Pubblicità

Teoria del gioco e psichiatria: da Berne a Szasz

La questione centrale di una psicoterapia orientata alla teoria del gioco non è “qual è la malattia e come influenza il comportamento del paziente?”, ma piuttosto è “che scopo ha il comportamento di questa persona e quali strategie sono state adottate per comunicare questo messaggio nascosto?”.

berne szasz teoria gioco psichiatria“Quello di cui la gente ha veramente bisogno e domanda dalla vita non è ricchezza, comodità o stima, ma giocare se ne vale la pena”. Thomas S. Szasz

La malattia mentale come la depressione, l’ansia e la schizofrenia, è un gioco, una strategia inventata dal giocatore (spesso senza riconoscimento) per ottenere qualche fine.

“Esso” non esiste tanto all’interno delle persone quanto nei confronti delle persone. Questa è la visione notevolmente accolta dal Dottor Eric Berne, il padre dell’analisi transazionale e dal Dottor Thomas Szasz, che ha descritto per la prima volta la psicoanalisi contrattuale applicando entrambi i concetti della teoria del gioco alla psichiatria.

Dire che la malattia mentale è un gioco non è quello di ridurre la vera sofferenza delle persone; piuttosto, è quello di rivelare le molte motivazioni che le persone hanno riferito rispetto al fatto di “essere malate”, ma prive di qualsiasi dimostrazione biologica sottostante.

Come Berne osserva nel suo libro “Games People Play” (1964), gli esseri umani come animali sociali intraprendono una serie di strategie nelle relazioni interpersonali, e i diversi problemi e dilemmi denominati come “Malattia mentale” non sono esenti da un’analisi gioco-teoretica del comportamento umano.

Berne descrive in dettagli diversi giochi specifici giocati frequentemente da pazienti in psicoterapia e trattamenti psichiatrici, tra cui “l’Indigente”, “Il Contadino”,Lo Stupido”, e “Gamba di legno”.

In quest’ultima, ad esempio, il paziente si vede come totalmente inerme rispetto alla sua malattia mentale e quindi incapace di qualsiasi tipo di progresso nel trattamento o nella vita.

Si dipinge come una persona povera e impotente, completamente in attesa dalla sua condizione mentale (o fisica).

Il gioco prende così il nome a partire dalla tesi del soggetto; i pazienti che giocano alla “gamba di legno” troveranno spesso terapeuti che giocheranno, in modo tale che il progresso sia impossibile.

Secondo Berne, le varie forme di malattia mentale riflettono le differenze nelle strategie dei giocatori, spesso emanate dall’infanzia attraverso l’osservazione e l’apprendimento da parte dei genitori o dei caregivers.

Berne sottolinea che l’analisi transazionale dei pazienti psichiatrici non è limitata alle forme lievi della psicopatologia, ma può essere facilmente applicata ai pazienti più disturbati, tra cui schizofrenici e maniaco-depressivi.

Berne fa inoltre notare che i giochi sono svolti non solo da pazienti, ma anche dagli psichiatri e psicoterapeuti; essere un efficace analista del gioco richiede un autocontrollo critico che può essere realizzato attraverso un’analisi personale o una psicoterapia.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

La concezione che la malattia mentale sia meglio compresa attraverso l’obiettivo della teoria dei giochi è condivisa anche dallo psicologo-psicoanalista Szasz, che molti anni prima, nel 1961 descrisse la propria teoria del comportamento umano e del disturbo mentale.

Szasz astutamente nota che la malattia mentale è una metafora letteralizzata per le deviazioni nel comportamento a partire da una norma sociale accettata.

Szasz sostiene che i “sintomi” dei pazienti rappresentano una proto-lingua somatica e vengono intrapresi dai pazienti perché incapaci di comunicare attraverso mezzi più tradizionali.

Così, la depressione, l’ansia e la schizofrenia rappresentano i tentativi del paziente di trasmettere un messaggio a coloro che lo circondano.

Indicare e analizzare queste comunicazione come messaggi nascosti rappresenta l’obiettivo della psicoanalisi.

Come Berne, Szasz riconosce che sia il paziente che il terapeuta utilizzano strategie nel loro comportamento all’interno della relazione terapeutica e nella vita esterna.

Da questo punto di vista, la psicoanalisi richiede un’esplorazione ed una comprensione del modo strategico di condotta di una persona, cioè il modo con cui il giocatore gioca.

A differenza di Berne, Szasz non ha cercato di identificare o compilare un elenco di giochi specifici dei suoi pazienti psichiatrici; tuttavia, gli scritti di Szasz contengono numerosi esempi di pazienti e medici impegnati  nelle strategie di gioco.

Il lavoro di Szasz non è ovviamente scevro di controversie; la psichiatria di stampo biologico sottolinea che anche se non esistono test medici per diagnosticare la malattia mentale, ciò non significa che la malattia mentale sia un mito o una metafora.

Significa semplicemente che la tecnologia medica non è ancora avanzata ad un livello necessario per comprendere la complessità del cervello, la sede apparente della malattia mentale.

La saggezza prevalente nella psichiatria centrale è che i vari problemi umani chiamati disturbi mentali sorgono da un complicato gioco tra la biologia, la psicologia e l’ambiente, e che la complessità della causa non equivale a nessuna causa.

