Pubblicità

Psicologia e dipendenza dai social media

Secondo diverse ricerche, i social media sono strutturati per coinvolgere le persone al suo interno: attirano gli utenti sulla base dei contenuti, offrono uno spazio per presentare il proprio Sè, aumentano i sentimenti di fiducia ed autostima attraverso interazioni poco reali.

psicologia dipendenza social mediaLa psicologia che si occupa della dipendenza dai social media dimostra sempre di più che Internet sia diventata la spina dorsale della società nella maggior parte dei paesi.

 

Dal momento che cresce il numero di utenti denominati “Nativi digitali”, i marketers e gli inserzionisti cercano di farsi notare dagli utenti dei social media che amano la rete.

La maggior parte delle persone spendono, in media, metà della loro giornata a toccare i loro dispositivi portatili o navigano in rete per controllare le notifiche.

Facebook è la maggiore piattaforma social utilizzata, seguita da Twitter, Instagram e via dicendo. Da un punto di vista scientifico, i social media sono strutturati per coinvolgere le persone.

Le persone che sono dipendenti dai social media, trascorrono una notevole quantità di tempo sui diversi canali social a cui sono iscritti.

Nel momento in cui si decide di creare un post, farsi un selfie, creare un tweet o video su youtube, automaticamente questo viene condiviso e visualizzato gratuitamente da milioni di persone.

Gli psicologi e gli scienziati hanno quindi avuto il tempo di studiare come l'utilizzo dei social media interferiscano con gli aspetti della vita quotidiana.

Non esiste un termine clinico ufficiale che identifichi la dipendenza dai social media. Non può essere considerata una vera e propria malattia o disturbo poiché i casi non sono gravi e l'abitudine può essere facilmente mantenuta o impedita.

Inoltre, invece di passare lunghi periodi di tempo sui social, ci immergiamo dentro e fuori tali realtà durante la giornata.

Controlliamo gli aggiornamenti di amici e familiari, nonché notizie ed informazioni. Tuttavia, i comportamenti associati all'uso eccessivo di questi canali sono diventati oggetto di un grande dibattito pubblico e sociologico.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019

La condivisione di post o foto diviene così contagiosa e gli scienziati si sono chiesti perchè ciò accade.

Da un punto di vista fisiologico, i ricercatori, alcuni anni fa, credevano che la dopamina fosse semplicemente una sostanza chimica rilasciata dal cervello durante i momenti di piacere.

Recenti studi hanno però dimostrato che la dopamina produce effettivamente il desiderio nelle persone di “volere”, ispirando quella necessità di “guardare e cercare”.

La dopamina ha un rilascio cerebrale spontaneo, nel senso che è stimolata da imprevedibilità e piccoli pezzi di informazione, nonché da indizi che forniscono al cervello una ricompensa, rappresentando così quelle stesse condizioni che i social media innescano in tutti gli utenti.

Inoltre, recenti studi hanno dimostrato che resistere all'esigenza di “postare” può essere più difficile del resistere ad una sigaretta o un alcolico, a causa della scarica dopaminergica che si verifica nel cervello.

I ricercatori dell'Università di Chicago hanno studiato gli effetti dei social media, osservando che le persone presentavano livelli più elevati di dipendenza dai social media rispetto alla necessità di fumare o bere.

Per quanto riguarda invece l'ossitocina, si è osservato che il cervello tende a rilasciare il cosiddetto “ormone dell'amore” anche quando si effettua un tweet.

Attualmente l'ossitocina è considerata come lo stimolo umano che genera empatia, generosità, fiducia e via dicendo, e questi fattori sono gli stessi che molti brand e inserzionisti sfruttano per promuovere una marca o fare business attraverso i canali social.

Di conseguenza, trascorrere dieci minuti sui social favorisce un livello di ossitocina fino al 13%, un picco ormonale equivalente a quello che potrebbe manifestarsi durante il giorno del proprio matrimonio.

La ricerca ha inoltre dimostrato che quando i soggetti sono stati esposti a contenuti positivi e divertenti sui social media, i risultati mostravano minori livelli di stress, sentimenti di amore, fiducia, empatia e generosità.

In poche parole stimolano il rilascio di ossitocina, pertanto è molto difficile “smettere” di volerne ancora. In sintesi, i grandi marchi, cercano di sfruttare il comportamento umano manipolandolo.

