Pubblicità

Trauma e dissociazione nella psicologia esistenziale

Rollo May, Philip Bromberg e Robert Stolorow: un'interpretazione esistenzialista. Il Sè frammentato e la dissociazione intesa come divisione soggetto/oggetto e come rottura temporale.

trauma dissociazione psicologia esistenzialeSecondo Rollo May (1986), ciò che rende la psicoterapia esistenziale diversa dalle altre scuole è il cercare di comprendere l'esperienza sottostante dell'individuo piuttosto che i meccanismi del suo stato mentale.

Gli esistenzialisti di solito sostengono che la vita è piena di esperienza tragiche per quasi tutti gli individui. Accettare questa tragedia come parte integrante della vita e affrontare il dolore della sofferenza assumendosi la responsabilità delle proprie scelte è ciò che dà senso alla vita.

Credono che in ogni tragedia ci sia la possibilità di trovare nuove intuizioni e nuovi significati. È un significato che può aiutare l'individuo a superare la sua nevrosi, abbandonare le strategie di coping disfunzionali e rendere la sua vita degna di essere vissuta.

Queste inevitabili tragedie nella vita, descritte dagli esistenzialisti, sono spesso strettamente collegate al trauma.

Il trauma può verificarsi sia su larga scala, come nel caso di un disastro naturale, sia su scala individuale, come nel caso della perdita di una persona cara o di un bambino che è abusato fisicamente ed emotivamente.

Il trauma può lasciare una vittima sotto shock con emozioni travolgenti ed intollerabili.

Per far fronte al trauma, le vittime possono reprimere i ricordi, avvertire un senso di impotenza, divenire iper-vigili, presentare stati mentali multipli dissociati, una mancanza di un vero senso dell'Io, ed una perdita di significato nella vita.

Questo saggio si concentrerà sul meccanismo dissociativo coinvolto nel trauma, visto attraverso la lente dei pensatori esistenzialisti.

Questi autori possono includere logoterapisti, teorici interpersonali o intersoggettivi, teorici relazioni o post-cartesiani che attingono tutti alla letteratura esistenzialista per strutturare le loro pratiche.

Usando queste fonti e ponendo una certa enfasi sui metodi fenomenologici, si cercherà di spiegare il significato che il trauma assume nella psicoterapia esistenziale, inquadrando la dissociazione come una scissione tra soggetto e oggetto, una rottura del pensiero temporale, al fine di mostrare come la psicoterapia esistenziale cerca di superare la dissociazione nel trauma.

Il sé frammentato

La psicoterapia esistenziale non offre una nuova tecnica, ma piuttosto un nuovo modo di vedere il paziente: come essere che vive nel mondo in un certo tempo e luogo.

Per un esistenzialista, una persona ed il mondo in cui vive sono uniti nello stesso costrutto.

Pertanto, esistenzialisti e altri pensatori post-cartesiani tendono a credere che vedere il corpo come separato dalla mente, e la persona (soggetto) come separata dal mondo (oggetto), è ciò che porta ad una perdita di significato che non tiene conto dell'esperienza vissuta della persona o il contesto in cui può verificarsi un trauma emotivo.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Per loro, un senso di separazione in sé stessi, di qualsiasi tipo, è patologia. Rollo May arriva persino a descrivere questo senso di separazione come un fenomeno culturale contemporaneo di distacco ed estraneazione dal mondo e da sé stessi.

Questa è la cosa che gli psicoterapeuti esistenziali cercano di aiutare a superare.

Tuttavia, che cosa fanno quando questo senso di separazione e distacco non è solo un prodotto della cultura o della rivoluzione tecnologica, come May vorrebbe, ma il prodotto di un trauma esterno?

L'autore e psicoanalista Philip Bromberg (2003) ritiene che la dissociazione o la sensazione di essere separati da sé stessi, di avere stati di disconnessione multipli del sé, o sentirsi come se non si fosse “reali”, spesso si verifica dopo esperienze traumatiche come meccanismo di difesa e sopravvivenza.

Le vittime del trauma sono descritte come “frammentate”, perchè il sé traumatizzato non può andare avanti, mentre il sè-post-trauma può continuare, ma può sembrare, in un certo senso, irreale.

