Pubblicità

Quando la rabbia del cliente esplode in seduta

Gli psicologi e psicoterapeuti che lavorano nel privato hanno bisogno di avere la certezza di poter sentirsi al sicuro. Ma, cosa fare quando la rabbia del cliente esplode in seduta?

quando la rabbia del cliente esplode in sedutaChiunque conosca i fumetti della Marvel, conosce bene anche la frase dell'incredibile Hulk: “Non farmi arrabbiare. Non ti piacerà vedermi arrabbiato”.

Alcuni dei nostri pazienti sono così; sotto la loro apparente calma presentazione, sono arrabbiati. Sono arrabbiati con il mondo. Sono arrabbiati con la vita. Sono arrabbiati con tutti quelli che pensano li abbiano offesi. Si arrabbiano anche con noi!

Quando in questi clienti si innesca quella molla specifica, possono divenire intimidatori come Hulk.

Trattare con utenti depressi in modo significativo o con persone che si sentono terribilmente offese e derise o con disturbi di personalità borderline o in preda ad un episodio schizofrenico, o coppie in “guerra”, bisogna essere in grado di superare le tempeste di rabbia senza paura.

Gli psicologi e psicoterapeuti che lavorano nel privato hanno bisogno di avere la certezza di poter sentirsi al sicuro, nonché di proteggere i propri clienti se si arrabbiano durante una sessione.

All'interno del presente articolo verrà fornita una breve panoramica di cosa considerare per la protezione dello psicologo/psicoterapeuta, per i clienti e la gestione del trattamento.

Misure pro-attive

Prepara il tuo ufficio: prepara il tuo ufficio/studio per sicurezza. Ci sono oggetti facilmente alla portata del cliente che potrebbe consentirgli di farsi o fare del male? Sulla scrivania dovrebbero essere presenti oggetti indispensabili, possibilmente non affilati o pesanti. Attenersi a decorazioni morbide come cuscini o 'addobbi' in tessuto. Uno studio può sembrare invitante senza sacrificare la sicurezza.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950
Dottoressa Sara Crudi
Via Norma Fratelli Parenti, 65/A - ROMA
Cell: 333 4514828

Prepara te stesso: la rabbia ti spaventa? Vuoi scappare quando qualcuno inizia ad alzare la voce o urlare? Ti senti a disagio in situazioni di questo tipo a causa di eventi presenti nella tua storia? Se è così, è importante intraprendere un lavoro terapeutico personale.

È inevitabile che un giorno, in qualche modo, si possa innescare la rabbia in un cliente. In questi casi, si potrà essere efficaci solo se si avrà consapevolezza circa la gestione delle proprie risposte alla rabbia di qualcuno.

Organizza un 'piano' con il tuo cliente: se ritieni che un cliente rischia di arrabbiarsi molto durante la sessione - o se i documenti precedenti lo hanno indicato – tanto da perdere l'autocontrollo, è importante dedicare il tempo delle prime sessioni parlando di come gestire tale situazione.

È comunque importante rimanere empatici; chiedere ciò che il paziente vuole che tu faccia se lui o lei perde il controllo. Ricorda alla persona che la rabbia è una normale risposta alla frustrazione, alla delusione e alla paura, ma tutti facciamo delle scelte su come la esprimiamo.

Sii chiaro su ciò che è e non è un comportamento accettabile mentre si lavora insieme per sviluppare scelte più costruttive. Ad esempio: potresti dire ai clienti che urlare o imprecare è accettabile, ma mai lanciare oggetti o minacciare di ferirti.

Sii ragionevole su quali clienti decidi di prendere in trattamento: la pratica privata non è l'impostazione appropriata per tutti i clienti. Se durante una presa in carico si scopre che l'utente ha ferito altre persone - inclusi altri psicologi o psicoterapeuti - quando è infuriato, è solo ragionevole e auto-protettivo indirizzarli ad una clinica dove la presenza di un team consente il corretto contenimento e dove vengono attuati piani di emergenza.

Sì, bisogna essere in grado di gestire la rabbia del paziente. Ma, nella pratica solista, non è ragionevole trattare coloro la cui rabbia può portarli a farci seriamente del male.

