Pubblicità

Sessualità e psicoanalisi

L'opera di Freud ha fornito contributi sempre più incisivi allo studio della sessualità umana, dei suoi disturbi e delle sue manifestazioni polimorfe legandole al divenire della storia dell'individuo e alle sue relazioni primarie.

sessualità psicoanalisi

L’opera di Freud ha fornito contributi sempre più incisivi allo studio della sessualità umana, dei suoi disturbi e delle sue manifestazioni polimorfe legandole al divenire della storia dell’individuo e alle sue relazioni primarie.

La disciplina che ha come oggetto di studio la sessualità è la sessuologia clinica. Essa rivolge il proprio interesse alle diverse problematiche che il singolo individuo può sperimentare a livello interpersonale, andando poi a soffermarsi anche sulla natura stessa della relazione, coinvolgendo così anche un aspetto ludico e dinamico.

Con il termine sessualità si fa riferimento all’insieme degli aspetti psichici e degli elementi fisici (caratteri sessuali, morfologia somatica, emotività, reattività, tendenze) che caratterizzano l’uomo e la donna nella loro personalità e in ogni manifestazione normale e patologica del loro comportamento.

Non va confusa con la genitalità in quanto non indica soltanto le attività e il piacere che dipendono dal funzionamento dell’apparato genitale, ma tutta una serie di sensazioni e di funzioni, già presenti nell’infanzia che concorrono a formare l’amore sessuale maturo.

Più in generale, la sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità fatta di razionalità, affettività, volontà, emotività, erotismo e ricerca del piacere.

Da un punto di vista storico si deve a Ivan Bloch, nel 1906, l’introduzione del termine “sessuologia” (Sexualwissenschaft).

In quel periodo si iniziò infatti a volgere sempre più attenzione a questo comportamento umano e anche da un punto di vista psicoanalitico si stavano compiendo passi sempre più importanti.

Molto brevemente, l’opera di Freud dava infatti contributi sempre più incisivi allo studio della sessualità umana, dei suoi disturbi e delle sue manifestazioni polimorfe legandole al divenire della storia dell’individuo e alle sue relazioni primarie.

Per comprendere al meglio la sessualità umana è bene sottolineare come questa sia caratterizzata da tre componenti: identità sessuale, funzione sessuale e relazione di coppia.

Essa è determinata da condizioni biologiche e modulata da fattori psicoemotivi, relazionali e socioculturali, ed è parte integrante della salute e della qualità della vita.

La sessuologia, in qualità di disciplina, rivolge il proprio interesse ai fattori biologici, innati ed acquisiti, psicologici e relazionali che possono interferire con una fisiologica maturazione della sessualità e della capacità di vivere il piacere erotico nei suoi vari aspetti.

Tra gli aspetti che caratterizzano la sessualità umana vanno annoverate:

- la componente multifattoriale, in quanto ad essa concorrono fattori biologici, psicoemotivi e contesto-correlati, sia in senso affettivo, di coppia e famiglia, sia in senso culturale e sociale;

- la componente multisistemica, in quanto dal punto di vista biologico la funzione sessuale dipende dall’integrità e dal coordinamento dei sistemi nervoso, vascolare, ormonale, muscolare, metabolico e perfino immunitario.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Tra le componenti sopra citate, verrà ora presa in considerazione e analizzata più nel dettaglio l’identità sessuale.

Da un punto di vista etimologico, il termine identità deriva dal latino “Identitas” (Identico, uguale) e sta a indicare l’immagine mentale che un soggetto costruisce di Sé.

Ogni individuo sviluppa diverse tipologie di identità nel corso della sua vita, come ad esempio quella etnica, religiosa, lavorativa e via dicendo.