Business: il contenuto è il Re

Capire che cosa i clienti vogliono e soprattutto in che modo è la via cavalcata dai grandi marchi. Costruire e trasmettere un contenuto che apre una conversazione consente alle persone di essere coinvolte, perchè il loro interesse è stato in qualche modo stimolato.

I grandi marchi utilizzano soggetti e oggetti con cui le persone possano identificarsi, cercando di trasmettere un valore che, per quanto possa essere lontano dalla loro quotidianità o stile di vita, coinvolge le persone e le fa sentire coccolate, inserite in quella porzione di mondo.

Il marketing dei contenuti riguarda pertanto la creazione e condivisione di contenuti interessanti, preziosi, utili e rilevanti.

Questo crea la fiducia verso un marchio e porta il soggetto a compiere l'azione desiderata dal venditore. Nel contesto del marketing online, avere una presenza sul web consente quindi di consentire al proprio brand di raggiungere il maggior numero possibile di persone, o potenziali clienti, attraverso un'esperienza in rete.

Pubblicità

Spendere tempo per sviluppare comunità e buone relazione aggiunge un immenso valore alla propria attività commerciale.

Ossessione di Sè e presentazione di Sè

Riportando la discussione su un piano sociale e psicologico, la ricerca ha mostrato che le persone dedicano circa il 30-40% dei loro discorsi a parlare di Sè stessi. Ma, sui social media, questi numeri aumentano circa intorno all'80%.

La ragione di questo riguarda il fatto che la socializzazione vis-a-vis richiede un maggiore impegno emotivo e fisico. I social media eliminano l'aspetto osservativo, il linguaggio del corpo, le espressioni facciali, perchè si preferisce guardare delle foto e prendersi del tempo per perfezionare i propri commenti, interagendo così in un modo calcolato.

Gli utenti dei social media sono focalizzati sulla presentazione di Sè, con l'obiettivo di ricevere più like e aumentando così l'autostima e la fiducia in sé stessi.

Vi è una tendenza a confrontare la propria vita con quella degli altri, e spesso, inconsciamente questo genera un maggior disagio psicologico e un'insicurezza negli utenti.

Rispetto alla presentazione di Sè, i social media ed il web hanno dimostrato che vi è uno sfrenato desiderio di fotografarsi e pubblicarlo regolarmente sulle piattaforme dei social media, e questa mania è chiamata selfie.

La cosa peculiare è che non esiste alcuna ragione o logica reale sottesa al motivo per cui le persone lo fanno, e probabilmente questo è il motivo per cui sono diventati così efficaci.

In sostanza, un selfie è destinato ad essere un momento fotografico che ritrae una sensazione o emozione umana, ma nella maggior parte dei casi ciò non avviene.

La maggior parte dei fruitori di Instagram usano infatti il selfie come un'opportunità per esporre non tanto la loro creatività o emozione, ma fotografie in cui mostrare parti specifiche di sé e del corpo, che diventa così il centro dell'attenzione in tutti i tipi di media come risultato.

Dal punto di vista psicopatologico, l'American Psychiatric Association (APA), ha classificato ufficialmente il selfie come disturbo mentale, e questo è allarmante in quanto i social media sono quasi esclusivamente popolati di foto.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853

Anche se questo può apparire estremo, la verità è che l'APA ha raccolto l'idea che il desiderio ossessivo e compulsivo di scattare foto di sé e di pubblicarle sui social media sia un modo per compensare la mancanza di autostima e riempire un divario nell'intimità.

Se questo è esatto, allora sarebbe evidente che molte persone stanno mostrando la mancanza di qualcosa nella loro vita.

Infine, dal punto di vista scolastico, in molti paesi occidentali si dovrebbero intraprendere delle azioni drastiche, come proibire lo smartphone, l'iPad e i diversi dispositivi mobili che gli studenti portano con sé, in quanto divengono una fonte di distrazione.

Il troppo stroppia

Sociologi e psicologi hanno anche esplorato l'effetto dei social media sulle relazioni nel mondo reale.

I matrimoni, le relazioni familiari e le amicizie sono risultate compromesse a causa di un utilizzo eccessivo dei social media o di un loro utilizzo inappropriato.

Bisognerebbe pertanto ricordarsi, ogni tanto, che le persone che hanno amici reali vivono più a lungo e si ammalano di meno.

I social media sono quindi una piattaforma che dovrebbe essere monitorata ed utilizzata in modalità che favoriscano i rapporti piuttosto che distruggerli.

 

Tratto da “Cloudnames”

 

(Traduzione e adattamento a curadella Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1117 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.