Pubblicità

Psicosi e proiezione

L’individuo psicotico costruisce i suoi deliri sulle allucinazioni e le sue allucinazioni sui deliri in termini di rievocazione dinamica delle relazioni oggettuali indistinte e indefinibili.

psicosi proiezioneQuando si parla di psicosi, da un punto di vista teorico, molti autori degni di nota hanno cercato di offrire il proprio contributo rispetto all’analisi di tale psicopatologia.

Storicamente, Jung si è interessato alla psicosi accostandola alla sua teoria della mente; questa proposta di comprensione ha trovato spazio, nella teoria junghiana, all’interno dei concetti di inconscio collettivo e di archetipi che abitano la mente umana.

In sostanza, la persona più o meno psicologicamente consapevole, avrebbe “incontrato” gli archetipi nella propria mente, e la sua capacità di negoziazione rispetto a tale elemento intrapsichico corrisponderebbe ad una comprensione positiva di ciò che abita il proprio sistema mentale.

Questa spiegazione della psicosi può essere valida così come non esserlo; tuttavia, la validità di una particolare teoria non può basarsi solo su interpretazioni o costrutti appartenenti alla teoria stessa, ma, piuttosto, è la teoria che, quando rispettata, permette all’individuo di funzionare nel mondo.

Essenzialmente, l’utilità di una teoria definisce la sua validità e si pone in contrapposizione alla “verità” insita nella teoria stessa.

Jung ha postulato l’esistenza di simboli mitici che sarebbero profondamente radicati nella mente umana, abitandola. L’idea di un inconscio collettivo può suonare strano a molti studiosi, a causa della constatazione che vi sono poche o nessune prove che la mente possa rappresentare, inconsciamente, una collettività.

È noto che, dopo la rottura con il suo mentore, Freud, Jung si confrontò molto spesso con quadri psicotici, e questa esperienza ha costituito la base della sua teoria.

La sua postulazione dell’inconscio collettivo riflette probabilmente una teoria basata su una spiegazione della propria esperienza mentale di psicosi.

L’inconscio collettivo junghiano potrebbe quindi riflettere una modalità disfunzionale di comprendere la mente; per tale motivo, alcuni autori ritengono che la teoria della mente di Jung può essere definita una costruzione psicotica.

Contrariamente alla teoria junghiana, Freud ipotizzò l’esistenza di un inconscio personale; in termini di spiegazione della psicosi, egli affermò, che la mente psicotica può essere interpretata in modo tale da coinvolgere l’inconscio personale. Inoltre la psicosi può includere un’oggettivazione del regno mentale.

Ciò significa che individui psicotici percepiscono le proprie allucinazioni uditive come separate da sé stessi, pur esistendo all’interno di un'unica mente, ossia quella dell’individuo stesso.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Jung definirebbe queste in termini di archetipi come quello dell’Eroe, il Dio-Uomo e l’Ombra; è importante notare che ciò che viene sostenuto è la presenza di personalità distinte nella mente dell’individuo psicotico che, tuttavia, possono mutare nella sua esperienza, anche se possono essere pensate ed essere distinte nel proprio sistema mentale.

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo significa che la mente della persona psicotica contiene sia il “Sé” che “l’altro”.

I rapporti di oggetto-Sé che prendono vita attraverso le allucinazioni uditive coinvolgono la presenza immaginaria di altri all’interno di una sola mente,  e si evolvono per mezzo di pensieri non normativi o idee che non sono tradizionali o appartenenti alla cultura di riferimento.

Si noti che il pensiero divergente correla con la psicosi, e questo pensiero può fare affidamento su un’esperienza non-normativa.

La creatività è infatti un correlato della psicosi, e questo deriva dalla presenza del pensiero divergente, oltre all’esperienza non normativa e sconosciuta con cui l’individuo psicotico può sentirsi costretto a negoziare.

Le allucinazioni, che appaiono come “personalità” apparentemente distinte all’interno del regno mentale dello psicotico, possono rappresentare delle rievocazioni di rapporti derivanti da relazioni precoci oggetto-Sé con altri appartenenti al regno materiale.

Questo ha fatto sì che la teoria delle relazioni oggettuali si interessasse alla comprensione della psicosi. La persona psicotica può proiettare su una parte “fratturata” della sua mente quelle “personalità” apparenti di persone che sono state importanti durante il periodo dello sviluppo.

Le relazioni primarie con la madre e il padre, ad esempio, possono essere considerate come simboliche nel senso che i nostri genitori hanno rappresentato per noi i nostri sentimenti in relazione all’esperienza avuta con loro.

Da ciò può derivarne che l’individuo psicotico proietta, all’interno delle sue allucinazioni uditive, questi sentimenti che egli ha realizzato sin dalla prima infanzia, senza identificare nella sua mente la realtà che le personalità costruite rappresentino la madre o il padre o qualsiasi altro oggetto primario.

Mentre è possibile che lui pensi di comunicare con la madre o il padre nella sua mente, in realtà, sta semplicemente proiettando, attraverso le allucinazioni, questi sentimenti verso i suoi genitori, ma in maniera del tutto inconsapevole.

Come indicato, la figura della madre è definita un “oggetto” in riferimento al fatto che lei è un simbolo che rappresenta le reazioni emotive accumulate durante le interazioni con lei.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

L’oggetto madre non rappresenta un’entità che simboleggia una personalità immutabile e distinta. L’ambivalenza dell’oggetto-madre in termini di costruzione della sua figura nella mente della persona psicotica è conseguente all’ambiguità con cui l’individuo ha percepito e percepisce l’oggetto-madre reale.