Rispetto alla sessualità, le attuali teorie sessuologiche considerano l’identità sessuale come un costrutto multidimensionale costituito da quattro distinte componenti:

1. Identità sessuale o sesso biologico; si riferisce alla femminilità o alla mascolinità di una persona determinata da 5 fattori biologici: i cromosomi sessuali XX (femmina) o XY (maschio), la presenza di gonadi maschili o femminili (testicoli o ovaie), la componente ormonale (testosterone o estrogeni), le strutture riproduttive accessorie interne e infine gli organi sessuali esterni. In sintesi descrive la dimensione soggettiva del proprio essere sessuati.

2. Identità di genere, ossia la rappresentazione intrapsichica che ognuno di noi ha della propria identità di uomo o donna, modulata dalla soddisfazione o meno con cui la vive. È una delle componenti fondamentali del processo di costruzione dell’identità.

3. Identità di ruolo, indica la modalità con cui, attraverso comportamenti verbali e non verbali, si esprime a se stessi e agli altri il genere, maschile o femminile, cui si sente di appartenere. Il ruolo di genere è una rielaborazione personale di condizionamenti esterni, che deriva dal particolare modo in cui si è venuta a costruire l’identità di genere.

4. Identità di mèta, relativa all’orientamento del proprio desiderio o mèta sessuale, su un partner, oggetto di desiderio, dello stesso sesso (omosessuale) oppure del sesso opposto (eterosessuale).

Ovviamente alla strutturazione dell’identità sessuale concorrono fattori biologici, psicosessuali e relazionali.

L’identità sessuale è infatti una componente dinamica in quanto espressione di un vissuto che subisce modificazioni in virtù dell’interazione costante tra fattori endogeni ed esogeni, biologici e psichici.

Ha la massima plasticità durante la vita fetale, prima e seconda infanzia e adolescenza e può, altresì, andare incontro a ristrutturazioni significative durante l’arco della vita, in risposta a fattori biologici e psicodinamici, in particolare ad eventi traumatici affettivi o somatici.

Il periodo prenatale è considerato di estrema sensibilità biologica, sia neuropsichica sia genitale, dell’identità sessuale.

Alterazioni endogene o esogene così come materne o fetali, possono modificare il normale sviluppo delle strutture anatomiche Mulleriane (femminili) e Wolffiane (maschili).

Una componente importante da tenere in considerazione in questo periodo è relativa al bilancio ormonale, in quanto ha l’effetto di costruire un programma che verrà successivamente attivato e realizzato in termini comportamentali dal nuovo bilancio ormonale prodotto dalla pubertà.

Nella prima e seconda infanzia, da un punto di vista psicologico, l’identità sessuale si struttura attraverso alcuni processi importanti come l’identificazione con il genitore dello stesso sesso e la complementazione con il genitore del sesso opposto.

È ovviamente essenziale la qualità dell’affetto che andrà a determinare lo stile di attaccamento tra i genitori e il bambino.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Un amore tenero e sereno contribuisce alla formazione della “base sicura” che determinerà una fiducia interiore sul proprio valore, sull’essere capaci di amare ed essere amati.

Di contro, relazioni anaffettive in cui subentra un’esperienza traumatica o di abuso fisico, verbale e sessuale, potranno ledere il processo di crescita e strutturazione dell’identità sessuale, così come la capacità di vivere relazioni affettive significative e gratificanti.

Durante la pubertà e l’adolescenza diverse sono le modificazioni fisiche, psichiche e biologiche a cui si va incontro.

Nella pubertà si assiste ad uno sviluppo generale più rapido dell’organismo in linea anche ad un completamento armonico dell’individualità sessuale.

L’adolescenza comprende invece l’insieme delle trasformazioni psicoemotive e psicosessuali che accompagnano la pubertà.

La descrizione freudiana di questa fase sottolinea i cambiamenti che devono condurre la vita sessuale infantile alla sua definitiva strutturazione normale. La pulsione sessuale, che fino a questo momento era prevalentemente autoerotica, ora trova l’oggetto sessuale.

