Pubblicità

5 modi per aiutare i bambini a comunicare le loro emozioni.

Come educare i propri figli alle emozioni? Ecco 5 semplici consigli!

emozioniUna delle lezioni più preziose che potete insegnare ai vostri figli è saper identificare e gestire le loro emozioni.
In questo modo, potete mostrar loro che provare una serie di emozioni è normale.

In più, i bambini, se imparano le modalità più sane per esprimere ed affrontare le loro emozioni, mostrano minori problemi comportamentali e si sentono più competenti.

“Essere capaci di parlare delle emozioni pone le fondamenta per risolvere i problemi ed i conflitti in modo salutare”, ha detto Sarah Leitschuh, una psicoterapeuta di indirizzo sistemico-relazionale, specializzata nell’aiutare le famiglie a sviluppare strategie adeguate per affrontare le emozioni.

A volte, però, i genitori potrebbero insegnare o modellare l’opposto per i loro figli: inavvertitamente, i primi creano uno spazio, in cui i bambini si sentono a disagio nell’esprimere le loro emozioni, ad esempio quando dicono “Non è un problema grave”, “Non devi essere triste”, “Dovresti essere felice”, oppure “Smettila di piangere”.
Come spiega la Dott. essa Leitschuh, essi potrebbero non “prestare completa attenzione al bambino, mentre egli cerca di condividere un’emozione”.

Inoltre, può succedere che, quando un bambino esprime le sue emozioni in modo inappropriato, i genitori potrebbero passare direttamente alla punizione, perdendo l’opportunità di insegnare loro un’alternativa più proficua. Tutto questo, aggiunge la Dott. essa Leitschuh, potrebbe confonderli, perché essi andranno a dedurre che sono stati puniti per la loro emozione, non per il comportamento inappropriato (motivo per il quale è consigliabile spiegare ai propri figli le motivazioni delle punizioni).


È chiaro che insegnare
ai bambini come regolare le emozioni non è facile, soprattutto se voi stessi non siete tanto a vostro agio nell’esperirle ed esprimerle. Tuttavia, esistono delle strategie, da poter impiegare di volta in volta.


Di seguito, sono esposti i cinque suggerimenti forniti dalla Dott. essa Leitschuh per aiutare i propri figli ad identificare e gestire le loro emozioni.


1.    Aiutate i vostri figli a riconoscerle ogni giorno.

Quando vedete che i vostri bambini stanno vivendo un’emozione, aiutateli ad etichettarla “nel momento”. Sosteneteli nella ricerca di cosa potrebbe averla innescata.
Spiegate anche le emozioni che potrebbero esperire gli altri bambini.
Infine, potreste condividere le vostre emozioni con loro (senza caricarli, ovviamente).


2.    Leggete ai vostri figli dei libri sulle emozioni.

I libri dei bambini contengono dei concetti molto importanti per la crescita, espressi con parole semplici, ma significative. Per questo, potrebbe essere utile, per loro, accedere a quelli che spiegano le diverse emozioni.


3.  Guardate spettacoli e film per avviare delle discussioni a riguardo. 

Mentre guardate lo spettacolo o il film preferito dei vostri figli, potreste fare delle domande per aiutarli a capire le emozioni del protagonista: “Cosa pensi stia provando questa persona? Ti sei mai sentito allo stesso modo? Cosa potrebbe aver fatto sentire la persona così?”.


4.    Insegnate ai vostri bambini le capacità per affrontare diverse situazioni.

Le strategie di coping, che saranno efficaci per i diversi bambini, dipenderanno da questi fattori:
-    la famiglia;
-    l’emozione che stanno provando;
-    l’ambiente;
-    le risorse disponibili.
Ecco perché è importante insegnare ai vostri bambini più strategie.

Per esempio, insegnate loro un self-talk positivo. Se sono ansiosi, i vostri bambini potrebbero imparare a dire a loro stessi: “Posso farlo”. “Starò bene”. “So come affrontare la mia ansia”. “Tutti possono sbagliare”. “Posso chiedere aiuto”. “La mia famiglia mi ama per quello che sono”.

Altre strategie utili potrebbero essere: contare fino a 10; chiedere un abbraccio; ascoltare musica; usare una pallina antistress; parlare con un professionista delle credenze dei tuoi bambini.

In più, è importantissimo praticare queste abilità di coping regolarmente, soprattutto prima che ne abbiano bisogno, fungendo voi stessi da modelli.


5.    Siate creativi.

Fornendo dei canali creativi, come, ad esempio, la pittura, la scrittura, l’attività fisica, suonare o ascoltare musica, i vostri figli potrebbero sentirsi a loro agio nell’esprimere le proprie emozioni, o potrebbero farlo in modo più naturale, rispetto a quanto avviene con il semplice parlarne.
   

Essere in sintonia con le nostre emozioni corrisponde ad essere in sintonia con noi stessi. Ci aiuta a capire meglio quali sono le nostre necessità. Ci aiuta a comunicare e connetterci con gli altri.
È per questo, quindi, che la regolazione emotiva è un’abilità importante, da insegnare ai nostri figli e da mettere in pratica per noi stessi.

 


Fonte: PsychCentral.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 7645 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Madri borderline

  I bambini le cui madri hanno una diagnosi di disturbo borderline della personalità presentano difficoltà nell’attaccamento, ritiro sociale, disregolazione emotiva precoce e, in seguito, durante la crescita, tendono a manifestare difficoltà nei comportamenti sociali e distors...

I confini sfocati in famiglia: l'invischiamento

L'invischiamento, una dinamica familiare che può essere descritta come la presenza di confini sfocati tra i membri, può rendere difficile o impossibile per un bambino sviluppare un senso individuale di sé perchè eccessivamente preoccupati per gli altri. Lo psicoterapeuta familiare...

La trasmissione intergenerazionale del trauma

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-traumatico da stress, così come disturbi d’ansia e dell’umore. Tuttavia, un recente studio pubblicato nella rivista Biological Psychiatry, sugg...

Epigenetica e Trasmissione Transgenerazionale del Trauma

Come può una memoria repressa essere trasmessa da una persona all'altra? Può un figlio ereditare realmente la mente inconscia del genitore? È possibile per un bambino ricordare ciò che il proprio genitore ha “dimenticato”? Con il termine Trasmissione Transgenerazionale...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.