Pubblicità

Psicodinamica e pratica clinica

L'utilizzo di una prospettiva psicodinamica individuale, all'interno della pratica clinica, è fondamentale per riconoscere i sintomi che si celano dietro la persona, e la persona che si cela dietro i sintomi.

psicodinamica pratica clinicaIn un mondo in cui esistono innumerevoli trattamenti per la malattia mentale, la psicoanalisi e la psicoterapia psicodinamica sembrano aver perso la loro precedente prominenza.

Al giorno d'oggi, solo una piccola frazione di pazienti ha il tempo, i soldi e l'interesse per intraprendere un percorso a lungo termine, in cui l'esplorazione mentale di sé stessi è molto profonda e spesso costellata da difficoltà.

Più comunemente, i disturbi emotivi vengono ormai affrontati e gestiti dai dipartimenti di emergenza, nei raparti ospedalieri e chirurgici, negli ospedali psichiatrici a breve termine e in situazioni non cliniche come le scuole e le prigioni.

Queste impostazioni hanno però determinato una valutazione limitata con successivo intervento clinico poco funzionale, in quanto orientato alla risoluzione immediata della problematica.

Il risultato di tale approccio è ovviamente parziale, poiché si è abbracciata una cultura che predilige l'uso del farmaco e tecniche cognitive-comportamentali.

Questi trattamenti sono quelli denominati “basati sull'evidenza”, poiché riducono empiricamente, come designato, i segni e i sintomi discreti che compongono le diagnosi psichiatriche.

Sono in altre parole, reputati ottimali per il trattamento della maggior parte delle categoria psichiatriche.

Il trattamento di una persona con una determinata diagnosi però apre nuovi scenari; nessuna depressione, psicosi o reazione traumatica è uguale all'altra.

L'utilizzo di una prospettiva individuale è quindi fondamentale per riconoscere i sintomi che si celano dietro la persona, e la persona che si cela dietro i sintomi.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Conoscere i pazienti in profondità può infatti aprire a due strade; una in cui il paziente ci accoglie con gratitudine, e un'altra in cui invece vuole resisterci; una via appare come consolabile, l'altra invece non lo è; il soggetto preferisce una cura ospedaliera, mentre un altro sceglie lo yoga e la meditazione.

Questo serve a sottolineare come due pazienti possano soddisfare entrambi i criteri per un disturbo depressivo maggiore ma, tuttavia, agire e vivere la malattia in modalità molto diverse l'uno dall'altro.

L'attenzione a queste differenze è la forza del trattamento psicodinamico, ed è esattamente ciò che si sta perdendo abbracciando una cultura psicologica della risoluzione immediata.

Fortunatamente, la comprensione psicodinamica non è limitata alla psicoterapia dinamica di per se; la psicodinamica è ovunque se la cerchiamo.

Il modo in cui le persone affrontano lo stress, le loro difese tipiche o le strategie di coping distinguono una personalità dall'altra; agendo su ipotesi plausibili, sulle motivazioni coscienti e inconsce di un'altra persona, allineiamo i nostri sforzi alla loro realtà emotiva, avvertendo una maggiore empatia e aiutando quella persona a soddisfare le sue vere esigenze.

Il pensiero clinico psicodinamico consente di rimanere svegli e prestare attenzione; non richiede alcuna formazione formale per apprezzare modalità in cui, di fronte alla stessa minaccia, una persona può ridere, l'altra ritirarsi o concedersi.

Osservare e agire su queste differenze di personalità può migliorare le proprie abilità di clinico.

Una volta capito questo è bene anche chiedersi: come riferirsi al paziente? Come parlargli del trattamento? È abbastanza motivato? È pacifico? È soddisfacente lavorare con questa persona?

Il passo successivo è la curiosità, ossia chiedersi perchè il paziente è in questo modo? Sin da quando siamo piccoli siamo abituati a sentire spiegazioni “informali” circa le motivazioni sottostanti i comportamenti altrui.

La teoria psicodinamica cerca di raffinare questa inclinazione naturale, offrendo dei principi basati sull'inconscio dinamico per spiegare e prevedere il comportamento umano, e per riconoscere le emozioni che il paziente non riesce a tirar fuori o di cui, addirittura, non è cosciente.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458

Sapere qualcosa sulla personalità dei pazienti è quindi uno strumento guida per un trattamento efficace; il paziente che si presenta agitato al pronto soccorso può trovarsi in una fase allucinatoria o delirante, o più semplicemente essere solo spaventato.

Conoscere la differenze può indirizzare al meglio la strategia da intraprendere e l'eventuale trattamento cui riservargli.

In qualsiasi impostazione, il medico può sempre prescrivere i farmaci, degli esami di laboratorio più specifici e condurre il paziente da un terapeuta, il quale, sulla base di quanto esposto, dovrà soffermarsi anche su un senso più profondo di quello che il paziente in quel momento sta manifestando.

Il passo finale, opzionale, è quello di condividere la meraviglia psicodinamica con i pazienti stessi, vale a dire incoraggiarli ad essere curiosi circa sé stessi.

Questo è il punto esatto in cui i clinici si differenziano, non solo tra indirizzi specialistici diversi, ma anche da altri profili professionali, in quanto oltre ad offrire un servizio, si sforzano di aiutare i pazienti a sentirsi meglio, a stare bene!

L'intuizione dinamica può quindi aiutare un paziente a conoscere e comprendere meglio se stesso, apprendere a vedere la connessione tra i sintomi e la propria storia, e intraprendere così un percorso di “guarigione emotiva”.

L'aver sottolineato, all'interno del presente articolo, alcune delle peculiarità che si rifanno alla psicodinamica, non significa ergerla come migliore di altre.

L'intento era quello di offrire una visione alternativa rispetto ad alcuni modus operandi caratterizzanti la pratica clinica, ma comunque efficaci.

L'allargare il proprio sguardo a dimensioni più profonde, inquadrando l'individuo non solo come un soggetto che si rivolge al terapeuta per trovare una soluzione immediata, ma anche come dotato di una sensibilità e reattività emotiva unica, con un suo modo caratteristico di affrontare lo stress, una struttura di personalità specifica, e così via, può solo aggiungere dei tasselli a quello che sarà l'eventuale trattamento da intraprendere.

Mentre questa prospettiva potrebbe solo migliorare una qualunque pratica clinica, la sua assenza in alcuni contesti, quali quelli della psichiatria clinica, o di alcune nicchie psicologiche specifiche, rappresenterebbe un'omissione, purtroppo, particolarmente vistosa.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1369 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.