La costruzione dell’identità sessuale sarà quindi il frutto dell’elaborazione individuale a livello affettivo e cognitivo dei fattori somatici (l’iniziale programma genetico prenatale e le modificazioni corporee della pubertà) integrati con influenze socio-culturali.

Infine, nell’età adulta, l’identità sessuale è in genere ben consolidata, può però essere lesa da tumori che colpiscono gli organi simbolo della femminilità (mammella, utero, ovaie) che richiedono chirurgie demolitive e amputanti, trattamenti chemio/radioterapici che inducono menopausa precoce anche nelle donne giovani; lo stesso può ovviamente succedere in caso di tumori genitali nell’uomo.

Da un punto di vista psicoanalitico, l’autore che ha rivolto una particolare attenzione al tema dello sviluppo sessuale, è sicuramente Sigmund Freud con la sua opera “Tre saggi sulla teoria sessuale”.

In questo periodo le teorizzazioni di Freud subirono una grande svolta; egli infatti a partire dalla nuova definizione del sintomo, inteso come “formazione di compromesso” che riassume in sé il conflitto tra desiderio e rimozione, inizia a concentrarsi sempre di più sul concetto di pulsione per spiegare questo conflitto.

La pulsione può essere definita come la costituente psichica che produce uno stato di eccitazione che spinge l’organismo all’attività.

Questa è caratterizzata da un spinta, ossia una carica energetica che ha origine nell’organismo dell’individuo e che tende verso una meta, cioè una particolare modalità di scarica della tensione energetica che caratterizza la pulsione.

Il conflitto deve dunque riguardare la pulsione e qualcosa che le si oppone e deve esistere già nelle prime fasi dello sviluppo infantile.

L’energia che si esprime attraverso la pulsione è chiamata da Freud libido ed equivale “all’espressione dinamica nella vita psichica” della pulsione sessuale.

Per raggiungere la sua meta e quindi eliminare la tensione energetica, la pulsione si rivolge verso un oggetto. Fonte, meta e oggetto, sono dunque i tre aspetti caratteristici della pulsione.

Il conflitto che determina il disturbo deve quindi verificarsi tra una pulsione che per il soggetto è inaccettabile e inammissibile, e la rimozione.

Nel primo dei tre saggi Freud affronta il tema della perversione, non conferendo a tale termine connotazioni morali, ma intendendolo piuttosto come una forma di deviazione dal processo naturale della procreazione a cui la sessualità è finalizzata.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Le perversioni sono dunque caratterizzate da mete e oggetti differenti da quelli della sessualità procreativa e consistono in un arresto del processo di sviluppo della sessualità dell’individuo che inizia nei primi mesi di vita e che dovrebbe procedere fino alla sessualità procreativa matura.

Freud classifica le deviazioni sessuali in base all’oggetto (ad esempio il feticismo) e alla meta (ad esempio il Voyeurismo); tuttavia sostiene che il confine tra perversione e normalità è sfumato, sottolineando che anche nella sessualità normale includiamo alcune pratiche come i preliminari sessuali che, da un punto di vista classificatorio di meta e oggetto, potrebbero essere considerate perverse.

Tutto questo anticipa il secondo saggio dedicato alle fasi dello sviluppo sessuale infantile, all’interno del quale Freud ha cercato di ricostruire la “storia della sessualità” adulta, non sulla base dell’osservazione diretta, ma sulla base di inferenze che prendono spunto dalle analisi delle nevrosi dei suoi pazienti adulti.

Dunque Freud stabilisce che in realtà le pulsioni sessuali sono presenti fin dalla prima infanzia e vengono prodotte dall’eccitabilità di alcune zone erogene specifiche che cambiano nel corso dello sviluppo infantile.

Introduce a tal proposito il concetto di “pulsioni parziali” in quanto la loro esistenza è collegata a singole parti del corpo e l’appagamento che ne deriva è ottenuto direttamente con pratiche autoerotiche su quelle parti.

