Pubblicità

Trauma, attaccamento e depressione: il ruolo dell'alessitimia

L’obiettivo del presente lavoro è quello di delineare il ruolo mediatore dell’alessitimia e la sua relazione con traumi infantili e stile di attaccamento associati a sintomi depressivi durante l’età adulta.

trauma attaccamento alessitimiaÈ abbastanza noto che la comprensione e la consapevolezza delle emozioni ha una lunga storia nella letteratura psicologico-clinica.

Il significato delle emozioni nella vita di ognuno di noi ha portato gli autori a soffermarsi sul costrutto dell’alessitimia.

Questa, da un punto di vista etimologico, significa “mancanza di parole per le emozioni” e si configura come uno stile di vita affettivo-cognitivo caratterizzato da riduzione o assenza di pensiero simbolico con pensiero centrato sulla realtà esterna e poco introspettivo; povertà di vita fantastica; difficoltà nella distinzione delle emozioni dalle sensazioni somatiche; difficoltà nell’identificazione e nella comunicazione dei propri sentimenti; frequente tendenza a lamentare sintomi fisici, nella maggior parte dei casi di natura funzionale e poco responsivi alle terapie mediche standard.

Inizialmente tale costrutto fu utilizzato per descrivere specifiche caratteristiche di personalità che riflettevano la presenza di disturbi psicosomatici.

E’ bene precisare che questo costrutto è nato a partire da una visione psicodinamica.

Secondo la teoria psicoanalitica, è noto che emozioni dolorose, conflitti, e tensioni che non possono essere espressi verbalmente vengono espressi fisicamente.

Questa condizione è considerata come l’espressione somatica di quegli individui affetti da depressione che si presume, alla base, siano alessitimici.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853

Krystal ha cercato di estendere tale costrutto psicoanalitico, suggerendo che l’alessitimia è il risultato di eventi distruttivi e relazioni disfunzionali che inibiscono lo sviluppo emotivo nella prima infanzia.

Questa può infatti svilupparsi in risposta a traumi estremi per proteggere gli individui dall’esperire affetti estremamente dolorosi.

Secondo altri autori, l’alessitimia assolve invece una funzione protettiva costituita dall’evitamento degli affetti a causa di una difficoltà di elaborazione cognitiva degli stessi.

Da un punto di vista psicoanalitico, si presuppone che esperienze traumatiche e stili di attaccamento insicuro durante l’infanzia gettino le basi per la nascita dell’alessitimia.

Questa teoria supporta la visione psicoanalitica secondo cui i traumi emotivi giocano un ruolo chiave nella conseguente incapacità di esprimere verbalmente le emozioni associate a esperienze dolorose.

Gli effetti di traumi significativi nell’infanzia sull’insorgenza e decorso della depressione sono stati riscontrati in molti studi presenti in letteratura.

In aggiunta a questo, molti risultati affermano che vi è una relazione significativa tra alessitimia e depressione.

D’altra parte, Bowlby, pioniere della teoria dell’attaccamento, suggerisce che gli stili di attaccamento siano fondamentali durante le esperienze relazionali precoci.

Secondo Bowlby, lo stile di attaccamento influenza lo stile di coping di un individuo durante situazioni stressanti e di conseguenza va a incidere sulla sua salute mentale.

Risultati di ricerca più recenti suggeriscono inoltre che lo stile di attaccamento insicuro durante le prime esperienze relazionali costituisca un fattore di rischio per lo sviluppo di sintomi depressivi in età adulta, come sostenuto dalla teoria dell’attaccamento.

Si può quindi osservare come questi studi si siano concentrati più sulla ricerca di disturbi psicosomatici, fisici e psichiatrici.

Pubblicità

Pertanto ciò a cui aspirano gli autori è quello di includere il costrutto dell’alessitimia, per comprendere se questa svolga un ruolo di mediatrice tra la presenza di un trauma infantile, stile di attaccamento e sintomi depressivi in età adulta.

Il campione reclutato per lo studio è composto da 417 studenti universitari, di cui il 76,3% composto da donne e 23% da uomini e 3 partecipanti che non hanno fornito alcuna informazione sul genere.

Sono state raccolte informazioni demografiche quali età, genere, stato sociale e così via e utilizzati diversi strumenti di misura.

Tra questi ricordiamo l’Experience in Close Relationship Inventory-II (ECR-R) che indaga le dimensioni di attaccamento ansioso ed evitante.

Il Childhood Trauma Questionnaire (CTQ), caratterizzato da 28 item che includono 5 sotto-dimensioni correlate all’abuso infantile (abuso sessuale, fisico, emotivo, trascuratezza fisica ed emozionale).