I critici inoltre sottolineano che Szasz ha esagerato per ragioni politiche il rapporto tra psichiatra e stato e ha trascurato il fatto che molti scambi psichiatrici si verificano senza la presenza o la minaccia della coercizione.

Nonostante una controversa relazione con la psichiatria del tempo e una battaglia prolungatasi negli anni ’60 rispetto al suo posto accademico all’Università Statale di New York, Szasz rimase per tutta la sua carriera un professore ordinario di psichiatria ed è stato nominato collega distinto dell’ American Psychiatric Association e membro a vita dell’American Psychoanalytic Association.

Pubblicità

Dal punto di vista dell’analisi transazionale e contrattuale, la malattia mentale non è qualcosa che una persona ha, è qualcosa che una persona fa.

Poiché la malattia mentale si riferisce invariabilmente al comportamento e poiché il comportamento è un’azione volontaria, i principi della teoria dei giochi possono essere applicati allo studio della psicopatologia.

A differenza del paziente neoplastico che non può avere nessun controllo sulla crescita o la diffusione del cancro, il paziente depresso, ad esempio, può essere analizzato come un agente libero e morale che ha adottato un ruolo per se stesso in un gioco giocato con sé stesso e altri, analista incluso.

A volte i pazienti sono consapevoli del ruolo che stanno giocando, e a volte no. Tuttavia, il punto centrale della psicoterapia è comprendere, e aiutare il paziente a comprendere, il loro comportamento come strategia adottata nel contesto delle relazioni interpersonali.

La questione centrale di una psicoterapia orientata alla teoria del gioco non è “qual è la malattia e come influenza il comportamento del paziente?”, ma piuttosto è “che scopo ha il comportamento di questa persona e quali strategie sono state adottate per comunicare questo messaggio nascosto?”.

Una volta che quest’ultima domanda viene risolta dall’analista, il paziente ottiene un’interpretazione del significato del suo comportamento e ulteriori dimostrazioni dei “sintomi” vengono analizzati attraverso l’obiettivo dell’analisi del gioco.

Alcune interpretazioni sono abbastanza semplici: il paziente depresso che si è allontanato dalle situazioni sociali adotta tale metodo per evitare imbarazzo, insoddisfazione o abbandono.

Alcune interpretazioni sono più sottili, come il paziente schizofrenico convenzionalmente definito che crea la propria realtà, come metodo per affrontare le dure realtà della sua esistenza.

Per comprendere appieno la natura teorica del gioco dei problemi umani denominati malattie mentali, si deve prima comprendere la storia della psichiatria all’interno della medicina.

Mentre Berne ha trascorso la sua carriera nel tentativo di descrivere e comprendere le comunicazioni sociali tra le persone, Szasz trascorse molto tempo a scrivere e parlare del ruolo della psichiatria in un contesto sociale più ampio.

Gran parte del suo lavoro è meglio classificato come analisi sociologica della psichiatra e della professione della salute mentale, dedicando molti volumi alla differenza tra la malattia mentale e quella medica.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - 00152 ROMA
Cell: 339 6306112
Dottoressa Sara Crudi
Via Norma Fratelli Parenti, 65/A - ROMA
Cell: 333 4514828

Ciò che viene sottolineato è che gli psichiatri, gli psicologi, gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti sono stati storicamente i medici incaricati del trattamento di quei pazienti che dicevano di essere “malati”, ma che erano privi di qualsiasi malattia organica.

Un’attenta analisi storica della psichiatra insegna che questa ha sempre affrontato malattie che non erano ancora state scoperte; durante tutta la storia della psichiatria, una volta che un disturbo mentale era etichettato come malattia organica, la condizione cessava di essere trattata da psichiatri e veniva così classificata come malattia neurologica.

La neurosifilide e la malattia di Alzheimer sono solo due esempi; pertanto, l’attribuzione della malattia a pazienti senza malattia biologica dimostrabile consente allo stato di esercitare il controllo sociale sotto forma di trattamento medico.

L’ipotesi dell’approccio medico al disturbo mentale è che i pazienti così diagnosticati non dispongono della responsabilità del proprio comportamento e sono quindi incapaci di impegnarsi in comportamenti strategici.

Sotto questo quadro teorico, il comportamento problematico del paziente, cioè i suoi “sintomi”, mancano di alcun significato dinamico e sono semplici manifestazioni di un processo di malattia sottostante ma ancora da scoprire.

In questa prospettiva, non ha senso parlare del perché un paziente si impegna in tale comportamento o mostra tali “sintomi”, e gli aspetti interpersonali del comportamento sono ignorati e la loro importanza svalutata.

Berne e Szasz ci ricordano tuttavia che i pazienti che dicono di essere “malati mentali” mantengono la loro volontà e sono capaci, come le cosiddette persone sane, di intraprendere strategie ed impegnarsi nel gioco.

Infatti è proprio il gioco ad essere caratteristico dei vari problemi umani contrassegnati dai disturbi mentali.

Bibliografia

Arieti, S. (1974). The interpretation of schizophrenia (2nd ed.). New York, NY: Basic Books.

Berne, E. (1964). Games people play: The basic handbook of transactional analysis. New York, NY: Grove.

Szasz, T. S. (1961). The myth of mental illness: Foundations of a theory of personal conduct. New York, NY: Harper and Row.

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1182 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.