Le risposte da dare al cliente che si arrabbia durante la seduta

Per prima cosa, è importante mantenere te stesso ed il cliente al sicuro. Riconoscere i sentimenti ma ritirarsi dalla discussione prima di far arrivare il cliente al picco emotivo può risultare utile.

È importante usare una voce calma. Chiedi cosa puoi fare per aiutarlo e riferisci il tuo 'piano'.

Pubblicità

Non bisogna mai suggerire ad un utente di utilizzare un oggetto della stanza - anche se sono cuscini - per “tirare fuori” ciò che ha dentro.

La ricerca ha dimostrato che tali azioni non diffondono la rabbia ma piuttosto la aumentano. Invece, supportare il cliente con tecniche di de-escalation come la respirazione controllata o un esercizio di rilassamento.

Raccomanda un timeout. Suggerire al cliente di fare una pausa, prendendo un po' d'acqua o semplicemente alzarsi e stiracchiandosi.

Sii curioso, non difensivo. Sostieni i sentimenti della persona ma suggerisci che la rabbia indica che sta succedendo qualcosa di importante.

Chiedi all'utente se è possibile esplorare questa emozione insieme. Spesso, essere incoraggiati a parlare riduce l'effetto e aiuta il cliente a dare un senso a ciò.

Rinfresca la rabbia come una dichiarazione di fiducia in te e progredisce nella terapia. Dai al cliente il merito di aver avuto il coraggio di mostrare i sentimenti e di esprimere il suo apprezzamento per averti dato la possibilità di entrare in quel luogo spaventoso.

Sottolinea che questo di solito è un'indicazione che voi due state arrivando a ciò che è più importante. Se, al contrario, il cliente non riesce a calmarsi, è preferibile rimandare la sessione ad un altro giorno per parlare di quello che è successo.

Se il cliente non è abbastanza sicuro da andarsene, suggerisci di restare seduto semplicemente in silenzio con te o nella sala d'attesa fino a quando non si sentirà abbastanza calmo per proseguire la giornata.

Se ti trovi in una situazione in cui il paziente continua nella sua escalation di rabbia a prescindere da ciò che si prova a dire o fare, è preferibile uscire dalla stanza.

Dì alla persona che stai uscendo dalla stanza, sottolineando che stai “lasciando la rabbia”, non il cliente e che devi tutelarti uscendo dalla porta finchè non riuscirà a calmarsi.

Trattamento nel tempo

Le persone arrabbiate non sono come le teiere che hanno bisogno di “sfogarsi” per non scoppiare. I clienti arrabbiati sono individui senza competenze sufficienti per esprimere la frustrazione, gestire il conflitto o la paura o risolvere i problemi in modo costruttivo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019

Il loro repertorio è limitato all'aggressione, all'intimidazione, alla distruzione e generalmente “alzare il volume” per essere ascoltato o per far sparire il problema.

Il trattamento quindi si oscillerà dentro e fuori dalle seguenti aree: quando il cliente è pronto, esplora la storia e la funzione dei comportamenti di rabbia e e di cosa scatena le loro esplosioni.

È importante lavorare con il transfert che include la rabbia. Rimanere calmi, può aiutare il cliente a sviluppare intuizioni e riconsiderare i vecchi schemi di apprendimento.

Consentire al paziente di assumere il controllo della rabbia invece di lasciarlo controllare il loro comportamento. Ricorda loro che arrabbiarsi è una risposta normale, ma hanno delle scelte su come esprimono e usano il sentimento.

Il reciproco compito in terapia è aiutare il cliente a praticare quelle altre scelte.

Insegnare e praticare tecniche auto-rilassanti.

Aiutare il cliente a sviluppare altri modi più funzionali e socialmente appropriati per esprimere la rabbia.

Lavorare sullo sviluppo di nuove competenze per gestire i propri sentimenti ed una nuova fiducia nella capacità di risolvere i problemi.

È quindi indispensabile supportare il cliente nell'apprendimento e nella pratica di nuove abilità sociali e di auto-difesa.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 1818 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.