Sebbene la dissociazione nel trauma è una fuga dal dolore che consente di scollegare la mente da esperienze o pensieri che sono troppo travolgenti emotivamente, si traduce anche nel fatto che la persona non vive la vita nel “qui e ora”.

A causa della particolare natura del trauma come rottura estrema per l'esperienza o lo sviluppo della vita di una persona, una prospettiva psicoterapeutica esistenzialista può fornire una visione più diretta dell'esperienza della dissociazione individuale.

La dissociazione come divisione Soggetto/Oggetto

Secondo Bromberg, una voce di spicco nella letteratura della dissociazione, quando si verifica un trauma, “Ciò che ne viene influenzato non sono semplicemente i contenuti mentali ma la coesione della struttura mentale – l'esperienza stessa dell'individualità”.

Quando la vita ed il Sè, come un insieme coeso, non esistono più per un individuo, tendono a sentire una perdita di identità ed una perdita di connessione con il sé ed il mondo.

Questa è un'esperienza che gli esistenzialisti possono chiamare “Sè inautentico”, modellato dall'idea di autenticità di Heidegger.

L'esperienza del Sè come non autentica si vede tipicamente in pazienti dissociati che possono avvertire che ci son altri parti “reali” di sé che sono nascoste e fuori dalla consapevolezza cosciente.

Possono sentire un'oggettivazione del proprio corpo o una scissione tra la loro mente ed il loro corpo. Possono persino sentire due o più parti separate di se stessi a cui non hanno sempre accesso, il che può contenere verità contrastanti e, pertanto, non possono essere entrambe autentiche.

In ogni caso, la dissociazione può essere vista come una forma estrema dai molti modi in cui l'essere autentico di qualcuno può essere “coperto” e fuori dalla consapevolezza cosciente.

Pubblicità

Tuttavia, il Sè “autentico” non è solo perso e confuso per l'individuo, ma interrompe anche la relazione con il mondo in cui vive.

L'individuo può sentirsi “estraniato” da sé stesso, così come dal loro mondo, a causa della mancanza di relatività per gli altri che non hanno vissuto il trauma.

Il dover rientrare nel mondo dopo un'esperienza traumatica può far sì che qualcuno si distacchi o si dissoci perchè può avere la sensazione che il mondo passi mentre la loro intera esperienza di vita è cambiata al punto da non riuscire più a trovare un abbinamento tra queste.

Quindi, in una visione esistenzialista, la persona, o il soggetto, non è più connesso al proprio sé, al corpo o al mondo, perchè tutti divengono oggetti estranei nella mente dissociata.

Dissociazione come confusione temporale

In uno stato dissociativo, mentre le linee tra soggetto e oggetto diventano troppo rigide, i ricordi e le esperienze del passato e del presente sono troppo sfocate.

Gli stati dissociativi includono forse diversi sé in momenti diversi di esperienze traumatiche, diversi stati di sé che contengono memorie diverse, o anche solo uno stato di dissociazione primario in cui i ricordi tramatici sono inaccessibili (Bromberg, 2003; Stolorow, 2011).

Può anche sembrare che l'individuo traumatizzato stia vivendo in due mondi del tempo separati, uno che è stato distrutto dal trauma e l'altro che diviene irriconoscibile.

In ogni caso, l'individuo traumatizzato e dissociato può non avere una chiara distinzione di ciò che è accaduto o, cosa più importante, può smettere di vivere per il futuro.

È la mancanza di speranza o ideazione di un futuro migliore che conduce a insensatezza esistenziale, ossia quegli aspetti che gli psicoterapeuti esistenziali vogliono evitare a tutti i costi.

Secondo gli esistenzialisti, questo senso di “tempo deformato” o un senso frammentario e sconnesso del tempo è direttamente correlato ad una distorsione del sé.

Se si è bloccati nel passato e non si vede il proprio sé intero e autentico nel “qui e ora”, non possono realizzare obiettivi futuri solidi e speranzosi o creare un significato nella loro vita.

Come segue nella teoria esistenzialista, è solo con l'accettazione che si è un essere temporale continuo, ma finito, che ha sperimentato la tragedia e la quasi non-esistenza (morte), che un individuo può soddisfare il proprio potenziale esistenziale e vivere liberamente.