La prima fase descritta da Freud è quella “orale” e l’area eccitabile, fino ai 18 mesi, è quella della bocca.

Il piacere che il bambino ottiene dalla stimolazione dell’area buccale è collegata quindi alla suzione del seno e alla funzione nutritiva.

Le funzioni sessuali, in questo primo periodo, si appoggiano quindi sulle funzioni organiche.

Dai 18 mesi ai tre anni circa, l’area di eccitazione è invece l’ano, mucosa interna e area circostante: si parla dunque di “fase anale”.

L’autoerotismo relativo è quindi connesso e praticato dal bambino attraverso il trattenimento-controllo delle feci:

“Il contenuto intestinale rappresenta il primo ‘regalo’, con la cui alienazione può essere espressa la docilità, con il cui rifiuto può essere espressa la sfida del piccolo verso il suo ambiente.”

Infine, dai tre ai cinque anni, la zona erogena si trasferisce sul pene e sul clitoride (inteso come sostituto del pene nelle bambine) e l’autoerotismo è esercitato mediante l’autostimolazione di questo organo, anche indirettamente attraverso movimenti particolari.

Questa fase prende il nome di “fase fallica”; all’interno di quest’ultima si assiste sia alla formazione della relazione libidica triangolare tra bambino e genitore (complesso edipico), sia all’angoscia di castrazione del bambino.

Il complesso edipico determina nel bambino un particolare investimento libidico per il genitore del sesso opposto e sentimenti aggressivi per il genitore dello stesso sesso.

Da parte del bambino maschio, l’edipo positivo, cioè l’investimento libidico per la madre e l’aggressività per il padre, è vissuto con angoscia per il timore di una reazione aggressiva del padre e della conseguente minaccia di castrazione che il bambino avverte.

Ecco perché Freud chiama questo vissuto angoscia di castrazione, in quando producente un disinvestimento libidico della figura materna e successiva repressione della sessualità.

Questo vissuto è il precursore della cosiddetta “fase di latenza”, la quale durerà fino al risveglio della sessualità nella prima adolescenza.

Ritiene che tale fase sia organicamente e geneticamente determinata, ma anche la risultante dell’educazione genitoriale ricevuta.

Per quanto riguarda invece il complesso edipico al femminile, Freud assume che l’invidia del pene produce sia una particolare attrazione per la figura paterna, come se il padre potesse in qualche modo farla partecipe di un organo che ad essa manca e sia, corrispettivamente, una svalutazione della figura materna.

Questo modo di valutare lo sviluppo dell’organizzazione della sessualità femminile seguendo il paradigma dello sviluppo maschile è stato ampiamento contestato già ai tempi di Freud.

Il torto di Freud fu infatti quello di condividere il pregiudizio dell’inferiorità biologica delle donne.

Proseguendo con le sue teorizzazioni Freud svilupperà il tema dello sviluppo della genitalità nell’adolescenza.

I primi segni di un risveglio della sessualità si hanno verso gli otto anni, un periodo in cui si assiste all’organizzazione della sessualità guidata da un’unica zona erogena, quella genitale, e da un movimento della pulsione verso un oggetto esterno e quindi verso la meta della procreazione, della scelta oggettuale e dell’amore maturo.

A Freud si deve il merito di aver compiuto delle osservazioni sulla sessualità dalle quali è riuscito poi a ricavare delle basi su cui costruire la propria teoria; inquadrare la sessualità come un’eccitazione proveniente dalle zone erogene e implicante la necessità di essere scaricata, evidenzia il modello neurologico dell’arco riflesso imperante ai suoi tempi.

Bibliografia

  • Freud S., ( 2014), “ Tre saggi sulla sessualità”, Newton Compton Editori, Assago (MI)
  • Kroger J. (2007), “Identity Development: Adolescence Through Adulthood”, SAGE Publications, Canada.

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2132 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.