Pubblicità

Thomas Szasz e la sua critica efferata alla psichiatria

La critica alla psichiatria offerta da Thomas Szasz merita un'attenta riflessione, anche se alcune delle sue opinioni sembrano radicali.

thomas szasz e la sua critica efferata alla psichiatriaLo psichiatra e scrittore ungherese-americano Thomas Szasz, morto all'età di 92 anni, era considerato da molti il principale filosofo morale della psichiatria e della psicoterapia del XX° e XXI° secolo.

Altri lo vedevano come un'influenza pericolosa e seducente. Se mai c'è stato un critico efferato della psichiatria è stato sicuramente Thomas Szasz.

Il suo libro del 1961, “The Mith of Mental Illness”, fornì le basi filosofiche per i movimenti anti-psichiatrici e per i difensori dei pazienti, iniziati negli anni '60 e da allora fiorenti.

Szasz sosteneva che un modello di malattia era un errore di categoria quando ci si trovava di fronte a “problemi di vita”.

Lo psichiatra di New York, nato a Budapest e immigrato negli Stati Uniti nel 1938, aveva inoltre una specializzazione in psicoanalisi e insegno presso la SUNY Upstate fino alla pensione.

Rifiutò il modello medico della psichiatria, in quanto da lui considerato come intrinsecamente coercitivo.

Fu uno dei primi critici dell'ex-modello di omosessualità promosso dall'American Psychiatric Association. Si batteva energicamente contro l'uso di ricoveri involontari, la difesa della follia ed il controllo psichiatrico tramite farmaci psicotropi.

La sua influenza ha permeato sia la psicologia clinica che la psichiatria, lasciando non solo un'eredità di scetticismo psichiatrico, ma anche sottolineando l'importanza di una maggiore enfasi sulla giustizia sociale.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879

Uno degli argomenti principali promossi da Thomas Szasz sottolineava come la malattia mentale fosse equiparabile ad un mito.

Era molto critico nei confronti del cosiddetto modello medico per comprendere e analizzare le difficoltà e i turbamenti umani.

Vide gli usi dei sistemi diagnostici, ad esempio il DSM, come implicanti erroneamente la presenza di una malattia reale.

La sua visione particolareggiata sulla malattia mentale non fu esente da critiche, tanto da essere respinta dall'American Medical Association, dall'American Psychiatric Association e dal National Institute of Mental Health.

Perfino, il Dottor Allen Frances, lui stesso critico del moderno approccio diagnostico in psichiatria, sosteneva che Szasz “va troppo lontano”.

Tuttavia, la critica offerta da Thomas Szasz merita un'attenta riflessione, anche se alcune delle sue opinioni sembrano radicali.

È ampiamente assodato che il DSM-5 rappresenti un progresso nella conoscenza che facilita la nostra comprensione nel trattare la psicopatologia.

Questo, secondo alcuni, produce meno stigma nei confronti di chi è affetto da malattia mentale, il trattamento allevia la sofferenza e via dicendo.

E cosa potrebbe dunque essere controverso?

Ad un livello più elementare, l'American Psychiatric Association mantiene una sorta di monopolio su ciò che costituisce una malattia mentale.

Come sottolineato da Allen Francis, presidente del precedente DSM-IV, il nuovo manuale è diventato vittima del proprio successo.

È diventato l'arbitro principale di chi è malato e chi non lo è, e tali decisioni influenzano ogni cosa, dall'accesso ai servizi scolastici, ai pagamenti di invalidità e all'ammissibilità alle assicurazioni.

La visione benevola sarebbe che ci sarà più accesso alle cure per tutti. Una visione più cinica suggerisce, al contrario, un aumento della patologizzazione dell'esperienza normale ( ad esempio, conversione della timidezza in Disturbo d'ansia sociale).

Pubblicità

Con l'aggiunta di molte nuove diagnosi ed un ampliamento dei criteri diagnostici per le diagnosi esistenti, il DSM-5 Ha modellato le nozioni di normalità e malattia in modi che non possono essere previsti.

Ciò che è chiaro è che il suo continuo dominio come Sacra Scrittura della psichiatria assicura una continuo ossequio agli esperti quando siamo turbati.

Se Szasz vorrebbe farci dubitare della fedeltà degli esperti, la psicoanalisi ci fornisce un linguaggio per parlare del perchè potremmo essere attratti dagli esperti in primo luogo.

Freud ci ricorda che c'è qualcosa di intrinsecamente ingestibile negli esseri umani. Facciamo fatica a sopportare ciò che sembra insopportabile.

Il nostro rivolgersi agli esperti è quindi un processo di auto-cura per ciò che non si riesce a spiegare o tollerare.

Ma è più facile da sopportare se può essere spiegato e potenzialmente alleviato dagli esperti?

Se una persona sta vivendo una timidezza persistente e 'testarda', è realmente giusto, nel panorama attuale, inquadrarla come un disturbo d'ansia sociale, una malattia mentale trattabile?

Automaticamente, sembrerebbe che siano le nostre stesse paure a portarci nelle braccia degli esperti.

Se Freud vorrebbe che fossimo critici su ciò che riteniamo essere vero nella nostra natura, William James ci spingerebbe a riflettere sull'utilità di ciò che abbiamo scoperto.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330

Sarebbe più o meno utile pensare alla propria natura introversa e alla paura sociale come una condizione di salute mentale?

Se pensiamo alla timidezza come una malattia trattabile, sono più propenso a cercare soluzioni specifiche piuttosto che altre? Quali sono gli effetti collaterali di una metafora medica?

Sarebbe difficile discutere contro l'idea che stiamo meglio con il tipo di approccio compassionevole, non discriminatorio e basato sulla scienza di cui godiamo per condizioni come l'autismo, i disturbi cognitivi e la depressione grave.

Non viviamo più in un mondo infestato dai demoni. Avremmo anche difficoltà a immaginare il tipo di mondo che Ballard ha descritto nel suo racconto futuristico “The Insane Ones”, dove psichiatri e psicologi sono stati banditi in un sorta di utopia libertaria che Szasz potrebbe apprezzare.

Esprimendo il proprio odio e l'ansia su un comodo capro espiatorio, i nuovi governanti e la grande maggioranza che li eleggeva, bandirono tutte le forme di controllo psichico, dall'indagine innocente di mercato alla lobotomia … i malati di mente erano soli, risparmiate pietà e considerazione, fatte per far pagare fino in fondo le loro mancanze”.

Qui vi è sicuramente una via di mezzo; le nostre concezioni su ciò che è normale o sano implicano un progetto molto più grande del DSM e forse vedremo il DSM prendere il suo posto accanto ad altri cimeli di cui non si ha più bisogno (ad esempio le lobotomie).

Allo stesso modo, le nostre idee sull'auto-miglioramento vanno sicuramente oltre il linguaggio e i metodi di trattamento della psichiatria.

Pur apprezzando le pratiche basate sull'evidenza nella psicoterapia ed i progressi della medicina in psicofarmacologia, bisogna stare attenti ad una gamma completa di trattamenti nuovi come quelli dell'auto-aiuto.

È proprio questo che Thomas Szasz voleva ricordarci, di non “scambiare la medicina con la magia”.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 98 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.