L’affermazione che gli “oggetti” mentali dello psicotico siano distinti e immutabili è di dubbia validità; il fatto che gli schizofrenici e schizofrenici paranoici in particolare, possono costruire sistemi deliranti complessi è la prova di questo.

Le relazioni oggetto-Sé primitive sono continuamente rievocate dall’individuo psicotico nel suo regno mentale, infatti si assiste al riemergere di tali relazioni con gli oggetti primari specifici, come la madre, il padre e altri oggetti o persone simboliche che hanno popolato il regno materiale durante lo sviluppo.

Le relazioni con uno di questi oggetti possono essere interpretate come il risultato di entità proiettate e oggettivate nel regno mentale, in quanto il  soggetto psicotico effettua un continuo investimento su tali figure considerate importanti e potenti.

In termini di conseguenze emotive annesse alla rievocazione dei sentimenti inerenti le relazioni precoci, le allucinazioni che occupano la mente possono essere definite “abrasive” per la persona psicotica.

Le relazioni soggetto-oggetto all’interno della mente sono vissute come punitive; l’intimità psicologica rispetto a questi oggetti può essere percepita come una conseguente nudità psicologica del Sé.

Tale nudità è quindi un delirio dell’individuo psicotico come risposta alla sua esperienza allucinatoria.

Questa nudità psicologica all’interno della mente, reale o immaginaria, è molto probabile che susciti forti emozioni negative nell’individuo che la esperisce.

Le emozioni primitive annesse alle relazioni oggettuali precoci si ripresentano attraverso l’esperienza psicotica in forme di allucinazioni che sarebbero suscitate dall’esperienza di nudità psichica del Sé.

Questo tipo di emozioni abrasive potrebbero così determinare un’espressione emotiva catatonica, come quella che può presentarsi nello schizofrenico, a causa di un’impotenza appresa determinata da un’esperienza emotiva punitiva dalla quale non si può fuggire, semplicemente perché l’individuo psicotico non è in grado di sfuggire alla propria mente.

La percezione della persona psicotica delle entità simboliche all’interno della mente si basa su ciò che l’individuo crede che esse siano. Questo può essere costituito da “abitudini” emozionali riflesse nelle reazioni emotive all’oggetto madre o padre.

Per affermare questo in modo più chiaro, l’impulso per l’evoluzione di queste entità proiettate si riflette nei sistemi deliranti che rappresentano, semplicemente, le emozioni del soggetto psicotico verso tali entità oggettuali.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

L’ambivalenza è ipotizzata come la guida attraverso la quale si strutturano i sistemi e le credenze deliranti, e significativamente, questa ambivalenza, con cui l’individuo psicotico investe le apparenti relazioni oggetto-Sé, fornirebbe un impulso a continuare, perpetuare, quasi senza fine, le speculazioni circa le intenzioni e i comportamenti delle allucinazioni presenti nel regno mentale.

Questo spiegherebbe i cambiamenti apparenti nelle idee deliranti del soggetto psicotico; semplicemente, l’ambiguità delle proprie allucinazioni, e l’ambivalenza che plasma la rappresentazioni soggettive allucinatorie, fornisce lo slancio per una continua speculazione psicotica.

È come cercare di seguire il percorso delle proprie cognizioni e sensazioni, mentre allo stesso tempo le si sta creando.

Questo è l’enigma della psicosi vissuta dall’individuo psicotico. Rispetto alle varie forme di schizofrenia, l’individuo psicotico paranoico può percepire come cruciale l’obiettivo di definire i propri oggetti allucinati, al fine di raggiungere uno stato di benessere.

Lo schizofrenico paranoico cerca di speculare all’infinito le realtà inaccessibili della sua esperienza psicotica semplicemente perché ha paura.

Alimentata dall’ambivalenza, lo schizofrenico paranoico, tende ad analizzare e rianalizzare costantemente le proprie costruzioni mentali immaginarie e oggettivate, reagendo ad esse con forte emozioni, e continuando a costruire un intricato e complesso sistema delirante.

A causa della natura della proiezione alla base dell’individuo psicotico, lo schizofrenico catatonico invece può improvvisamente immobilizzarsi in questa situazione come conseguenza di esperienze mentali punitive che provocano un’impotenza acquisita.

Il presentarsi della catatonia nello schizofrenico può rappresentare la forma di sofferenza mentale più estrema che uno schizofrenico possa sperimentare. La loro presentazione comportamentale richiama l’epitome di un’impotenza appresa.

A prescindere che tale impotenza appresa venga dedotta o meno dalla loro catatonia, è comunque evidente.

In termini di schizofrenia disorganizzata, l’individuo può essere devastato dalla confusione e dolore causati dall’incapacità di comprendere la propria esperienza e, in modo simile al soggetto catatonico, si può assistere ad una conseguente presentazione di impotenza appresa nel regno cognitivo.

In sintesi, la proiezione rappresenta una comprensione istruita di ciò che è l’immaginazione nel soggetto psicotico.

Chiaramente, le relazioni mentali con queste entità primarie, simboliche e allucinatorie possono rappresentare ciò che l’individuo psicotico crede che siano.

E’ interessante notare che il contenuto della mente può essere fabbricato dalla mente dell’individuo stesso; l’individuo psicotico costruisce i suoi deliri sulle allucinazioni e le sue allucinazioni sui deliri in termini di rievocazione dinamica delle relazioni oggettuali indistinte e indefinibili.

Come tale, la mente può essere sagomata mediante una proiezione basata sulla fantasia. Ciò equivale, al contrario, ad una mente intesa come “scatola nera”, come affermato da Skinner.

Il risultato finale è quindi rappresentato dal fatto che la nostra mente può essere qualunque cosa noi immaginiamo che sia!

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 3691 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.