Una soluzione esistenzialista

Come accennato in precedenza, l'obiettivo esistenziale per la psicoterapia è aiutare il cliente a creare e scoprire il significato nella propria vita.

Alla luce di questo obiettivo, gli esistenzialisti tendono a considerare i disturbi mentali e le strategie di coping come un prodotto di un individuo che perde il proprio “centro” o la propria identità personale all'interno dell'esistenza.

Cercano di riconquistare questa identità o “centro” per sopravvivere, attraverso mezzi come la dissociazione.

Tuttavia, per poter effettivamente prosperare e trovare un significato, l'individuo deve raggiungere questo “centro” e tentare di connettersi con un sé più autentico e con gli altri nel mondo, attraverso il “confronto”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217

Per l'esistenzialista, “confronto” significa accettare certe qualità inalterabili della vita, come la vita che può finire, una morte imminente e la sofferenza come parte integrante della vita.

Una volta accettati questi 'aspetti', diventano responsabili della loro esistenza e sono liberi di fare delle scelte che possono creare un significato nella loro vita.

Diventano liberi di agire su ciò che apprezzano e liberi di trovare uno scopo o un obiettivo che si estende al futuro.

Tuttavia, per l'individuo traumatizzato, questo può essere molto più difficile.

Attingendo ai termini di pensatori esistenzialisti, traumi e tragedie possono evocare sentimenti come “perdita, paura, disperazione, terrore, nausea, assurdità”.

Non solo può distruggere il mondo in precedenza più stabile e sicuro, ma può togliere tutto il significato per la vita che si desidera, poiché tutto ciò che una volta sapevano è andato perso nella tragedia.

Dopo la tragica perdita di una persona cara o una minaccia traumatica per la propria vita o il proprio sé emotivo, una persona di solito si trova di fronte ad una maggiore consapevolezza del pericolo e della morte.

Nel senso ampio del termine, gli esistenzialisti si riferiscono a questo come ansia, o sentimenti che sono evocati dalla possibilità di assenza di significato e di “non-esistenza”.

L'ansia è di solito il prodotto dell'assenza di controllo sulla situazione tragica, poiché il trauma si abbatte sull'individuo a volte senza offrire possibilità di fuga.

Tuttavia, nonostante la tragedia imposta e la potenziale insignificanza che segue, gli esistenzialisti credono che ci sia ancora una scelta nell'interpretazione.

Se non si può cambiare la situazione, possono cambiare il modo in cui la percepiscono, e spetta all'individuo quale atteggiamento assumere verso il trauma e nel modo in cui si relaziona ad esso.

Sebbene la dissociazione sia difficile da superare, tentando di trovare un significato in un mondo perduto, la vittima del trauma si confronta con l'ansia, il dubbio esistenziale, il “non-essere” e le emozioni nggative che provengono dal trauma.

In effetti, gli esistenzialisti credono che la tragedia, che porta a traumi e ansia, sia in realtà la cosa che fornisce il potenziale per rendere libera la scelta esistenziale.

Eliminando il significato, il trauma e la tragedia costringono a cercare attivamente un nuovo significato. Risalire a questa sfida è ciò che può rendere la vita degna di essere vissuta.

Pertanto, gli psicoterapeuti esistenziali cercano di dare ai pazienti un senso del significato aiutandoli a uscire dalla dissociazione, a vivere nel momento presente, la loro esistenza nel “qui e ora”, favorendo anche una maggiore concentrazione su un futuro significativo.

Sottolineando l'unità sia nel Sè/mondo che nella costruzione del tempo, il pensiero esistenzialista può forse essere uno strumento utile per le vittime di traumi con tendenze dissociative.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

  • Bromberg, P.M. (2003). Something wicked this way comes: Trauma, dissociation and conflict: The space where psychoanalysis, cognitive science, and neuroscience overlap. Psychoanalytic Psychology, 20, 558-574.
  • May, R. (1986). The discovery of being. New York, NY: W.W. Norton.
  • Stolorow, R.D. (2011). World, affectivity, trauma: Heidegger and post-cartesian psychoanalysis. New York, NY: Routledge.
  |   Letto: 2217 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.