Il Toronto Alexithymia Scale (TAS-20) caratterizzato da 20 item che indagano rispettivamente tre dimensioni (difficoltà nell’identificare le emozioni, difficoltà nel descrivere le emozioni, e pensiero orientato all’esterno).

Infine è stato utilizzato il Back Depression Inventory (BDI) che misura sintomi vegetativi, emozionali, cognitivi e motivazionali tipici della depressione.

Le variabili indipendenti di questo studio sono state il trauma infantile e lo stile di attaccamento; la variabile dipendente il livello dei sintomi depressivi, mentre la variabile meditatrice il punteggio totale dell’alessitimia.

È stato calcolato il coefficiente di correlazione tra il trauma infantile e i sintomi depressivi utilizzando il punteggio nella scala dell’alessitimia per comprendere se questa svolge un ruolo di mediatrice in tale relazione.

Attraverso un’analisi di regressione semplice e successivamente un’analisi di regressione gerarchica, l’alessitimia sembrerebbe mediare parzialmente il rapporto tra il punteggio totale di traumi infantili, le sotto-dimensioni dell’abuso emotivo e trascuratezza emotiva e i sintomi depressivi.

Infine, una relazione significativa è stata riscontrata tra il punteggio totale dell’alessitimia, l’abbandono e trascuratezza fisica durante l’infanzia e sintomi depressivi.

Attraverso l’analisi di regressione semplice e successivamente gerarchica si è analizzato inoltre il rapporto tra la dimensione dello stile di attaccamento ansioso e il punteggio totale nella scala dell’alessitimia.

Dai risultati emerge che lo stile di attaccamento ansioso predice positivamente e significativamente l’alessitimia.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

Rispetto alla relazione tra queste due variabili e la presenza di depressione, sembrerebbe che l’alessitimia svolga un ruolo parziale di mediazione tra lo stile di attaccamento ansioso e il punteggio totale nella depressione.

In riferimento all’obiettivo iniziale, il primo dato utile che è emerso è che il punteggio totale dell’alessitimia media parzialmente il rapporto tra i traumi infantili e i sintomi depressivi.

Coerentemente con questa constatazione, è stato condotto un altro studio con pazienti affetti da disturbo depressivo maggiore, constatando che il punteggio totale dell’alessitimia predice i sintomi somatici dei pazienti con tale psicopatologia.

Secondariamente, l’attuale studio ha riscontrato che il punteggio totale di alessitimia si presentava come moderatore parziale tra l’abuso emotivo infantile, trascuratezza emotiva e sintomi depressivi.

Questa scoperta, coerente con i risultati della letteratura, evidenzia l’importanza del ruolo dell’abuso e trascuratezza emotiva, come base per lo sviluppo dell’alessitimia.

In conclusione si ritiene che la trascuratezza emotiva e fisica, in aggiunta all’abuso emotivo durante l’infanzia, può determinare la nascita di tratti alessitimici che a loro volta possono portare alla comparsa di sintomi depressivi.

Alla luce delle informazioni presenti in letteratura si è dimostrato come tratti alessitimici siano associati con una storia di trauma infantile durante l’infanzia.

Gli autori sottolineano che l’importanza di indagare tale relazione sia fondamentale per la scelta del trattamento da proporre.

Dovrebbero pertanto essere esaminati tutti i problemi esposti o presentati dal paziente con la consapevolezza che esperienze traumatiche durante l’infanzia interferiscono con lo sviluppo emotivo e che tali ripercussioni possono determinare la comparsa di tratti alessitimici che producono un effetto importante sulla sintomatologia depressiva.

Uno dei limiti dello studio è che il campione era prevalentemente costituito da donne; quindi negli studi futuri sarà utile comporre il campione di partecipanti maschili e femminili.

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

Bibliografia

  • Aust S, Hartwig EA, Heuser I et al (2012) The role of early emotional neglect in alexithymia. Psychological Trauma: Theory, Research, Practice, and Policy, 1-8.

  • Bowlby J (1969) Attachment and Loss: Volume 1. Attachment. New York Basic Books.

  • Güleç M, Altintaş M, Inanç L et al (2012) Effects of childhood trauma on somatization in major depressive disorder: The role of alexithymia. J Affect Disord, 2-5.

  • Krystal H (1979) Alexithymia and psychotherapy. Am J Psychother, 33: 17-31.

  • Wright MO, Crawford E, Castillo D (2009) Childhood emotional maltreatment and later psychological distress among college students: The mediating role of maladaptive schemas. Child Abuse Negl, 33: 59-68.

  |   Letto: 2734 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.