Pubblicità

7 modi efficaci per smettere di pensare troppo!

I consigli per affrontare l’Ansia e, soprattutto, l’ “overthinking”.


overthinkingSiete a casa, state cucinando, mangiando, leggendo, …, e vi bloccate sempre sullo stesso pensiero.

Siete a lavoro e non riuscite a smettere di pensare a quel problema, che vi tormenta da tempo ormai.

Ore ed ore ad analizzare quell’evento in ogni minimo dettaglio, ad immaginare le soluzioni e le conseguenze possibili.
In macchina…
Sotto la doccia…
A letto…

Vi ritrovate in questa descrizione?

Ecco di cosa si tratta e come superare queste difficoltà!


L’ “overthinking”.

Uno dei sintomi più comuni dell’ansia è l’ “overthinking” (pensare troppo) o ruminazione.

Le persone che pensano troppo si sentono come se non riuscissero a “spegnere” i loro cervelli: una volta che si fissano su un problema, fanno fatica a liberarsene.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Sicuramente ciò non li aiuta. Sappiamo tutti che essere preoccupati non impedisce che accada qualcosa di brutto.

D’altro canto, l’overthinking può influenzare, in modo negativo, la concentrazione, la produttività e la qualità del sonno di una persona.


Ecco, allora, alcuni suggerimenti per affrontare il tutto in modo efficace.


1.    Date uno spazio ai vostri pensieri.

Scrivere aiuta a schiarirsi le idee, elaborare pensieri e sentimenti e crea uno “spazio di contenimento” per le vostre preoccupazioni: una volta annotate, infatti, non dovete tenerle in mente costantemente.


2.  Date loro un tempo.

Provate a pianificare un tempo per occuparvi delle vostre preoccupazioni, ogni giorno. In questo modo, ogni volta che vi accorgete che state pensando troppo, potete ricordare a voi stessi quando farlo. Fino ad allora, però, concentratevi su altre cose.


3. Stabilitene la durata.

Chi pensa troppo ha bisogno di mettere dei limiti al suo preoccuparsi!
Ora che avete organizzato il tempo per pensare o scrivere le vostre preoccupazioni, dovreste anche impostare una quantità di tempo da dedicare a questo. Se non lo fate, una volta che avete iniziato a pensarci, la mente non si fermerà più!
Badate bene di stabilire una quantità adeguata, tale che non finisca per assumere il controllo della vostra giornata.
 

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589


4. Distraetevi.

Distrarsi è una strategia semplice ed efficace che usiamo tutti. A volte, abbiamo bisogno solo di trovare qualcos’altro da fare, o pensare a come distogliere l’attenzione. Spesso, svolgere un compito impegnativo funziona, così come lavorare, parlare con un amico, vedere un video divertente, leggere, o ascoltare la musica.


5. Sappiate imporvi di fermarvi.

Occasionalmente, potreste aver bisogno di ordinare a voi stessi di smettere di pensare a qualcosa. Potreste anche usare il vecchio trucco di schioccare un elastico contro il polso, o di lavarvi il viso con acqua fredda: sono come una sveglia che vi fa sobbalzare e vi inducono a pensare, o agire, in modo diverso.


6. Decidete se potete cambiare ciò che vi preoccupa.

È utile stabilire se c’è qualcosa che potete fare per le vostre preoccupazioni.
Se è così, fatela.
Se non, riconoscete che è fuori dal vostro controllo e che non vi resta altro che elaborarla ed accettarla – non cambiarla.


7. Fate attività fisica.

L’attività fisica è una delle cose migliori che potete fare per la vostra salute mentale. Fare esercizio fisico, infatti, rilascia endorfine nel cervello, le quali vi fanno sentire più felici e meno stressati.
Ancora meglio è farla all’aria aperta: un cambio di scenario può sviare il vostro pensiero dallo stesso problema e farlo focalizzare su ciò che sta di fronte a voi.
    

Provate questi semplici consigli quotidianamente, ricordando, comunque, l’importanza del supporto da parte di un professionista.
    

 

 

Fonte: PsychCentral.com 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 5984 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La Sindrome da Alienazione Parentale

Bambino o arma? Le dinamiche psicologiche della sindrome da alienazione parentale: ansia narcisista, ansia borderline e ansia traumatica. La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS), un termine coniato da Richard A. Gardner negli anni '80, descrive una condizione – usualmente generata nel contesto di co...

Il Disturbo da sintomi somatici

Il disturbo da sintomi somatici è una condizione in cui una persona prova estrema ansia per le sensazioni fisiche come il dolore o la fatica. Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, nella sua ultima edizione, ha creato una nuova categoria che prende il nome di Disturbo da sintomi som...

Incubi e disturbi nel sonno nella psicosi

Le persone affette da psicosi esperiscono frequenti disturbi del sonno e incubi che, conseguentemente, determinano un'efficienza del sonno più povera, nonché una maggiore presenza di deliri, depressione, ansia, stress e scarsa memoria di lavoro. Negli ultimi cinque anni la ricerca ha focalizza...

La Compassion Fatigue dei terapeuti

Tra il 1985 ed il 1992, il Dottor Charles R. Figley, sviluppò il concetto di “Compassion Fatigue” con il quale si intende una sensazione di stress cronico, esaurimento emotivo e tensione spesso avvertita dai terapeuti come reazione alla grande sofferenza di chi aiutano. Come clinici, tutti...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.