioni sottostanti.

Pubblicità

Tuttavia, i risultati provenienti da un piccolo numero di studio indicano un successo limitato in termini di diminuzione dei sintomi e diminuzione dello stress soggettivo.

In contrasto agli approcci cognitivi e comportamentali, un maggiore successo è stato riscontrato nel contesto della psicoterapia psicodinamica.

Nonostante, ad oggi, le evidenze delle basi biologiche del disturbo ossessivo-compulsivo non siano ancora del tutto chiare, nonché degli interventi cognitivi-comportamentali, molti accademici e clinici sottolineano che la comprensione dei significati consci ed inconsci e le funzioni dei sintomi ossessivi-compulsivi è rilevante e possono essere compresi attraverso un lavoro di tipo psicodinamico.

Questo approccio è particolarmente rilevante per quei clienti che non rispondono agli interventi cognitivi-comportamentali, ma che sono motivati a lavorare all'interno di un setting relazionale nel lungo periodo.

Una prospettiva psicodinamica del pensiero ossessivo

Nelle teorizzazioni psicodinamiche, il pensiero ossessivo viene concettualizzato come impoverimento delle relazioni con le figure parentali.

In assenza di un processo chiave relazionale, inclusa la prossimità emotiva, sintonizzazione, rispecchiamento e contenimento, si suggerisce che il bambino vive uno stato di vuoto.

L'ansia che ne consegue fa sì che nel bambino sorga una forma di 'vivacità' atta a colmare un mondo interiore morto.

Tuttavia, seguendo le concettualizzazioni di Melanie Klein, il bambino esperisce un profondo senso di abbandono e perdita degli oggetti buoni, nel tentativo di fronteggiare la paura di annientamento.

Come risultato, il bambino ricorre a strategie di difesa primitive della scissione e dell'idealizzazione.

Per esempio, in assenza di un padre psicologicamente presente, amore e odio non possono essere sentiti nei confronti della madre a causa della paura di distruggerla e di perdita dell'unico oggetto buono.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112

La conseguente rabbia e ostilità vengono scisse e viene compiuto un grande sforzo psicologico nel tentativo di mantenere separato l'oggetto frustrante e persecutorio al fine di preservare quello amorevole e perfetto.

Non sorprende che tale innalzamento delle difese primitive inneschi una iper-attivazione dell'intelletto a discapito della vita emotiva.

Nella struttura ossessiva, la scissione assume la forma di un'oscillazione costante tra alternative positive e prospettive negative circa sé stessi e gli altri.

Il ricorrere costantemente ad una strategia in cui pensieri opposti si alternano, fa sì che l'oggetto buono non venga mai abbandonato o perduto ma, al contempo, non può essere mantenuto.

In tal senso, il pensiero ossessivo può essere letto come modalità di “difendersi” dalla perdita di un oggetto buono attraverso l'esercizio di un controllo costante di esso all'interno della mente.

È un tentativo di controllare magicamente le perdite al fine di ottenere una garanzia illusoria di sicurezza rispetto ad un mondo incerto e pericoloso.

Ironicamente, il fatto che i processi di pensiero divengano compulsivi significa che la persona finisce per provare la sensazione di essere fuori controllo nel tentativo di difendersi dal problema centrale di cui, però, non ha consapevolezza.

Ovviamente, un approccio psicodinamico non è adatto a tutti i clienti che presentano pensieri ossessivi.

Tuttavia, data la “raccomandazione incessante” degli approcci cognitivi e comportamentali, è importante tenere a mente altri modi di lavorare, specialmente quelli che si sforzano di capire il particolare significato psicologico di una condizione e le strategie di intervento offerte.

Lavorando ad una certa profondità relazionale, i clienti hanno più probabilità di sentirsi coinvolti e capaci di controllare il proprio sviluppo quando i loro comportamenti vengono modificati esternamente ed il loro pensiero direttamente sfidato.

Inoltre, lavorando attraverso i processi fondamentali di separazione e perdita che si trovano dietro i loro sintomi, i clienti sono suscettibili di ottenere guadagni a lungo termine per il loro benessere.

Da un punto di vista psicodinamico, la citazione di Rice, riportata di seguito, enfatizza l'importanza di riconoscere le “distorsioni dolorose” tipiche del pensiero ossessivo:

“ … Tutto il fenomeno di questa malattia ha un significato intrinseco ed un'unità propria e fanno parte di un dramma totale e propositivo. La visione del bambino sul suo mondo spaventoso viene rifratta attraverso il prisma del funzionamento e dell'esperienza degli adulti, risultando in varie distorsioni dolorose. La commedia è stata scritta durante l'infanzia e, solo attraverso una terapia appropriata, possiamo privarlo del suo aspetto istintuale.” (Rice, 2004).

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

  • Freud, S. (1909) Notes upon a case of obsessional neurosis. In J. Strachey (ed.), The standard edition of the complete psychological works of Sigmund Freud (10). London: Hogarth, 1955.
  • Klein, M. (1952). Some theoretical conclusions regarding the emotional life of the infant. In Envy and gratitude and other works. New York: Delta, 1977.
  • Rice, E. (2004). Reflections on obsessive-compulsive disorders: a psychodynamic and therapeutic perspective. Psychoanalytic Review, 91 (1), 23-44.

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

  |   Letto: 291 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.